Inbound marketing trend 2023. Prospettive e operatività

Riccardo Ciccioli

Pubblicato da Riccardo Ciccioli

10-3-23 inbound marketing trend [AML] - Blog post - 3 (61)

L'inbound marketing ("marketing in entrata") è un approccio olistico al marketing che punta ad attrarre e convertire potenziali clienti. Lo fa attraverso strategie mirate e data-oriented, generando lead qualificati, con un elevato ritorno sull'investimento (ROI).

Per pianificare una strategia inbound marketing di successo è necessario allinearsi con gli inbound marketing trend 2023. Conoscendo le tendenze di settore, potrai anticiparne gli sviluppi e battere sul tempo la concorrenza. In questo articolo esamineremo le principali tendenze di inbound marketing per l'anno a venire.

 


Punti chiave dell'articolo:

  • Marketing inbound e outbound: nemici-amici. Chi ha detto che inbound e outbound marketing non possano coesistere pacificamente ed essere utilizzati in modo sinergico all'interno di una stessa strategia?
  • Inbound marketing: cos'è e trend per il 2023. Indagare i trend emergenti è la migliore soluzione per anticipare le mosse di mercato
  • I dati dell'inbound marketing 2023: esempi e statistiche per agire consapevolmente. Nel marketing digitale i dati sono decisivi: abbiamo selezionato le statistiche più significative per un inbound marketing 2023 a prova di competitor 

 

L'inbound marketing è un approccio teso ad attrarre potenziali clienti attraverso strategie mirate, supportate da contenuti ad alto valore e CX (customer experience) ottimizzata.

L'inbound marketing è strutturalmente differente dall'outbound marketing ("marketing in uscita"), eppure, sotto molti aspetti, sono due approcci complementari.

  • L'outbound marketing mira a raggiungere il cliente in maniera proattiva (o meglio, invasiva), mettendo al centro dei processi di marketing l'azienda con i suoi prodotti e servizi. L'outbound marketing è associato all'interruption marketing: promuove una comunicazione monodirezionale con il cliente, "interrompendolo" con attività pubblicitarie (annunci, pop-up, banner ecc.), promozionali e di sales tradizionali
  • L'inbound marketing rompe gli schemi: attrae e non interrompe, offre valore reale e non mira a una conversione "debole" e fine a se stessa.

Sono strategie tipiche dell'inbound marketing:

  • Content marketing
  • Blogging e guest post
  • Social media
  • SEO (search engine optimization)
  • Email marketing

L'outbound marketing sfrutta invece:

  • Banner pubblicitari
  • Pop-up
  • Spot televisivi
  • Cold calling (chiamate a freddo) e cold email
  • Cartelloni pubblicitari e altri strumenti di marketing tradizionale

L'impostazione inbound marketing classica prevede 3 fasi:

  1. Attirare (Attract): è la fase della connessione, in cui l'azienda si presenta come una autorità di settore. L'azienda raggiunge clienti interessati e genera fiducia nei prospect tramite contenuti e interazioni ad alto valore
  2. Coinvolgere (Engage: è la fase della conversione. Offrendo approfondimenti e soluzioni, l'azienda spiega ai suoi clienti (acquisiti o potenziali)  perché e come il suo prodotto o servizio può aiutarli
  3. Deliziare (Delight): è la fase della fidelizzazione, in cui l'azienda incoraggia le vendite, favorisce i secondi acquisti ed eleva i clienti a customer evangelist. Supportare il cliente nella fase post-acquisto è uno dei principali fattori di successo nell'inbound marketing 2023.

Dopo aver  chiarito alcuni concetti di base, siamo adesso pronti a passare in rassegna gli inbound marketing trend che devi assolutamente implementare nella tua strategia inbound marketing 2023.

Ecco cosa vedremo nel dettaglio:

Inbound marketing trend 2023

Inbound marketing trend 2023: la guida completa tra prospettive e operatività

Uno dei principali obiettivi dell'inbound marketing è creare contenuti "evergreen": articoli che vertono su topic in grado di tenere vivo l'interesse del nostro pubblico nel tempo  (e stiamo parlando di mesi, in alcuni casi di anni).

Articoli pilastro del nostro traffico organico, incentrati su keyword che sono relativamente impermeabili alle variazioni di volume di ricerca. Parliamo di contenuti utili e ad alto valore, in grado di attrarre e fidelizzare i clienti, che consentano l'instaurarsi di un rapporto di lunga durata e possano irrobustire e valorizzare la tua strategia di digital inbound marketing 2023.

Tra le maggiori tendenze inbound marketing per il 2023 troviamo gated content, SEO, contenuti interattivi e chatbot, social media e influencer marketing, live streaming e data research.

Che si parli di trend B2B o di trend B2C, in ogni caso, è necessario cambiare prospettiva e ripensare la UX (user experience), implementando l'innovazione digitale in un sistema di comunicazione e interazione brand-cliente completamente customer-centric. Le principali tendenze digital inbound marketing per il 2023 rispecchiano tutte questo cambiamento di paradigma.

1. Video marketing multicanale

Per quanto riguarda i trend di digital marketing, il 2023 sarà l'anno del video content marketing. Che si tratti di attirare visitatori sul sito web, coinvolgerli con campagne email o attraverso i social media, deliziarli nel post vendita, il video è sempre il formato su cui puntare. È ottimo per strategie di "lead magnet" in cui viene sfruttata la sua capacità di calamitare, appunto, l'attenzione dei clienti per aumentarne le conversioni.

In un contesto in cui il 95% dei marketer afferma che il marketing multicanale è decisivo per la segmentazione del pubblico, il video può giocare un ruolo di primo piano poiché si presta a strategie multicanale (multichannel strategy), centrali nell'inbound marketing. Può essere distribuito su:

  • YouTube
  • Facebook
  • TikTok (in formato istantaneo, brevissimo, breve)
  • Instagram IGTV
  • Twitter (aggiungendo il link al video)
  • Sito web e blog
  • Newsletter (linkando i video nel corpo della mail)

Nel 2023 acquisiranno maggiore centralità i video di breve durata. Se ai suoi esordi il formato breve riscuoteva successo soprattutto tra i giovani, oggi attrae utenti di tutte le età (seppur in percentuali diverse).

Social media come Facebook e Instagram hanno fatto da apripista a piattaforme come TikTok, che supporta video da 15 secondi, 60 secondi o 3 minuti.

Facebook stories e Instagram stories si rifanno al modello TikTok. Le prime durano 20 secondi al massimo, le seconde 60 (e corrono il rischio di essere percepite come logorroiche).

Nel caso di YouTube, i suoi Shorts (60 secondi) hanno generato hype e ottenuto un successo immediato e sorprendente.

Alcune statistiche contribuiscono a chiarire perché il video marketing multicanale è uno degli inbound marketing trend su cui prestare attenzione nel 2023:

  • L'89% dei marketer afferma che strategie di video content marketing aumentano il ROI
  • L'83% afferma che promuovono lead generation e coinvolgimento
  • Per l'87% incrementano il traffico del sito web
  • Le landing page che ospitano contenuti video convertono l'86% in più

New call-to-action

2. AI, machine learning e chatbot

L'intelligenza artificiale (AI) è oggi decisiva in diversi settori tra i quali il marketing digitale (tanto da essersi guadagnata l'affettuoso appellativo di next big thing in digital marketing).

Nell'inbound marketing e nel content marketing l'AI contribuisce a una personalizzazione sempre più avanzata. Attraverso tecniche di raccolta e analisi dati, è oggi possibile comprendere in profondità abitudini e bisogni del target, e offrire a ciascun utente solo quello di cui ha realmente bisogno. Fornire i contenuti giusti ai clienti giusti al momento giusto aumenta la brand awareness e genera traffico di qualità.

Negli ultimi anni sono emerse soluzioni AI che rendono più agevole l'approccio inbound, come i widget di raccomandazione, strumenti di native advertising, supportati dall'AI,  che suggeriscono contenuti e offerte pertinenti, personalizzandoli in base alle azioni e alle preferenze dell'utente. In questo modo aumentano il coinvolgimento, favorendo e accelerando le conversioni. Fare marketing strategico significa proprio questo: abbracciare la prospettiva del cliente per stabilire obiettivi e operatività di marketing personalizzati.

La ricerca vocale è una delle maggiori tendenze di marketing digitale 2023, che cambierà radicalmente il modo in cui ci relazioniamo con i motori di ricerca, favorendo un dialogo diretto e più "naturale".

I grandi player del settore IT stanno già investendo in strumenti di intelligenza artificiale per  interpretare query sempre più lunghe e diversificate, long tail keyword e natural language.

I chatbot sono l'altro grande trend del digital marketing 2023. Con i chatbot puoi:

  • Offrire al target accesso diretto a informazioni, manuali tecnici, guide utente ecc.
  • Pianificare chiamate e riunioni
  • Prenotare servizi
  • Fornire informazioni pre-vendita, guide ai prezzi, tariffe e offerte
  • Gestire l'assistenza clienti liberando risorse umane per le urgenze
  • Concludere le vendite di prodotti e servizi
  • Ridurre notevolmente il tempo d'attesa del cliente che chiede assistenza
  • Raccogliere dati segmentare più precisamente il target e creare campagne inbound mirate
  • Fornire assistenza ai clienti 24 ore su 24 e 7 giorni su 7
  • Ridurre i costi di assistenza clienti

Secondo Gartner l'83% di chi acquista online vorrebbe aiuto immediato (meno di cinque minuti)  durante la fase della decisione d'acquisto. I chatbot contribuiscono a ottimizzare la customer experience e sotto questo aspetto si rivelano estremamente efficaci.

I progressi nella  elaborazione, comprensione e generazione del linguaggio naturale (NLP, NLU e NLG) li hanno, inoltre, molto "umanizzati" e per molti rappresentano il futuro dell'assistenza clienti digitale.

3. Social media marketing e influencer marketing

Se l'online marketing si realizza oggi in larga parte sui canali digitali di social media, e l''influencer e social media marketing generano nel B2C uno tra i ROI (return on investment) più alti in assoluto, l'inbound marketing non può farsi scappare una opportunità del genere.  

L'influencer marketing funziona perché:

  • Genera brand awareness. L'influencer marketing è, soprattutto, video marketing. Se pensiamo che il 69% degli utenti desidera conoscere nuovi prodotti tramite video, per creare consapevolezza del marchio rapidamente, efficacemente e a costo ridotto i contenuti video ottimizzati sono la scelta migliore
  • Fa risparmiare sul targeting. Identificare e segmentare il pubblico è un processo complesso. Molte aziende vorrebbero poterne fare a meno e delegare la fatica ad altri. Trovare l'influencer col pubblico "giusto" potrebbe risolvere almeno in parte questo problema
  • Rende più "leggibile" il target. I social media coinvolgono in maniera interattiva. Like, condivisioni e commenti sono solo alcune delle modalità con cui gli utenti interagiscono con i brand sui canali social media

Esistono molti tipi di influencer. Tra questi:

  • Micro influencer (10.000-100.000 follower)
  • Macro influencer (101.000-500.000)
  • Mega influencer (501.000-1,5 milioni)

Un seguito numeroso non significa automaticamente efficacia. Il 45,8% dei marketer intervistati da Insider Intelligence ritiene che i micro influencer siano i più efficaci, mentre solo il 9,3% ritiene più efficaci i mega influencer. Puoi effettuare dei test A/B per capire quali influencer ottengano i migliori risultati per la tua attività.

I micro influencer hanno successo perché sono autentici. È per questo che l'influencer marketing figura tra i maggiori trend digitali e inbound marketing per il 2023. I brand lo sanno: i micro influencer possono contare su community di fan sinceri, affezionati, fidelizzati.  

Una ricerca AdWeek rivela che l'82% degli utenti prende decisioni d'acquisto basandosi sull'opinione dei micro influencer. I micro-influencer non hanno certo la portata organica di macro e mega influencer, ma possono offrire coinvolgimento maggiore a fronte di ingaggi ridotti e  un maggiore ROI (return on investment).

Fare marketing strategico nel 2023 significa guardare agli esempi dei grandi protagonisti di mercato. Pensa alla partnership tra Coca Cola e la travel food influencer belga Miette Dierckx. Il colosso americano desiderava aumentare coinvolgimento e vendite in Belgio. Miette e altri micro-influencer belgi hanno permesso a Coca Cola di personalizzare strategicamente il messaggio

La campagna ha avuto successo perché percepita come autentica e perfettamente in linea con i post di Miette e il contesto belga.

Vuoi un 2023 di convenienza e ROI eccezionale? Affidati ad un micro influencer per la tua strategia inbound marketing 2023.

Influencer marketing

4. Trend di content marketing 2023 in ambito inbound

I contenuti giocheranno un ruolo fondamentale nel digital marketing 2023, in particolare per l'inbound. Un digital marketing che voglia oggi essere realmente strategico deve tenerlo in considerazione.

Il coinvolgimento è un processo potenzialmente infinito, che deve essere diretto a mantenere la relazione con clienti già acquisiti. Come? Educandoli con contenuti pertinenti, utili e magari divertenti. Puoi fornire loro valore reale:

  • Creando contenuti che esplorino e offrano soluzioni a richieste o problemi ricorrenti
  • Creando contenuti che rispondano a obiettivi di marketing e sales specifici. Includi case study, testimonianze e recensioni, kill sheet (una griglia con le caratteristiche e i vantaggi del prodotto evidenziati rispetto a quelli dei principali concorrenti) e one-pager (una singola pagina che riassume un argomento, come un processo, una strategia, un business plan o un problema), white paper e video dimostrativi o di supporto (how to video)
  • Creando una libreria di contenuti utili accessibile ai team 24h
  • Costruendo case study con le testimonianze dei clienti. Nell'era del passaparola, la social proof (prova sociale) è uno strumento prezioso per incrementare vendite e fiducia

Se l'outbound marketing può rivelarsi costoso, puntando su contenuti utili, pertinenti e interattivi, l'inbound marketing riesce ad ammortizzare i costi.

Marketing inbound e content marketing sono fatti l'uno per l'altro.

  • L'utilizzo dell'intelligenza artificiale nel potenziare la search e generare lead, rende il content marketing strategico per il tuo approccio inbound 2023
  • I social media incrementano notevolmente le potenzialità di coinvolgimento, consentendo agli utenti di interagire direttamente con un contenuto e con il brand

Vediamo le principali strategie di content marketing 2023 in ambito inbound:

  1. Gated content. Webinar, eventi online, newsletter, ebook, white paper, how to video ecc. Serve a raccogliere dati di contatto in ottica lead generation. L'utente deve completare un modulo per accedere a una data informazione o risorsa. Il contenuto in questione deve avere un certo valore per il cliente, che per fruirne è obbligato a fornire dati sensibili al brand

  2. Blog. Efficace per condividere informazioni sui prodotti e servizi con clienti, prospect, possibili partner commerciali ecc. Il blog inbound marketing permette di aumentare il traffico verso il sito web e di migliorare la brand awareness. Puoi utilizzare i dati relativi alle visite per effettuare attività di remarketing sui social media (Facebook, Twitter, LinkedIn ecc.), o identificare i visitatori attraverso un software per cercare successivamente di coinvolgerli

  3. Contenuti interattivi. Video, sondaggi, quiz, podcast, gamification, ecc. Grazie all'interactive marketing puoi fornire suggerimenti sull'utilizzo di prodotti e servizi e convincere le persone a promuovere la tua attività attraverso il passaparola. I social media sono canali eccezionali per questo tipo di contenuti

  4. Podcast. Sono ottimi per aumentare il coinvolgimento del pubblico e rappresentano una piccola grande rivoluzione per l'inbound marketing 2023.  Più immediato e chiaro di un testo, il podcast consente una certa interazione con clienti e prospect grazie a sondaggi o domande. Può aumentare il coinvolgimento assumendo forma dialogica e ospitando scambi tra due o più esperti di settore. Secondo la statistica di First site guide:

    1. Il 66% delle persone preferisce i podcast alla TV
    2. Il 58% preferisce i podcast ai social media
    3. Il 74% delle persone ascolta i podcast per imparare cose nuove

  5. Local based marketing (marketing locale o marketing territoriale). Il local based marketing (LBM) è uno degli inbound trend marketing del 2023. Consente di attuare strategie di marketing combinando query di ricerca e posizione del cliente.  Non parliamo solo di inbound marketing turistico. Smartphone e tablet consentono a digital marketer e proprietari di attività di inviare notifiche push, messaggi in-app ed email a chiunque si trovi sul territorio, per attirarlo verso il negozio. Il marketing territoriale è in grado di raggiungere clienti e potenziali clienti al momento giusto e con la giusta offerta

  6. Clustering dei contenuti. La cluster content strategy è considerata una delle maggiori tendenze di content e digital marketing del 2023. È una strategia di content marketing focalizzata su temi ampi, consente di trovare più agevolmente i contenuti del blog e genera brand authority. Centrale in questo modello è la pillar page, che presenta l'argomento in maniera generale senza scendere nei dettagli. Un sistema di link interni collega la pillar ai cluster content, contenuti più brevi e di approfondimento, strettamente verticali (sub topic)

"Fornire i contenuti giusti ai clienti giusti al momento giusto aumenta la brand awareness e genera traffico di qualità."

Riccardo-tondo-BN-2Riccardo Ciccioli 
Project + Operation manager consultant

5. Email marketing

L'inbound email marketing è una delle tendenze digital marketing 2023 forse più sottovalutate. Una volta ottenuto il contatto email del cliente, si può optare per una strategia email marketing che lo porti a completare il percorso d'acquisto. È un approccio che richiede tempo, mesi se non anni, ma ha tassi di coinvolgimento incredibilmente alti.

Dal punto di vista del costo, adottare l'email marketing in una strategia inbound risulta assai conveniente, perché rivolgendosi a lead "caldi" e realmente interessati riduce la dispersione dei lead e incrementa il ROI.

Email marketing trend 2023

6. Ottimizzazione degli snippet in primo piano

Se l'obiettivo dei brand è scalare la SERP di Google, riuscire a piazzarsi tra gli snippet in primo piano (featured snippet) diventa cruciale.

Uno snippet in primo piano occupa la cosiddetta posizione zero della SERP, da cui domina sugli altri risultati. Nello snippet vediamo un estratto della pagina web linkata. È un risultato organico privilegiato che appare all'interno di un riquadro speciale nella parte superiore della SERP e contiene, oltre ai classici elementi degli snippet tradizionali (titolo, descrizione e URL), un riepilogo (di solito in punti o sottoforma di tabella) della risposta a una query di ricerca. Con gli snippet in primo piano Google cerca di dare una risposta rapida, immediata e concisa alla query di ricerca dell'utente.

Lato SEO, uno snippet in primo piano è segno di un contenuto autorevole, rilevante e soprattutto utile. È stato scelto da Google per il valore-utente che possiede, e torna utile al motore di ricerca nel re-indexing periodico del contenuto.

Torna all'indice

Qualche dato utile per la tua strategia inbound marketing 2023

Per chiudere qualche dato che ti aiuti a pianificare più attentamente la tua strategia di inbound marketing 2023. Ecco cosa tenere a mente:  

  1. Il link building è la tattica SEO più impegnativa. O almeno così pensa il 65% dei marketer. Si tratta di creare link (collegamenti) tra pagine di siti web pertinenti e capaci di apportare valore. Chiedi ai tuoi team di dedicare tempo, energia e risorse al link building (implementando strategie di link baiting, ad esempio)

  2. Il 55% degli inbound marketer dà priorità ai contenuti del blog. Questo perché, secondo HubSpot, attraggono di più

  3. Il 75% dei blog non ha link esterni. L'ha scoperto Moz, che spiega come questi blog perdano un'opportunità macroscopica per ottimizzare i contenuti lato SEO

  4. Il 70% dei content marketer non crea contenuti di valore e questo non consente di identificare il target a partire dalle query di ricerca

  5. Il 72% dei marketer non misura il social media ROI (return on investment). L'ha scoperto Social Media Examiner e significa che il 72% dei marketer non sa cosa migliorare e dove

  6. LinkedIn è il social media preferito dai marketer B2B. LinkedIn è la piattaforma social preferita dal 93% dei marketer B2B, che lo considera ottimo per connettersi con altri professionisti e creare maggiori opportunità

  7. Gli utenti di Snapchat sono tra i più ricettivi all'influencer marketing. Il 39% degli utenti di Snapchat sostiene di scoprire nuovi brand attraverso strumenti di influencer marketing come blog e strategie vlog, la versione video di un blog. Lato azienda, Snapchat ha la possibilità di maturare una profonda comprensione del suo target, e  generando coinvolgimento, fiducia e brand awareness
10-3-23 [AML] - Modelli template per sito (34)

Torna all'indice

Punta sull'inbound marketing dei professionisti

Siamo nel pieno della trasformazione digitale. Strumenti di marketing e tecnologie evolvono rapidamente. Restare al passo non è semplice: le competenze richieste sono sempre di più, e diversificate.

Viviamo una fase di profonda innovazione che impone la revisione dell'intero approccio di digital marketing aziendale. Parliamo di Metaverso mentre molte aziende sono ancora ferme a strategie obsolete.

Occorre agire in fretta, a partire dall'inbound marketing. Ma attenzione: l'inbound marketing non è una singola tattica o una specifica attività, ma un approccio innovativo e olistico. È oltre la strategia: è un mondo, un ecosistema strategico, un intero universo di tattiche, attività, processi e opportunità di marketing che esige, oltre alla collaborazione sinergica di ogni team sales e marketing,  la consapevolezza dei propri mezzi.

Molto spesso, in effetti, solo grazie a un supporto esterno è possibile farsi carico di aspetti particolarmente critici, che rischiano di bloccare il processo di sviluppo aziendale. Nel digital inbound marketing di oggi neanche le aziende di grandi dimensioni possono contare esclusivamente sulle proprie risorse. La maggior parte delle organizzazioni esternalizza i propri sforzi di marketing ad agenzie inbound marketing di comprovata esperienza.

Non è necessario esternalizzare ogni attività inbound, ma è segno di lungimiranza chiedere aiuto.

Adv Media Lab è un'agenzia di marketing digitale specializzata in digital inbound marketing. Da vent'anni sulla scena, è composta da 40 professionisti affiatati e guidati da un unico obiettivo: il successo della tua azienda.

Negli anni abbiamo collaborato con oltre 200 aziende di settori e dimensioni diversi, accrescendo competenze ed esperienza con l'emergere dei nuovi trend. È grazie a chi ci ha accordato fiducia che siamo diventati quel che siamo oggi: una realtà internazionale nel panorama altamente competitivo del digital inbound marketing.

A guidarci sono i dati: ci fidiamo perché non ci hanno mai tradito. Promuoviamo l'innovazione digitale, formandoci e perfezionandoci costantemente per fornirti la miglior esperienza possibile. Formiamo a nostra volta i team aziendali, convinti che l'interazione costante col cliente sia l'elemento cardine di una consulenza marketing di alto valore.

Implementa fin da ora strategie di inbound marketing digitale in linea con i principali trend inbound marketing del 2023. Richiedi subito la tua consulenza gratuita e spalanca alla tua azienda le porte del successo.

Inbound marketing trend 2023

Torna all'indice

Quando l'unica costante è il cambiamento occorre agire

Conoscere gli inbound marketing trend 2023 è il primo passo per pianificare una strategia inbound marketing di successo nel 2023.

In questa epoca di rinascimento digitale (digital renaissance) il cliente torna al centro dei processi di marketing. È questo un aspetto costitutivo dell'approccio inbound, che anziché inseguire il cliente (mai sentito parlare del fastidiosissimo interruption marketing?) punta ad attrarlo.

Restare al passo con le tendenze inbound marketing 2023 e lasciarti la concorrenza alle spalle:

  • Implementa l'intelligenza artificiale e strumenti AI-oriented (chatbot e ricerca vocale)
  • Domina le più recenti strategie SEO, dal content clustering all'ottimizzazione degli snippet in primo piano
  • Pianifica efficaci strategie di video content marketing
  • Rivolgiti a influencer rilevanti per la tua nicchia

E soprattutto punta su autenticità e interattività. Un'ultima cosa: non chiederti come fare tutto da solo, chiediti piuttosto come e dove ricevere supporto per non sprecare tempo e risorse. Perché il successo, oggi, è partecipazione.

 


L'inbound marketing rompe gli schemi: attrae e non interrompe, offre valore reale e non mira a una conversione "debole" e fine a se stessa. Per saperne di più:

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA »

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Sei un imprenditore o un marketer in cerca di risultati?

 

 

 

© Adv Media Lab, Riproduzione riservata