Sfide per una trasformazione digitale: guida e scenario completo

Daniel Casarin

Pubblicato da Daniel Casarin

Trasformazione-dig-HEADER-new

 

Stando ad alcuni sondaggi, molte aziende starebbero rallentando il processo di implementazione tecnologica all’interno della propria attività. Secondo molti esperti, però, questo potrebbe essere un passo falso. Ci vorrebbe più coraggio, sostengono, perché è dimostrato che accelerare i processi di digital transformation pagherà, e che l’innovazione tecnologica sarà sempre più centrale, d’ora in avanti, per il successo di un’azienda.

In questo contenuto andremo ad esaminare il modo in cui le aziende dovrebbero guardare alla trasformazione tecnologica, e le modalità con cui questa potrà essere gestita e valorizzata.
Più precisamente ci occuperemo di:

New call-to-action

Trasformazione tecnologica e futuro prossimo

A che punto è la trasformazione tecnologica e cosa ci aspetta nei prossimi anni?

Esaminiamo gli aspetti focali di questa trasformazione:

Stato dell’arte e sfide della trasformazione digitale

È ormai un mantra: se un’azienda vuol essere competitiva deve osare.

Non prendere sul serio la trasformazione tecnologica e l’impatto che questa avrà sulle aziende, e più in generale sul mercato, vuol dire non saper leggere il futuro.

Le aziende che già lavorano in questa direzione sono molto avvantaggiate rispetto alle altre. Le prestazioni aziendali sono decisamente migliorate ed è stato dimostrato che l’utilizzo di tecnologie avanzate è un fattore di differenziazione altamente competitivo, nonché un efficace motore di crescita.

Secondo i risultati dell'ultimo sondaggio del McKinsey Global Institut sull’argomento, negli ultimi due anni il 99% degli intervistati ha investito nella trasformazione tecnologica. È emerso che nel farlo ha però sperimentato problematiche di diverso genere, tra cui spicca la debole partnership tra IT e altri settori del business.

Per superare queste pietre d’inciampo bisogna ricorrere ad una serie di strategie. I lavoratori andranno riqualificati, i valori dell’azienda rivisti, e sarà necessario stringere relazioni IT / business sempre più strette.

Qualche dato in prospettiva

I prospetti triennali degli intervistati sono positivi. La maggioranza degli intervistati (circa il 54%) sostiene che la trasformazione digitale differenzi significativamente la propria attività da quella dei concorrenti. Potenziare l’IT rappresenta dunque un vantaggio competitivo.

 

Trasformazione-dig-chart1

 

Inoltre, il 65% degli intervistati si aspetta che nel prossimo triennio l’implementazione della tecnologia favorirà la crescita dei ricavi più che la riduzione dei costi.

Un quarto degli intervistati afferma infatti che il risultato principale della trasformazione digitale sarà un aumento delle entrate derivante dai nuovi clienti. Un maggior utilizzo della tecnologia dovrebbe inoltre migliorare il rapporto con i clienti già acquisiti e incrementare i ricavi relativi a nuovi prodotti o modelli di business.

Rispetto al periodo precedente, sembra poi che sia sempre più minoritaria la quota di intervistati che ha riscontrato difficoltà ad integrare le tecnologie digitali con i processi di base.

Ciò nonostante, secondo l’indagine del McKinsey Global alcune aziende stanno riconsiderando la necessità di sviluppare ulteriormente l’implementazione tecnologica. La percentuale di aziende che vorrebbero orientare i propri sforzi verso modelli maggiormente integrati o completamente digitali è infatti sempre più esigua.

L’indirizzo generale sembrerebbe quello di un cauto ottimismo, in cui fattore umano e tecnologico possano riuscire a contemperarsi in una sintesi efficace.

Questo succede per alcuni fattori:

  • Lacune nelle competenze dei membri dei team IT tradizionali in tema digitale, con conseguente difficoltà di riqualificazione del personale
  • Differenze “culturali” e di valori tra esperti di IT tradizionale e team digitali
  • Segni di partenariati commerciali IT deboli

Per colmare il divario tra le competenze necessarie oggi e quelle che serviranno invece in un futuro molto prossimo, le aziende dovranno sostituire o riqualificare più di un terzo dei dipendenti IT. E pare che dovranno cominciare a farlo entro il prossimo triennio.

Poche aziende ad oggi hanno varato misure significative per affrontare il problema. Solo il 23% degli intervistati afferma che le proprie organizzazioni tecnologiche hanno ad oggi assunto nuovi dipendenti o riqualificato i propri.

Superare le sfide e guardare al futuro

Sono tre le sfide chiave da affrontare nel periodo di transizione:

1. Gestire il ripensamento dei talenti e dei valori con lo stesso rigore con cui si affronta la modernizzazione tecnologica

Per iniziare, si dovrebbe far l'inventario delle competenze che i dipendenti possiedono. Dopodiché sarebbe necessario confrontare i risultati con le competenze tecnologiche di cui l'azienda avrà bisogno per raggiungere i propri obiettivi. Conoscere le lacune dei membri del team digitale può aiutare i dirigenti a formarli e ad aggiornarli in maniera adeguata e costante.

 

Trasformazione-dig-chart2

2. Rafforzare le partnership IT / business con processi ottimizzati e strutture collaborative

La trasformazione digitale offre l'opportunità di stabilire processi per fornire valore all’azienda. Questi processi andrebbero creati ed applicati assieme ai partner commerciali, allineando l’implementazione tecnologica con gli altri settori dell’azienda. Sotto questo aspetto, è consigliato creare dei team inter-funzionali composti da professionalità diverse, congiuntamente responsabili della fornitura di nuove tecnologie.

 

Trasformazione-dig-chart3

3. Misurare il valore aziendale creato con la tecnologia e condividerlo

La misurazione delle performance tecnologiche si concentra spesso su costi e rischi piuttosto che sulla generazione di valore. I CIO devono pertanto garantire che le proprie organizzazioni misurino e conoscano il valore che creano per l'azienda. Ogni dipendente deve in seguito essere informato di questo valore. Man mano che i processi dell’azienda diventano più agili ed iterativi, diventa importante regolare il modo e la frequenza di misurazione delle performance.

Alcune aziende di successo utilizzano revisioni trimestrali. Alle riunioni partecipano sia la leadership IT che quella aziendale, per definire assieme il valore creato dai nuovi team digitali.

 

Trasformazione-dig-chart4

Torna all'indice

Come operare e gestire la trasformazione tecnologica

Passiamo ora ad esaminare nel dettaglio le modalità di gestione della trasformazione tecnologica, indagando processi e figure chiave:

Gestire la digital transformation

Secondo il sondaggio diretto dal McKinsey Institut, nove intervistati su dieci rivelano che le loro organizzazioni hanno perseguito un'importante trasformazione digitale nell’ultimo triennio. Ma il 70% delle aziende che hanno scommesso sulla trasformazione digitale, afferma che ad un certo punto questa ha perso slancio. La perdita di “spinta” si sarebbe verificata prima che il processo potesse impattare in maniera significativa sull’attività.

I principali problemi si sarebbero infatti verificati nell’allineamento dei vari settori dell'organizzazione in vista del raggiungimento di obiettivi comuni, e nella capacità di tradurre la strategia dell’azienda in un progetto di trasformazione efficace.

Adattare la “cultura” di un’azienda a delle strategie innovative è una lotta che può richiedere tempo e che va combattuta a tutto campo. Valori disallineati e differenti modi di lavorare sono la causa principale del burnout digitale. Il “sistema silos”, ancora utilizzato in molte realtà, è uno dei più sfiancanti nemici dell’innovazione.

Altri problemi possono dipendere dalla poca chiarezza nella comunicazione della strategia di trasformazione alle diverse parti in causa.

Gestire la trasformazione tecnologica significa anche imparare come ripartire in caso di stallo.

Secondo il 36% degli imprenditori intervistati, gli step da seguire sono principalmente tre:

  1. Intraprendere un rigoroso programma di gestione del cambiamento
    Un rigoroso programma di gestione del cambiamento esige chiarezza e impegno strategico in tutta l'organizzazione. La mancanza di queste caratteristiche è uno degli ostacoli più comuni difficili da superare. La strategia deve essere chiara, semplice e stimolante. Deve inoltre permettere la creazione di valori inediti e nuovi modelli di business, e tradursi in implicazioni specifiche per ogni ruolo e team.

  2. Migliorare il modello economico per tempi ed impatto della trasformazione
    Per ottimizzare il modello economico è necessario creare un piano di trasformazione digitale basato su analisi realistiche e rigorose, tenendo ben presenti gli obiettivi economici ed aziendali. Tale modello dovrà essere aggiornato frequentemente. La diffusione della tecnologia digitale sta avendo effetti senza precedenti sulle industrie e su comportamenti e preferenze dei consumatori. Man mano che il percorso digitale si dipana, è necessario che i leader rivedano costantemente il modello di business scelto per l’azienda e che prendano decisioni mirate circa investimenti ed altre questioni.

    È inoltre necessario sbloccare le risorse per assumere nuovo personale
    o riqualificare il vecchio. Una volta che un'organizzazione comprende le potenzialità della trasformazione digitale, difficilmente avrà riserve nel continuare ad investirvi. Le aziende devono mutare i propri approcci all’acquisizione e sviluppo di talenti e ai propri processi operativi, impegnandovi risorse in numero adeguato.

  3. Sviluppare un solido piano di comunicazione interna
    Anche in questo caso, chiarezza e capacità di comunicare con dipendenti e clienti restano fondamentali.

Tutti tre gli step sono tra gli interventi più comuni che le aziende avviano. L'intervento più comune riguarda la sostituzione del leader della trasformazione tecnologica, il meno comune l’acquisizione di un’altra azienda.

 

Trasformazione-dig-chart5

Accelerare l’impatto della trasformazione tecnologica

L’evoluzione digitale crea delle sfide, ma anche alcuni problemi:

  • L’infrastruttura IT di molte aziende è una sorta di patchwork di più piattaforme e sistemi non adeguatamente integrati tra loro e col resto della struttura
  • Le aziende hanno spesso impianti di produzione e macchinari obsoleti, a volte degli anni ’40 e ‘50. Questo significa sforzi di ammodernamento lunghi e costosi
  • Manca spesso la conoscenza approfondita delle tecnologie digitali. Ad esempio, anche se un'azienda ha adottato il cloud, i suoi leader potrebbero non aver capito come sfruttarlo al meglio
  • Il costo è un ostacolo ricorrente: con uno scetticismo persistente sull'impatto degli investimenti tecnologici, i dirigenti possono staccare la spina ai progetti nel momento in cui emergono difficoltà
  • Penuria di talenti e lacune nella loro assunzione o formazione

Solo seguendo un progetto strutturato e completo, le aziende possono tradurre una strategia di trasformazione in azione. È necessario un approccio che incorpori globalmente l’azienda.

Si potrebbe elaborare una strategia bifasica che tenga conto delle diverse branche di un’organizzazione.

Vediamo come.


Vuoi capire come affrontare la trasformazione digitale?

Richiedi una consulenza al nostro Customer Success Manager


Fase 1: valutazione

Gli aspetti da prendere in considerazione in questa fase sono cinque:

  • Produzione e distribuzione
  • Vendita
  • Gestione dell'azienda
  • Manutenzione
  • Innovazione e sviluppo di prodotti e servizi

La strategia deve essere unitaria e tenere in considerazione ognuno di questi aspetti.

Ad esempio, l'IT potrebbe collaborare con il team di vendita per realizzare prezzi dinamici, ma senza una visione più ampia e una trasformazione ambiziosa in mente, il valore che creerebbe sarebbe limitato.

Come parte della fase di valutazione, le aziende devono stabilire obiettivi chiari per ogni caso d’uso, sulla base del settore in cui operano e degli aspetti che vogliono maggiormente potenziare.

Una trasformazione tecnologia ben eseguita avrà un impatto diretto sulla crescita e sui margini dei ricavi, oltreché sulle entrate derivanti dai nuovi modelli di business.

 

Trasformazione-dig-chart6

Fase 2: implementazione

Questa fase comporta lo sviluppo delle capacità interne e dell'infrastruttura. Velocità e accelerazione sono fattori fondamentali di una trasformazione riuscita.

Ecco allora cosa bisognerà fare:

1. Investire in talenti: le professionalità da reclutare possono essere divise in due categorie:

  • Lavoratori con le competenze e la mentalità agile per sviluppare soluzioni digitali
  • Leader e dipendenti che sfruttano le informazioni ricavate dai dati per ottenere impatto massimale

In molti casi, gli incentivi e i processi di gestione devono essere rivisti in modo significativo per motivare una nuova ed importante ondata di assunzioni.

Le aziende devono inoltre affrontare la diffidenza dei dipendenti verso la trasformazione, promuovendo a tutti i livelli una mentalità inedita creativa ed innovativa.

Il miglioramento della leadership e delle capacità della forza lavoro richiede una combinazione di programmi di formazione standard e personalizzati.

Questo sforzo deve essere continuo e richiede strumenti costantemente aggiornati.

2. Investire in tecnologia e dati: è essenziale che le aziende si occupino dell'infrastruttura tecnologica a tutti i livelli dell'organizzazione.

Le aziende devono ad esempio trovare il modo d’aggregare e consolidare i dati in un data lake centralizzato. Inoltre, è necessario monitorare l’uso dei dati e le performance ad essi collegate per capire il loro successo.

Per quanto riguarda i tempi della trasformazione tecnologica, è bene che siano i più rapidi possibile.

Questo aumenta il coinvolgimento e la responsabilità dei dipendenti. Troppo spesso si vedono aziende allungare inutilmente i tempi dello sviluppo tecnologica.

 

Trasformazione-dig-chart7

3. Ottimizzare l’infrastruttura delle prestazioni nelle sue tre componenti

  • Il team di trasformazione. I leader devono essere esigenti nella selezione dei membri. Devono essere professionisti stimati e provenienti da diverse unità aziendali. Hanno il dovere di individuare i problemi e di utilizzare i dati per aumentare la responsabilità di tutti i dipendenti. Un buon team per la trasformazione deve elaborare processi decisionali basati esclusivamente sui dati.
  • War room. È il centro nevralgico dei processi di trasformazione. Monitora in tempo reale le prestazioni dell’azienda e di ogni suo dipendente, e decide tempistiche per meeting ed azioni di integrazione dati e gestione clienti.
  • Incentivi e riconoscimenti per i membri più meritevoli.

4. Curare organizzazione e mentalità: affinché il modello operativo cambi, i dirigenti devono modificare il modo in cui gestiscono l'azienda. L'utilizzo di strumenti e dashboard digitali e la definizione di KPI rafforzeranno strategie aziendali innovative.

Ogni trasformazione deve affrontare lo spauracchio dell’insuccesso: la ricerca McKinsey ha rilevato che circa il 70% dei tentativi fallisce. È quindi necessario un playbook chiaro e dettagliato, composto da molteplici iniziative che tocchino ogni parte dell'impresa.

Ecco alcuni temi comuni:

  • Definizione di obiettivi legati alla crescita dei ricavi e dei margini. Obiettivi chiari promuovono la trasparenza e la responsabilità in tutta l'organizzazione
  • Esempio e controllo da parte dei leader sono strumenti fondamentali per il successo delle trasformazioni

Le aziende devono adottare un approccio completo e non frammentario. Questo consente di individuare al meglio le aree dove la trasformazione tecnologica è necessaria.

Per un nuovo tipo di leader

Affinché l'IT diventi un fattore di valore, il CIO necessita di nuove competenze e capacità:

  • Deve essere un leader commerciale. Le aziende che sfruttano ampiamente l’IT sono molto più propense di altre ad avere un CIO assai coinvolto nei processi di strategia ed agenda di business

  • Deve imparare il business dentro e fuori. I migliori CIO investono tempo con leader e manager aziendali per ottenere una comprensione approfondita e sul campo. Inoltre, fanno di tutto per sviluppare una comprensione estesa e dettagliata dei problemi dei clienti

  • Si deve assumere la responsabilità per le iniziative che generano entrate. Il CIO deve, ad esempio, occuparsi dell’attività di eCommerce, o collaborare al lancio un prodotto digitale e misurarne il successo mediante indicatori di prestazioni chiave (KPI). Tali sforzi consentono ai CIO di comprendere a fondo le implicazioni della tecnologia e l’impatto che questa comporta sull’attività

  • Deve collaborare con i leader aziendali, creando insieme a loro partnership reali basate su obiettivi comuni. Deve inoltre essere messo in chiaro che la responsabilità è reciproca. Per dare il via al percorso di trasformazione, ad esempio, il CIO di un'azienda di trasporti e logistica incontra ogni singolo leader aziendale per comprendere obiettivi e problemi. Su questa base potrà poi stabilire gli step necessari per lavorare assieme in modo ottimale

  • Deve essere un talent scout e formare talenti interni. I migliori CIO sviluppano percorsi di carriera diversi in modo che i migliori talenti possano avanzare nelle proprie aree di forza. Anche la riqualificazione della forza lavoro tecnologica esistente dev’essere un elemento centrale del processo

  • Promuovere una cultura rivoluzionaria basata su:
    • Supporto e vera collaborazione 
      Promuovere la collaborazione tra i team tecnologici e tra il business e la tecnologia è uno dei prerequisiti più importanti per una trasformazione di successo. Si possono creare ad esempio team inter-funzionali che operino assieme su più aspetti

    • Comunicazione chiara sulle implicazioni aziendali dell’implementazione tecnologica 
      In passato, le trasformazioni IT si sono spesso dimostrate costose, dispendiose in termini di tempo e di scarso valore. Questo ha bloccato lo sviluppo tecnologico di alcune aziende. Per risolvere questo problema e creare fiducia, i migliori CIO hanno un ruolo attivo nell'educare i leader circa le tecnologie e loro applicazioni per il business

Considerazioni finali

In questo contenuto abbiamo preso in esame modi e tempi della trasformazione tecnologica, offrendo suggerimenti e consigli su come attuare il processo.

Negli anni a venire l’innovazione sarà sempre più centrale nel determinare il successo di un’azienda. Non arrivare in tempo all’appuntamento significa correre il rischio di perdere competitività e veder inesorabilmente naufragare la propria attività. 

Segui i nostri consigli e fatti trovare pronto: il futuro comincia oggi!

 


Hai appena iniziato o devi ancora iniziare la digital transformation all'interno della tua azienda e vorresti ricevere dei consigli personalizzati dagli esperti del settore? 

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA »

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Sei un imprenditore o un marketer in cerca di risultati?