Come generare contatti con il video marketing

Daniel Casarin

Pubblicato da Daniel Casarin

generare-contatti-video-marketing-copertina.jpg

Se stai già creando video per la tua azienda e sei alla continua ricerca di nuove attività per generare nuovi contatti di valore o per sviluppare il business della tua azienda, troverai questo contenuto molto interessante...

Per come la pensiamo noi in Adv Media Lab, il video marketing è una delle strategie più sottovalutate quando si tratta di lead generation. Secondo i dati riportati da Wistia, meno del 20% delle aziende che utilizzano il loro potentissimo software lo usa per la lead generation. Questa percentuale è talmente bassa da lasciarci increduli. Secondo quanto riportato da HubSpot, ⅓ delle attività svolte online da parte degli utenti consiste nella visualizzazione di video. E' per questo motivo che le aziende non possono più fare a meno del video marketing per generare contatti. Vediamo come.

Come inserire il video marketing nella strategia di lead generation

Esistono due metodi principali per utilizzare i video come canali di generazione di nuovi lead:

  • Aggiungere un video in qualsiasi landing page in cui viene inserito un form
  • Raccogliere nuovi contatti mentre visualizzano il video

Entrambi i metodi sono molto efficaci e saranno in grado di dare una spinta decisiva alla tua strategia di lead generation, vediamo come.

Perché inserire video nelle landing page?

I video devono essere utilizzati il più possibile all’interno delle landing page dato che forniscono un canale passivo attraverso cui favorire il coinvolgimento degli utenti rendendo fruibile con il minimo sforzo il messaggio che si vuole veicolare. Le persone sono state incollate agli schermi televisivi a partire dalla metà del ‘900, i video sul web stanno avendo lo stesso impatto. La quantità di video visualizzata e “consumata” dagli utenti è talmente ampia che YouTube sta diventando rapidamente il secondo motore di ricerca al mondo. Secondo uno studio di eyeviewdigital.com utilizzare video all’interno delle landing page può portare ad un increamento del tasso di conversione fino all’80%. Perché i video hanno questo effetto?

  • I video consentono di allungare la permanenza di un utente su una pagina web, permettendo alle aziende di dare maggiore spazio al proprio messaggio aziendale
  • Inserire all’interno dei video racconti riguardanti la tua azienda e il suo personale puoi aumentare significativamente il fattore fiducia
  • Le persone sono pigre e preferiscono guardare piuttosto che leggere

Ciò significa che creare dei video con molto contenuto testuale è praticamente inutile, le persone vogliono provare emozioni autentiche, vogliono fidarsi e vogliono farlo facendo il minimo sforzo possibile. Per rendere i tuoi video più efficaci quindi puoi:

  1. Valutare l’attivazione dell’autoplay quando un utente arriva sulla tua landing page. Diverse guide sconsigliano di utilizzare questa tecnica data la sua natura interruttiva che potrebbe infastidire gli utenti e causare l’abbandono della pagina. Tuttavia, facendo delle valutazioni sul tuo target potresti scoprire che l’avvio automatico dei video può favorire la conversione ed aumentare la riconoscibilità del tuo brand.
  2. Aggiungere una call-to-action (CTA) nei tuoi video. Sta a te scegliere dove e come inserirla, se deve essere permanente o se deve essere mostrata in determinati momenti. Anche in questo caso alla base della decisione deve esserci uno studio approfondito del target e una delineazione esatta delle buyer personas e delle loro esigenze.
  3. Effettuare dei test sulla lunghezza dei video per capire quale tipologia di contenuto è più adatta a raggiungere il tuo pubblico di riferimento.
  4. Inserire all’interno del video dei suggerimenti mirati a favorire la conversione.
  5. Pianificare con attenzione lo script del video prima di produrlo tenendo ben in mente l’obiettivo finale. Se, ad esempio, lo scopo del tuo video è quello di mostrare una demo di prodotto assicurati di eliminare tutti gli elementi in grado di distogliere l’attenzione del potenziale cliente dal tuo prodotto.
  6. Ottimizzare i tuoi contenuti video grazie ad una strategia SEO. E’ dimostrato che i video hanno 52 volte più possibilità di un testo di apparire nella prima pagina dei risultati su Google rispetto ai contenuti testuali. 

lead-generation-video-02.png

Come raccogliere i contatti di chi visualizza il video?

Raccogliere i contatti di chi visualizza un video è molto semplice, basta aggiungere un form! Perché questa strategia abbia successo, però, è necessario scegliere i contenuti adatti. Ogni video ha obiettivi differenti, alcuni saranno focalizzati sull’educare gli interlocutori, alcuni ad entrare in contatto con essi, altri a favorire la conversione. Abbiamo già parlato del ruolo svolto dal video marketing all’interno della customer journey map, nella fase di awareness vorrai educare i tuoi interlocutori ed attirare l’attenzione di un pubblico vasto. Questi video dovranno essere presenti sul tuo blog o nei canali che utilizzi per educare ed informare il tuo pubblico di riferimento. Nella fase di consideration l’obiettivo è quello di mostrare all’utente diverse soluzioni in grado di risolvere il problema che sta affrontando per cui i video prodotti dovranno essere mirati a soddisfare le loro esigenze informative sulle singole soluzioni. Nella fase di decision i video devono riguardare strettamente l’offerta aziendale e mostrarne i vantaggi per l’utente finale. Questi video dovranno essere presenti nelle pagine in cui gli utenti possono effettuare l’acquisto fornendo, così, l’opportunità di prendere una decisione ponderata.

Fatta questa premessa possiamo passare agli aspetti salienti.

Dove deve essere inserito il form? La risposta giusta è “dipende”. Dipende dal tipo di contenuto, dall’obiettivo che si vuole raggiungere e dalla sezione del website in cui è presente. Tenendo bene in mente questo aspetto, è importante tener presente che tutti i video presentano dei punti in cui è maggiormente possibile favorire la conversione. Analizzando migliaia di video, Wistia è riuscita a delineare un diagramma di tracciamento delle conversioni. Dalla ricerca effettuata risulta che i video che inseriscono un form nel primo 10-20% del contenuto convertono meglio e generano più lead.

lead-generation-video-01.png


 

Più in generale, esistono 3 momenti chiave in cui è possibile inserire un form all’interno di un video:

  1. Prima dell’avvio
    In questo modo hai la possibilità di ottenere i contatti di tutte le persone che visualizzano il video, non solamente di quelle che lo fanno per un determinato lasso di tempo. Allo stesso tempo, però, se chi avvia il video non ha visto ancora nulla potrebbe essere più restio a lasciare i suoi dati. Secondo quanto riportato da Wistia, i form inseriti prima dell’avvio presentano un tasso di conversione pari al 8,49%. Inserire il form in questa fase tipo significa trattare il video come qualsiasi altro contenuto di tipo “gated” in cui prima di poter accedere alle informazioni contenute al suo interno è necessario fornire dei dati personali. Alla luce di ciò possiamo affermare che questo tipo di attività avrà successo solo se chi visualizza il video è in grado di riconoscere il valore del contenuto che sta per visualizzare. Se l’utente non ha idea di cosa aspettarsi difficilmente compilerà il form.

  2. Durante il video
    In questo modo potrai scegliere il momento più adatto per inserire il form a partire dalle informazioni che hai raccolto riguardo al tuo pubblico e alle sue esigenze. Il principale vantaggio dell’adozione di questa tecnica deriva dal fatto che avrai già coinvolto il fruitore con la parte iniziale del video e per questo potrebbe essere spinto a compilare il form pur di completare la visualizzazione. Allo stesso tempo, però, l’interruzione del video potrebbe portare l’utente a sentirsi frustrato e ad abbandonare la visualizzazione. Secondo Wistia i form inseriti durante il video sono quelli che presentano un tasso di conversione più alto (22,17%) ma questa tecnica ha successo solamente se il video è abbastanza rilevante da spingere l’utente a fornire i propri casi personali in cambio delle informazioni contenute nella parte finale del video.

  3. Alla fine del video
    Ponendo un form alla fine del video non correrai il rischio di interrompere la storia in esso contenuta. Gli utenti che hanno visualizzato il video nella sua interezza saranno altamente coinvolti e saranno più propensi a lasciare i loro dati convertendosi in lead. Il rovescio della medaglia riguarda il numero di utenti che riesci a raggiungere. Secondo Visible Measures, il 45% degli utenti, smette di guardare un video dopo 1 minuto, il 60% smette dopo i due minuti. La riuscita di questa strategia, quindi, dipende molto dalla durata del video e dalla sua capacità di mantenere l’interesse del pubblico, non ha caso questo tipo di attività è quella che presenta un tasso di conversione minore, pari al 3,05%.


Ricorda che le performance dei form inseriti all’interno dei tuoi video sono strettamente relazionate alle abitudini e alle esigenze dei tuoi contatti. Per questo è importante conoscere approfonditamente il target di riferimento della tua azienda e sviluppare buyer personas in grado di identificarli in ogni sfaccettatura.

Un report di Aberdeen Group suggerisce che i brand che utilizzano video per generare contati spendono meno e hanno tassi d conversione più alti. Ma si deve ricordare che i contenuti video da soli non guidano la conversione dei contatti in clienti, è necessario pensare in modo strategico a come includere CTA intelligenti.

lead-generation-video-03.png


Inizia a generare lead attraverso il video marketing, oggi

Ad oggi i video sono utilizzati solamente come elemento di sostegno a campagne di marketing digitale piuttosto che utilizzati come elemento chiave. Ma gradualmente questo concetto sta cambiando grazie anche a piattaforme tecnologiche come Wistia. Per non dimenticare il fatto (riportato da alcune ricerche), che il tasto “Play” sta diventando la più convincente call-to-action di un website. 

Il video è il più forte strumento di lead generation e lo sta diventando in modo sempre più evidente per qualsiasi azienda, in tutti i settori, dalla tecnologia, all’istruzione, alle cure mediche. Che si tratti di B2B o B2C, agenzie come la nostra hanno giù individuato l’importanza del video marketing per influenzare le decisioni di acquisto e lo stanno rendendo sempre più essenziale nei progetti di content e inbound marketing. 

A questo punto hai tutte le informazioni di cui hai bisogno per iniziare a generare lead attraverso il video marketing. Cosa aspetti? Avresti dovuto già iniziare mesi fa!

 


Vuoi capire in che modo dare una spinta decisiva alla tua strategia e alle attività di lead generation grazie al video marketing?

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA »

 

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Sei un imprenditore o un marketer in cerca di risultati?