Guida al Social Media Engagement e perché è così determinante per le tue attività di social media marketing

Marina Di Vincenzo

Pubblicato da Marina Di Vincenzo

Guida al Social Media Engagement
L’idea di social media engagement sta travolgendo un numero sempre più alto di aziende, poiché concretizza la targetizzazione del tuo giusto pubblico su tutte le piattaforme social. Sai benissimo che ormai i social possono portarti numerosi vantaggi. Tutto però dipende da come usi questi canali di comunicazione per creare interazione e quindi... engagement!

Per numerose aziende, il mondo dei social media è un luogo rumoroso e sovraccarico di informazioni mirate alla costruzione della brand awareness. In realtà questa visione è molto limitata e non permette ai marketer di sfruttare al meglio questi potenti canali di comunicazione messi a loro disposizione (soprattutto alla luce dei nuovi strumenti di lead generation).

Utilizzare  i social network significa cogliere un'opportunità unica nel suo genere per coinvolgere il proprio target di clienti ideali di riferimento e costruire con loro relazioni durature.

Guida al Social Media Engagement

Cosa significa Social Media Engagement?

E’ bene poterlo considerare come un qualcosa di tangibile... una relazione a lungo termine. Immagina un legame impegnativo e intricato fatto di dedizione, impegno, disponibilità ad adattarsi e capacità di pensare al futuro, assicurando la felicità all’altra persona per gli anni a venire.

 


L’engagement non riguarda una singola interazione con uno dei tuoi clienti, ma significa sfruttare costantemente un canale comunicativo sempre aperto, per stringere relazioni con tuoi clienti e potenziali, in un determinato arco di tempo.


 

Mentre il significato di “customer relationship” è facilmente comprensibile ai più, per “ customer engagement” la situazione è leggermente diversa...

Quando pensiamo al social media engagement (coinvolgimento sui social media), pensiamo subito ai social network come Facebook, Instagram e Twitter per creare una buona customer experience e nel momento in cui i clienti decidono di “sposare” il tuo business sui social, in termini di engagement, è allora che ripongono fiducia sulla tua azienda e sulla tua capacità di risolvere i loro problemi!

Costo Per Click e Costo Per Fan

Non dobbiamo dimenticare poi un fattore decisivo. Tutti i social network in circolazione includono l'engagement tra i fattori chiave nel posizionamento di un contenuto all'interno della timeline di ogni iscritto. Più in un contenuto si crea interazione e maggiormente queste piattaforme lo mostreranno a tutti i fan o followers. Con conseguente e diretto abbassamento del Costo Per Click e Costo Per Fan di ogni community. E qui entrano in gioco tutte le strategie di social advertising che hanno come obiettivo quello di stimolare l'engagement per creare un impatto diretto sul proprio business in termini di traffico sul proprio website, lead e clienti.

Risposte tempestive e partecipazione 

D'altra parte è importante sapere che supportare i tuoi clienti quando hanno specifiche richieste e domande aumenta la brand loyalty e la possibilità di un acquisto futuro

Grazie ai report sull’engagement, potrai vedere come i clienti interagiscono col tuo brand e cosa dicono in tempo reale. Questo ti darà la possibilità di sapere se il tuo team sta rispondendo e reagendo velocemente ed efficacemente. Inoltre, con gli strumenti adatti, potrai controllare velocemente il potenziale reach del tuo prodotto/servizio sui social e quanto il tuo team di marketing  sta effettivamente lavorando ai fini dell’engagement con i clienti.

Un team che dovrebbe essere costituito da professionisti ma resterà sicuramente un importante apporto la partecipazione di esecutivi per contribuire a pubblicare contenuti.

Se il tuo amministratore delegato infatti sta pubblicando o ripubblicando contenuti, il tuo pubblico facilmente interagirà maggiormente con il tuo brand perché vedrà la fiducia e la stabilità in azienda. E’ intelligente mescolare contenuti dalle diverse aree della tua attività per umanizzare il tuo brand. Per un osservatore infatti, vedere il contenuto prodotto da entrambe le estremità del tuo team instilla un senso di affidabilità.

New call-to-action

Sei un imprenditore?
Ecco perché il tuo social media engagement deve essere il più alto possibile

Perché il social media engagement è così importante per le aziende? L’interazione come abbiamo già detto è il livello di coinvolgimento, interazione, intimità ed influenza che una serie di individui hanno con un brand durante un arco temporale.

Il social media engagement è un metodo efficace e popolare per rafforzare l'interazione e l'affinità tra un marchio e il suo consumatore o decision maker. Un social media engagement prolungato aiuterà a creare fedeltà del tuo brand e infine porterà i tuoi clienti a difendere il tuo brand e fare passaparola del tuo prodotto o servizio.

Per quegli imprenditori con un desiderio di acquisire visibilità e consapevolezza del proprio brand, è un imperativo sviluppare campagne di social media engagement. La fiducia e la credibilità sono basate su interazioni sostenute e sullo sforzo costante e continuo indirizzato ai propri clienti e potenziali clienti nel tempo.

D’altro lato ci sono i motori di ricerca che continuano ed evolversi, allontanandosi dalle ottimizzazioni tecniche che coinvolgono parole chiave e tecnicismi, avvicinandosi invece sempre di più ad un ambiente in cui interazioni, informazioni rilevanti, contenuto curato, influenza sui social media ed engagement. Tutti fattori chiave che portano sempre più risultati correlati (al tuo brand) nella ricerca organica sui motori di ricerca.

Maggior engagement è in grado di creare un brand con il suo pubblico, maggiore sarà la sua indicizzazione sui motori di ricerca.

Guida al Social Media Engagement

Come migliorare il tasso di coinvolgimento sui social network?

All’inizio è sempre utile sapere che il social media engagementgement è "social" nel vero senso della parola. Sappi infatti che ogni piattaforma è differente, così come lo è il modo in cui andrebbe ad incidere sulla tua azienda.

Facebook, ad esempio, definisce l’engagement sotto forma di like, commenti, condivisioni, storie e visualizzazioni, mentre Twitter lo considera come un insieme di @menzioni, commenti ed hashtag.

Cerca di non pensare al social business/branding come qualcosa di nuovo. Questo tipo di marketing è conosciuto da decenni, ma solo adesso è possibile esplorarlo attraverso i social network.

Il lancio del tuo brand comincia proprio dalle strategie di engagement più efficaci.

Vediamo quali sono:

  • Inizia la conversazione
    Ogni buona relazione “long-term” necessita di qualcuno che inizi una conversazione per dare il via all’interazione. Ricorda comunque che il modo migliore per crearne una è postare contenuti appassionanti e interessanti. Quando i tuoi potenziali clienti vedranno un contenuto definibile “engaging” (coinvolgente), tenderanno automaticamente ad avvicinarsi al tuo business.

    Un contenuto non dovrebbe promuovere soltanto il tuo prodotto, bensì offrire un'area di discussione riguardo a temi importanti nel tuo settore per favorire la partecipazione, l'interazione e lo scambio di opinioni. Questo aiuterà la tua azienda a diventare una thought leader del settore.

  • Pubblicizza i promotori del tuo brand
    Per esempio, se sei su Instagram, potresti chiedere ai clienti di @menzionare o #taggare la tua azienda usando i prodotti/servizi che offri. Postare contenuti generati dagli utenti è il modo perfetto per raggiungere i tuoi clienti ed aumentare il social media engagementgement.

    Assicurati di essere completamente trasparente con loro, incoraggiandoli a condividere i prodotti/servizi che offri!  Perché dovresti usare determinati hashtag? Dipende tutto dal tracking.

  • Intreccia gli eventi con i contenuti
    Quando una cosa è di tendenza, anche virale, puoi usare gli eventi per portare nuovo traffico sui tuoi social network (vacanze, eventi nel mondo dello sport, live show).

  • Prontezza e attenzione
    Assicurati di rispondere sempre in tempo alle domande. Inoltre, non è bello vedere pagine social aggiornate all’anno precedente, senza nuovi contenuti o interazioni di clienti. Se hai intenzione di investire il tempo nel social media engagement, devi assolutamente essere attivo o gli utenti penseranno che non ti curi più di tanto della cosa!

    L’obiettivo è quello di attirare più attenzione possibile verso il tuo brand, magari generando interazioni positive.

    Fornire le risposte adeguate e veloci ai clienti, al momento giusto, mostrerà quanto tu sia coinvolto ed interessato all’interazione (rispondere semplicemente “sì” o “no” non basta per ottenere un buon engagement!).

Scarica-la-guida-2019-social-media-checklist

Come aumentare l’engagement su ciascun canale?

Ecco una chiara lista che ti chiarirà le idee.

  1. Facebook
    • Classificazione: piattaforma di social sharing di qualsiasi tipo di contenuto
    • Audience: ampio, tutte le età
    • Picco di Engagement: h. 12/15 - giorni feriali
    • Considerazioni chiave: Facebook rimane il più popolare social network del mondo, una fusione di opportunità con oltre 2 milioni di contenuti condivisi giornalmente. E’ considerato il punto focale per il social media engagement per molte imprese.

  2. Twitter
    • Classificazione:piattaforma di microblogging limitato a 140 caratteri; engagement in tempo reale
    • Audience: ampio, generazioni più giovani e professionisti in età avanzata
    • Picco di Engagement: h. 12/14 - giorni feriali
    • Considerazioni chiave: Twitter gode della presenza di più di 500 milioni di utenti attivi. Ci sono diverse opportunità di engagement. Parliamo di un canale ancora molto difficile da ignorare.

  3. LinkedIn
    • Classificazione: social network business-oriented
    • Audience: Nicchia, professionisti compresi tra Millennials e vecchie generazioni
    • Picco di Engagement: h. 7/9 - giorni feriali
    • Considerazioni chiave: LinkedIn permette al tuo pubblico di connettersi direttamente col tuo business. Ricordati di sottolineare sempre valore e risorse della tua azienda!

New call-to-action

Esistono strumenti gratuiti per intensificare l’engagement?

Come sai bene, la tua reputazione online può migliorare o rovinare il tuo brand. Per conoscerla, saranno necessari degli strumenti che monitorano la tua attività social. Ecco 6 tool gratuiti:

  1. Google Alerts
  2. Hootsuite
  3. TweetDeck
  4. Icerocket
  5. Social Mention
  6. Brand24

I social media e il visual content vanno di pari passo: usare immagini o grafiche personalizzate riporta sempre ottimi benefici per i social media presidiati. Se pensi di non poterti permettere un’infografica, puoi sempre condividerne una già pronta per intrattenere il tuo pubblico.

Ci sono anche altre opzioni gratuite e creative per inserire delle immagini nella tua piattaforma social:

  • Una foto del backstage di un nuovo prodotto
  • Ricordare al pubblico chi sono i membri del team
  • Vecchie foto dei dipendenti, come quando erano bambini
  • Chiedere ai follower di condividere i tuoi contenuti fotografici
  • Lanciare un photo contest
  • Condividere immagini relative a eventi di settore
  • Creare collage con tools specifici come Fotor, Photovisi, Picasa, BeFunky, Ribbet o Canva
  • Creare facili infografiche con Piktochart

Guida al Social Media Engagement

7 Semplici attività per aumentare il tuo social media enagement

1. Gli utenti amano essere “omaggiati”!

Questa attività facilita l'aumento del tasso di engagement sulle piattaforme social che scegli, poiché gli utenti generalmente amano ricevere “premi di riconoscimento”.  Potresti per esempio chiedere ai tuoi follower di compilare un modulo, mettere like alla tua pagina o condividere la loro storia preferita sul tuo brand per poter avere la possibilità di vincere un prodotto o una sottoscrizione.

2. Fai loro delle domande

Far loro delle domande è un modo alternativo per attivarli sui social network. Potresti chiedere di fornire consigli, idee di contenuto su ciò che vorrebbero vedere in futuro dal tuo brand o semplici domande come: “Che programmi avete per il weekend?” Un’altra idea sarebbe quella di tenere una frequente “Q&A session”. Questo dà ai tuoi fan l’opportunità di fare domande su prodotti e servizi e diventare apprezzati membri della tua community.

3. Linkare e partecipare

Inserire link al tuo o ad altri website può essere un passaggio considerevole per le tue piattaforme social, poiché aumenta la brand awareness, ti tiene in contatto coi leader del settore e può farti diventare uno di loro. E’ una fattispecie di sharing economy che ti porterà i risultati sperati se attuata correttamente. A tal proposito, assicurati di condividere informazioni che i tuoi lettori amano e trovano interessanti

4. Riutilizza i contenuti

Facebook, Twitter, LinkedIn e Pinterest sono solo quattro dei numerosi social network esistenti sulla faccia della terra e possiedono caratteristiche totalmente differenti tra loro! Per questo motivo, puoi riutilizzare un contenuto ed adattarlo al pubblico che intendi attirare. Per esempio, potresti creare una how-to-list per Linkedin e convertirla in un’immagine da condividere su Facebook o Pinterest o addirittura aggiornare/ripubblicare uno dei tuoi articoli più popolari: l’idea è che puoi usare la stessa idea/contenuto per attirare un pubblico diverso su canali diversi!

New call-to-action

5. Mostra la tua personalità

I tuoi follower vogliono vedere cosa c’è dietro al brand, vogliono vedere le persone. Puoi cominciare a condividere le tue informazioni personali...come hobby, storie o interessi! Potresti condividere anche contenuti su prodotti, blog post che trovi interessanti o la tua giornata tipo…

Ricordati, quindi, di non esagerare postando contenuti riguardanti prettamente il tuo business... i social media riguardano le PERSONE! 

 


Il processo di engagement deve servire i clienti, educare la community e creare un’innovativa leadership di pensiero


 

Pensa ai social media come un percorso: il tuo livello di impegno nella piattaforma è uguale al veicolo che hai deciso di usare per spostarti dal punto A al punto B. E’ importante per capire perché la tua community sta cercando una piattaforma ben precisa per proiettarsi sulla fetta di pubblico interessata.

Una comunicazione poco costante e coerente rovina la user experience e amplia progressivamente il gap tra te e i tuoi attuali o potenziali clienti, rallentando l’engagement della community. Ad esempio, postare foto personali o aggiornamenti su Linkedin, universalmente conosciuto come network improntato sulla professione, non rispetterebbe il canale e non migliorerebbe il brand engagement!

Oltre alle tre regole essenziali di personalità, trasparenza e puntualità del social media engagement, bisogna…

6. Targetizzare gli influencers

Le persone e le aziende che contano di più nel tuo settore sono conosciute come influencer e, fungendo da promotori del tuo brand, possono attirare un numero elevato di utenti.

7. Analizzare ogni canale

Un fattore che sovrasta ogni dinamica riguardante l’engagement è l’esaltazione della qualità sulla quantità. Non è il volume dei tuoi post che conta. Ciò che importa è la connessione effettiva col target audience interessato.

...ma come si calcola l’engagement?

Avvicinarsi agli obiettivi del social media marketing prevede l’analisi dell’engagement su:

  • Volume dell’engagement. Rappresenta l’impatto totale o il potenziale d’impatto. Questa metrica costituisce il parametro di misurazione dell’engagement e include likes di Facebook, retweets di Twitter, ecc.
  • Tasso di engagement. E’ il parametro di qualità o funzionalità ed è calcolato come il volume diviso per il numero di utenti o eventi che potrebbero aver scatenato l’azione.
  • Costo per engagement. E’ calcolato come volume dell’engagement diviso per la spesa ed è cruciale per valutare il rapporto costo/efficacia di una campagna.


Esistono tre tipi di metriche del volume nei social media: 

  • I follower, che rappresentano il pubblico che ha il potenziale di postare immediatamente il contenuto, mettendolo in diretta esposizione
  • Il reach, che rappresenta il numero di individui cui il contenuto o la pagina sono stati esposti
  • Le impression, che rappresentano il numero totale di visualizzazioni per contenuto o pagina

La scelta delle metriche di base cambia il significato del risultante tasso di engagement:

  • Engagement/Follower. Rappresenta l’engagement per follower o fan. Ha il beneficio di essere facile da calcolare, anche per le proprietà competitive dove l’informazione sul reach non è disponibile.
  • Engagement/Reach. Rappresenta l’engagement per ogni individuo che ha visto un determinato post. Ad ogni modo, questa metrica può dare un quadro fuorviante della performance, visto che non distingue i post che hanno lo stesso tasso di engagement ma tende a variare il reach.
  • Engagement/Impression. Rappresenta l’engagement di un individuo per visualizzazione. Visto che l’engagement con lo stesso post due volte è piuttosto raro per un individuo, l’engagement/reach è generalmente la scelta migliore per valutare la performance del post, escludendo i casi in cui è necessario un certo livello di visualizzazione.

Guida al Social Media Engagement

Quali sono le implicazioni psicologiche del social media engagement? 

Alcuni interessanti studi hanno dimostrato che le interazioni quotidiane si basano quasi interamente (E sempre di più) sulla comunicazione non verbale. Quando interagiamo con gli altri, trasformiamo continuamente segnali senza parole... come espressioni facciali, tono di voce, gesti, linguaggio del corpo, contatto visivo. 

Questi segnali non verbali sono il cuore e l’anima dell’interazione!

Non possiamo capire il vero significato dell’interazione se non abbiamo la capacità di interpretare questi segnali. Questi segnali ci permettono di dedurre le intenzioni dell’altra persona, così come il livello di coinvolgimento nella conversazione, se sono stressati o rilassati e così via…

I segnali non verbali aggiungono un certo spessore all’interazione, ma richiedono sforzo cognitivo ed emotivo. Lo sforzo extra che riguarda le interazioni face-to-face può essere tradotto in interazioni virtuali che si manifestano attraverso emoticons o punteggiatura.

Il punto è che la differenza tra un contenuto di valore ed un contenuto che “semplicemente esiste” è... l'interazione.


Vuoi organizzare al meglio il tuo lavoro per aumentare il coinvolgimento sui tuoi canali social?

Scarica-la-guida-2019-social-media-checklist

Oppure vuoi aumentare il tuo
social media engagement?

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA »

 

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal nostro blog!