Social media trend 2021: scenario strategico e operativo

Serena Calabrò

Pubblicato da Serena Calabrò

Blog-post-socialmedia-trend2021-Header_FIX

Tra tutte le lezioni che il 2020 ci ha insegnato, una è forse la più importante. Se è fondamentale la pianificazione, è forse ancora più preziosa la capacità di mantenere aperte tutte le possibilità, per poter cambiare rotta, modificare la strategia di partenza e adattarsi a tutti i possibili eventi imprevisti. Cosa succederà nel 2021? I trend che hanno scandito i successi dell’anno appena concluso sembrano essersi ben radicati nella struttura comunicativa, commerciale e di marketing relativa ai social media su territorio globale. È il momento di costruire sulla base di quello che l’anno appena concluso ci ha insegnato e immaginare nuove prospettive, nuove idee, e nuovi progetti.


Punti chiave dell’articolo:

  • La centralità del cliente. Dall’ascolto alla produzione di contenuti informativi, all’attenzione per il panorama sociale circostante: quello che il cliente si aspetta da noi nel 2021
  • I contenuti del 2021: video, user generated content (UGC), augmented reality (AR) e virtual reality (VR) e contenuti effimeri
  • La nuova frontiera dello shopping online: il social commerce e i cicli di vendita sono sempre più brevi

 

I social media, con il loro approccio agile e flessibile alla comunicazione e alla programmazione strategica, sono il terreno di gioco perfetto per partire con il piede giusto nel 2021. 

Come?

Continua a leggere per scoprire tutte le tendenze e le previsioni per progettare una strategia social media vincente nel 2021. 

 

New call-to-action

Torna all'indice

 

Social media 2021: perché è importante per il tuo ROI e per l’esperienza digitale dei tuoi utenti 

Perché un’intera guida sulle strategie di marketing specifiche al settore dei social media? 

Semplice. 

I social media possono fare molto di più per te quest’anno, di quello che hanno fatto fino ad ora: possono aiutare il tuo ROI (return on investment) a tornare positivo e a portarlo a una reale crescita. 

Le perdite di natura economica dovute alla riduzione delle vendite riscontrata nell’anno appena terminato, causate dalla pandemia da COVID-19, sono a dir poco ingenti. 

Questo è vero per le aziende appartenenti alla maggior parte dei settori esistenti, e rende la crisi da coronavirus del 2020 una delle più pesanti nella storia, nonché sicuramente quella con le ripercussioni più debilitanti e pericolose. 

La pandemia ha intaccato l’assetto della società, apportando modifiche che, a differenza delle difficoltà economiche e relative alle vendite, non sono facilmente sanabili nel breve termine. 

Che cosa significa?

Per un reale rientro a regime, in cui il ritorno alla normalità post COVID-19 per le aziende sia un processo mirato a una stabilità duratura, e non solo temporanea, una delle aree più importanti su cui è necessario lavorare è il rapporto con il cliente, in primis sui social media. 

Secondo un’indagine di Datareportal svolta lo scorso luglio, quasi la metà degli intervistati ha passato nel 2020 molto più tempo sui social media rispetto ai periodi antecedenti l’arrivo del COVID-19, proprio a causa dei lockdown diffusi e delle restrizioni dovute alla pandemia. 

Perché allora non sfruttare proprio i social media come mezzo per raggiungere nuovi utenti e per restare in contatto con i clienti di sempre?

Come i social media sono responsabili della creazione di un’esperienza digitale innovativa?

Già nel corso del 2020 abbiamo potuto, e in certi casi dovuto, sperimentare nuove tecniche di contatto e nuove metodologie di rapporto con il cliente tramite i social media. 

Nel 2021 come durante l’anno precedente, l’apporto dei social media sarà fondamentale per creare un clima piacevole, costruttivo, informativo e umano, in grado di ridare fiducia al pubblico rispetto al passato.

Come?

Tramite i social media potrai creare connessioni, diffondere contenuti rilevanti, costruire uno spirito di condivisione. 

Questo ti aiuterà a richiamare i clienti storici grazie a operazioni di comunicazione e marketing mirate, e ad avvicinare nuovi potenziali lead: operazioni che potranno dare nuova linfa alla tua attività. 

Come aumentare il ROI (return on investment) con i social media

Come possono concretamente i social media aiutarti ad aumentare il tuo ROI? 

I social media, come vedremo nel paragrafo successivo, sono attualmente in principale, più potente e più immediato punto di contatto con i tuoi clienti, attuali e desiderati. 

Perché allora non sfruttarli anche per aumentare le vendite? (Ti consigliamo di leggere questo articolo: Come calcolare il social media ROI).

Approfittare delle possibilità di advertising offerte dai social media, per esempio, è un ottimo modo per rendere il tuo brand più visibile e ampliare il tuo portafoglio clienti. 

Non solo: dare nuove attenzioni ai tuoi clienti storici potrà portarli a fidelizzarsi al tuo brand. 

Cosa ci guadagni?

Uno studio prodotto da Bain & Company, società di consulenza strategica, ha rilevato un dato interessante a riguardo: i clienti fidelizzati spendono in media il 67% in più rispetto ai nuovi clienti, ad ogni acquisto. 

L’importanza della creazione e del mantenimento di un portafoglio clienti sano e attivo è palese alla luce di questa breve analisi, ed è il motivo per cui l’attenzione alla tue piattaforme sociali nel 2021 è ancora più importante.

 

Blog-post-smtrend-serenaCitazione1_fix

Torna all'indice

 

Social media strategy 2021: il cliente è al centro

Come abbiamo appena visto, la cura del cliente e la progettazione di strategie che lo mettano al centro dei nostri sforzi di marketing è fondamentale in questo momento storico.

Nel 2020 abbiamo visto un incremento nel volume e aspettative più precise e dettagliate da parte degli utenti nei confronti delle aziende produttrici di beni e servizi. 

Il pubblico ha chiesto trasparenza, correttezza, scelte e comportamenti etici da parte dei brand, e che tale condotta fosse facilmente riscontrabile da parte degli utenti stessi anche e soprattutto attraverso la comunicazione sociale delle singole attività. 

Gli acquirenti hanno inoltre voglia di reali connessioni con le aziende produttrici e/o fornitrici, e vogliono potersi confrontare personalmente rispetto a domande, dubbi, richieste particolari. 

Il 51% del pubblico intervistato nel corso di indagini settoriali definisce vera e propria empatia il sentimento di connessione che si sviluppa nel momento in cui un brand ascolta, considera e comprende i pensieri e i desideri dei propri acquirenti.

Il desiderio di un contatto umano e più empatico rispetto al passato è sicuramente figlio della situazione di paura e incertezza che si è venuta a creare nel 2020 a causa dello scoppio della pandemia da COVID-19. 

Per far fronte a questa richiesta, i brand possono affidarsi a tecniche di marketing per i propri social media, che includano immagini, copy e pubblicità opportunamente progettate. 

Non solo, nel 2021 sarà necessario allinearsi ad un altro trend: l’importante incremento nell’utilizzo dei social media come piattaforme di supporto al cliente agili, immediate e di semplice utilizzo per l’utente finale. 

Comunica sui social media in maniera autentica e trasparente

Nel 2021 però, non basterà dare di sé un’immagine appropriata rispetto alle aspettative del pubblico. 

Sarà importante che le aziende allineino la strategia pensata per le proprie piattaforme sociali con la linea operativa aziendale generale. 

È importante soddisfare immediatamente le nuove richieste di trasparenza e chiarezza degli acquirenti per dare al nostro brand un’immagine di affidabilità e onestà, iniziando proprio dai tuoi social media. 

Perché?

I social media sono diventati il primo punto di contatto con il tuo pubblico, un luogo in cui gli utenti possono chiedere informazioni direttamente e senza passare per email e centralini telefonici. 

La velocità comunicativa e di consultazione dei social media li rende l’ambiente perfetto per mostrare al pubblico la filosofia, il credo e la voce del tuo brand, che deve essere quanto più possibile autentica, onesta, chiara e originale.  

Da ricerche di mercato, l’81% del pubblico pensa che le aziende abbiano una vera e propria responsabilità nel comunicare in maniera trasparente sui social media. 

Il 90% degli acquirenti antepone infatti l’autenticità ad altri parametri di scelta al momento di decidere quali brand supportare e presso quale di essi acquistare un bene e/o un servizio.  

LinkedIn in modo particolare, sembra essere la piattaforma preferita dalle aziende per parlare del proprio credo, della missione del proprio brand e per condividere con gli utenti le strategie decisionali e organizzative aziendali in modo trasparente.

Condividendo i valori della tua azienda e dimostrando di operare fedelmente ad essi, potrai stabilire un contatto reale con il pubblico, in particolare con la parte di esso che appoggia il pensiero del tuo brand, e porti così in una condizione relazionale vantaggiosa.

Creando questo tipo di rapporto avrai maggiori opportunità di ampliare il tuo portafoglio clienti con nuovi contatti motivati e interessati alla tua offerta, e di incrementare il numero di clienti fidelizzati. 

Social listening: ascolta l’opinione del tuo pubblico

L’abbiamo detto, essere in grado di ascoltare il cliente è quello che sa instillare nel pubblico un senso di comunione, appartenenza e fedeltà nei confronti di un determinato brand. 

Secondo studi di mercato l'82% degli utenti cambierebbe azienda fornitrice o brand di riferimento, nel momento in cui non si sentissero pienamente soddisfatti del servizio clienti ricevuto. 

L’ascolto è un valore cardinale anche per i social media, oggi più che mai, ed è bene ricordare come non sia determinato solo dalla capacità e dalla velocità di reazione nel rispondere ai contatti dei clienti. 

L’elaborazione di una strategia di ascolto efficace attraverso le tue piattaforme sociali, il cosiddetto social listening si basa sulla cura con cui ti preoccupi dell’opinione del tuo pubblico e sulla tua capacità di agire di conseguenza

Curati di osservare attentamente, comprendere e analizzare le reazioni del tuo pubblico ad ogni tua attività di comunicazione, di advertising e in generale a tutti i contenuti che condividi. 

La capacità di ascolto è un’abilità fondamentale per tutti gli specialisti del marketing, sia nelle attività offline che in quelle offline, e sui social media. 

Saper ascoltare, e allenare continuamente questo talento, ti permetterà infatti di capire immediatamente, e a volte addirittura prevedere, cosa pensano le persone, cosa apprezzano, a cosa si appassionano, e qual è la loro visione del mondo ad ogni dato momento. 

In questo momento storico in cui, come abbiamo accennato all’inizio dell’articolo, pianificare strategie e fare progetti non è sufficiente, la capacità di ascoltare è un’abilità davvero preziosa. 

Uno sguardo competente e attento sui cambiamenti repentini nei sentimento pubblico, nei gusti, nei desideri, e nelle loro preferenze, è la chiave per mantenere un approccio flessibile e dinamico. 

Solo ascoltando, è possibile modificare una strategia prefissata per attuare piani alternativi e di emergenza efficaci sulla base dei dati raccolti, ad ogni modificazione del panorama che ci circonda e dei suoi meccanismi.

Investi nella relazione con i tuoi clienti

Il COVID-19 non è stato l’unica insidia del 2020. 

Anche il panorama digitale ha fatto la sua parte, con le fake news, per esempio, e i grandi dibattiti sulla protezione della privacy degli utenti online. 

Ottenere la fiducia del cliente in un ambiente come questo è un compito estremamente delicato. 

Studi di mercato hanno rilevato come il 75% degli utenti online non accettino subito come veri i messaggi pubblicitari con cui vengono a contatto, e in generale le comunicazioni provenienti da brand e aziende. 

Nello stesso tempo, però, il 71% degli interpellati è più propenso a fidarsi di un brand e di conseguenza ad acquistare dallo stesso, a seguito di riferimenti, commenti e recensioni sui social media. 

Il 70% degli intervistati si fida più delle opinioni che delle pubblicità, e il Il 63% di essi pensa che i pareri reperibili sui social media siano i più attendibili in assoluto. 

Gli influencer sarebbero quindi i migliori volti a cui affidare il nostro messaggio pubblicitario, e di riflesso diventano i social media il miglior mezzo di trasporto per i contenuti che vogliamo veicolare.

Alla luce di questi dati, risultano chiare due azioni fondamentali su cui concentrarsi nel 2021 per far sì che il nostro brand risulti affidabile e venga percepito positivamente dal pubblico: 

  1. Investire nelle relazioni con i clienti e mantenere rapporti di comunicazione celeri, costanti e umani
  2. Investire nell’advertising sui social media, affidando i nostri messaggi pubblicitari e ai volti più amati e considerati affidabili nel mondo dei social media

Ricorda che nel 2021 anche le comunità autonome presenti sui social network, come ad esempio i gruppi aziendali su Facebook, sono destinate ad aumentare e prosperare. 

Questo significa che gli utenti potranno scambiarsi idee, opinioni e commenti su qualsiasi prodotto, servizio e offerta sul mercato, aumentando così la loro consapevolezza come acquirenti. 

Trovare e sfruttare gruppi di utenti interessati al tuo mercato, brand o prodotto, può essere una miniera d’oro.

Questi sono interamente composti da possibili lead, e comprendono molti utenti, cosiddetti superfan, che potrebbero diventare preziosi influencer.

 

Blog-post-socialmedia-trend2021-quote5_FIX

Torna all'indice

 

Investi nella creazione di contenuti

I desideri di umanità, trasparenza e ascolto di cui abbiamo parlato nel precedente paragrafo, vanno di pari passo con un sostanziale cambiamento relativo a quello che il pubblico cerca all’interno dei social media. 

Se prima del 2020 i social media erano l’ambiente per eccellenza in cui svagarsi, oggi è proprio lì che hanno luogo gran parte dei processi di brand awareness dei clienti.

Ed è lì che i clienti formano una propria opinione sul valore dei brand, indipendente dalla qualità del servizio o del prodotto proposto.

Questo significa che l’interesse del pubblico si è spostato dai contenuti più leggeri, di puro intrattenimento, verso contenuti più impegnati, relativi a informazioni effettivamente rilevanti per il cliente. 

Nel 2020 inoltre, a causa dell’avvento del lavoro agile, la forma di molti contenuti visivi, video, audio e grafici ha lasciato un po’ a desiderare. 

Video registrati da casa, foto e filmati fatti con semplici smartphone. 

Un lavoro scadente?

Al contrario, i risultati ottenuti potrebbero sorprenderti. 

Il pubblico sembra aver apprezzato, in generale, anche i contenuti meno professionali, purché il valore delle informazioni veicolate fosse molto alto.  

La qualità del messaggio nel 2021 è l’aspetto su cui mettere il massimo impegno. 

Progettare una nuova strategia di comunicazione che includa i nuovi contenuti richiesti e nelle modalità apprezzate è dunque di fondamentale importanza per permettere alla propria presenza sui social media di rimanere competitiva sul mercato e di non perdere l’interesse del pubblico. 

Un nuovo punto di vista sulla condivisione di contenuti sociali è un notevole cambiamento nei sistemi operativi di un’azienda. 

Per questo sarà importante investire in specialisti, marketer, copywriter, grafici ed esperti di comunicazione e vendite, che sappiano ribaltare i metodi fin qui utilizzati. 

Video marketing 2021: è destinato a crescere ancora

Nel 2020 i contenuti multimediali, in particolar modo i contenuti video, si erano già prepotentemente imposti nel panorama della comunicazione e del marketing, come il più importante trend dell’anno.

Già prima del 2020 Cisco, leader mondiale nel settore della tecnologia, aveva previsto una crescita pari a quattro volte nel volume del traffico relativo ai contenuti video, tra il 2017 e il 2022.

Secondo il colosso, entro la fine del 2022 l’82% di tutti i contenuti online sarà composto da contenuti video.

Anche un sondaggio Vimeo dello scorso anno vedeva un’ampia preferenza, l’80% degli intervistati, per la consultazione di un contenuto video piuttosto che di un contenuto scritto, per esempio, e i numeri stanno crescendo. 

Le motivazioni sono semplici. 

Un video permette di coinvolgere il cliente a livello più personale, grazie:

  • All’immediatezza della veicolazione del messaggio
  • Ai diversi registri di linguaggio e grafici possibili
  • All’utilizzo delle diverse formule video esistenti e delle diverse modalità di diffusione, registrato o live stream, da selezionarsi a seconda della situazione.

Uno strumento comunicativo così potente è senza dubbio un grande alleato nella condivisione dei nuovi messaggi richiesti dal pubblico. 

La capacità di unire l’utile al dilettevole fa di questi prodotti di marketing le star del momento. 

Nel caso specifico dei social media, è il live stream a farla da padrone. 

Una delle piattaforme più importanti per questo trend è senza dubbio YouTube, in rapida ascesa tra i social network di interesse per i marketer di tutto il mondo. 

Con la possibilità di produrre e condividere video live di qualità, YouTube entra nel 2021 come social media per i contenuti video d’elezione. 

Il 96% dei marketer si dichiara pronto a imparare di più sulle classiche funzionalità video e video live del social media, il 73% vuole iniziare invece ad analizzare tutte le funzionalità strettamente legate al marketing per implementare la piattaforma in strategie innovative.

Già dallo scorso anno in testa alle classifiche di gradimento del pubblico e in termini di guadagno per le aziende produttrici, i video live sulle piattaforme sociali come Facebook e Instagram sono un trend che vedremo confermarsi nel 2021

La fruibilità immediata, la possibilità di commentare e parlare direttamente con il fornitore del video, di fare domande e di relazionarsi in tempo reale con i piani alti delle aziende rende il livestream un prodotto caro al pubblico, e una scelta di marketing ottimale. 

Questa formula garantisce la soddisfazione degli utenti e delle aziende. 

Come?

Gli utenti godono attraverso il live stream della possibilità di partecipare ai video come pubblico attivo, di comprendere le decisioni dei vari brand, offrire input e valutare anche le opinioni degli altri spettatori. 

Le aziende, dal canto loro, possono ottenere feedback immediato sulla propria attività, e raccogliere reazioni, informazioni e dati sul pubblico di riferimento.

Riempi il vuoto lasciato dagli eventi dal vivo, dai meeting e dalle conferenze, proponendo al tuo pubblico contenuti in live stream che possano rimpiazzare gli eventi offline, come ad esempio: 

  • Sessioni di Q&A (question and answer)
  • Annunci, novità e lanci 
  • Guide
  • Visite ad uffici, impianti industriali; dietro le quinte 
  • Interviste ad esperti del settore 
  • Collaborazione con grandi nomi del settore 
  • Contenuti sperimentali, utili a testare il terreno e comprendere meglio i gusti del tuo pubblico.

Danny Bermant, direttore di Brainstorm Digital, porta un esempio interessante relativo alla sua esperienza con il live streaming a servizio di cliniche estetiche. 

Proporre tali contenuti al posto degli open days ai quali le cliniche si affidavano in passato per ottenere nuovi clienti e prenotazioni immediate riesce, al momento, a sortire gli stessi effetti, concorrendo al mantenimento e all’aumento dei guadagni. 

Come durante gli eventi dal vivo, i clienti possono vedere in diretta dimostrazioni dei nuovi trattamenti, fare domande e, qualora lo vogliano, prenotare direttamente un appuntamento.

 

New call-to-action

 

Distribuzione dei contenuti sui social media nel 2021: fai attenzione alla tempistica

Quando parliamo di investire nella creazione di contenuti il riferimento non è solo allo sforzo produttivo di materiali rilevanti e accattivanti.

Oltre alla produzione di immagini, video, testo, articoli, un altro aspetto da curare con estrema attenzione nella condivisione di contenuti è la tempistica con cui vengono diffusi. 

Avvalendoti di specialisti del settore, esperti di comunicazione e di un vivace team di smarketing, potrai regolare al meglio il flusso dei tuoi contenuti, imparando ad andare a tempo con i ritmi del mercato e della società. 

In particolar modo in un periodo come quello che stiamo vivendo dall’inizio del 2021 infatti, periodo in cui gli umori e la sensibilità degli utenti sono fragili e mutevoli, è importante comprendere non solo come, ma anche quando veicolare determinati messaggi.

Se è vero che un contenuto è un valore aggiunto che offriamo al nostro pubblico, questo deve essere diffuso nei tempi corretti. 

Ci troviamo in presenza di una situazione delicata?

Allineati al sentimento collettivo e lascia raffreddare l’ambiente, rimandando la pubblicazione di materiale a un altro momento. 

Un tema particolarmente caldo? Non avere fretta. 

Per garantire il massimo risultato con la pubblicazione di nuovi contenuti inserisciti nella conversazione sociale con apporti rilevanti, utili, e informativi, presentati nella miglior forma di cui sei capace.

 

Blog-post-socialmedia-trend2021-quote1_FIX

Torna all'indice

 

User generated content (UGC): promuovi la tua azienda con l’aiuto dei tuoi clienti

I contenuti generati dagli utenti sono esattamente quello che il nome suggerisce. 

Contenuti misti, immagini, recensioni, video, articoli su blog e molto altro, relativi alla nostra offerta ma generati dal pubblico. 

Abbiamo già discusso dell’importanza che ha l’opinione del pubblico, specialmente quando espressa sui social media, nei processi decisionali, di acquisto e fidelizzazione da parte del pubblico nei confronti di un determinato brand. 

I contenuti generati dagli utenti sono quindi fondamentali, e il loro valore rimanda appunto alla posizione cruciale che ricoprono gli influencer nella diffusione del messaggio del nostro brand. 

Essi rappresentano un materiale unico, in grado di catturare l’attenzione del pubblico, offrendo nuovi spunti e garantendo alle aziende e nuovi orizzonti di visibilità. 

I contenuti generati dagli utenti sono solitamente condivisi sui social network di uso comune come Facebook, Instagram, Pinterest e TikTok. 

Specialmente quando sottoforma di contenuti effimeri, questi contenuti sono capaci di incalzare a una risposta veloce da parte degli utenti che li visualizzano, creando un desiderio, quasi una necessità, di interagire con il contenuto tramite like, click, condivisioni… e acquisti. 

Crea engagement sfruttando le attività degli utenti

Non solo user generated content.

Anche gli utenti non coinvolti in operazioni da influencer o con meno possibilità e/o voglia di esporsi o creare contenuti online possono offrire un supporto prezioso alla tua attività. 

Ogni utente che viene in contatto con un tuo contenuto, può aiutarti a generare engagement. 

Come? Sono sufficienti un like, un commento, o la condivisione di un tuo contenuto. 

La generazione di engagement tramite i social media permetterà al tuo brand di vedere i propri post migliorare nel posizionamento tra i post organici, e ti permetterà di raggiungere un pubblico potenzialmente interessato sempre più vasto.

 

Blog-post-socialmedia-trend2021-quote2_FIX

Torna all'indice

 

Social media e shopping online: insieme per ridurre la durata del processo di vendita

L’87% degli utenti che acquistano online vede i social media come un aiuto nel processo decisionale. 

Grazie a recensioni degli utenti e immagini reali, il pubblico sembra riuscire a fare acquisti in maggiore tranquillità. 

Negli ultimi anni e specialmente durante il 2020, la possibilità di procedere all’acquisto di un prodotto direttamente dai social media è stata di grande interesse per gli utenti. 

Stiamo parlando del cosiddetto social commerce.

L’abbiamo visto, sempre più utenti spendono sempre più tempo sui social media, e questo comportamento combinato con l’avvento dei cataloghi Facebook e Instagram è quello che ha reso il social commerce così popolare. 

Grazie a questa pratica, le aziende riescono ad ridurre la durata del processo di vendita, e a ottenere conversioni virtualmente immediate. 

Se la customer journey dei tuoi clienti aveva inizio sui social media per concludersi nel tuo sito web, ora puoi saltare un passaggio, e rendere il processo più semplice per il cliente e molto meno soggetto a possibilità di errori.

Permettere al pubblico di acquistare direttamente sui social media toglie anche una grande preoccupazione: che gli utenti abbandonino il proposito di acquisto e/o il sito web a causa di complicazioni in rete e di una scadenze esperienza sulla piattaforma di riferimento. 

Un’altra buona notizia?

Nel 2021 il social commerce potrebbe diventare la norma, novità che favorirebbe le piccole e medie imprese che non possono permettersi di gestire più piattaforme oltre i social media, come appunto un sito web comprensivo di un eCommerce ben fatto, completo, piacevole e agile. 

Se la tua azienda è fra queste, ti basterà ottimizzare le tue pagine e i tuoi profili online e sfruttare tutte le possibilità date da storie, reel e cataloghi, per approfittare di tutto quanto il social commerce può offrire al tuo brand. 

Per organizzare al meglio le tue nuove vetrine sui social media: 

  • Conduci ricerche mercato per scoprire le preferenze e i desideri del tuo pubblico in fatto di shopping online 
  • Mantieni un database dei contatti dei tuoi clienti, da utilizzare per operazioni di segmentazione, marketing e advertising 
  • Imposta campagne di retargeting per ottenere traffico di ritorno e aumentare le vendite
  • Impegnati sul fronte dell’esperienza d’acquisto dell’utente: produci e seleziona le migliori immagini, prepara schede prodotto complete e chiare, imposta modalità di pagamento semplici e sicure

 

Blog-post-socialmedia-trend2021-quote3_FIX

Torna all'indice

 

Nuove strategie per rispondere alle nuove domande del pubblico

Gli sconvolgimenti sociali dell’anno appena concluso hanno portato le aziende a doversi confrontare con temi nuovi, mai affrontati fino all’inizio della pandemia da COVID-19. 

La sicurezza dei processi produttivi e di vendita, la loro sostenibilità a livello sociale, economico e ambientale, la questione dell’igiene specialmente in relazione alle attività di vendita al dettaglio. 

E ancora informazioni sull’acquisto tramite eCommerce, tempi di consegna e possibilità di reso, dubbi e domande su eventuali webinar, eventi rimandati, eventi online. 

Le necessità e i desideri del pubblico nel post COVID-19 sono innegabilmente cambiate, e molti dei trend di consultazione e acquisto che abbiamo visto nascere nel 2020 sono qui per restare. 

Nel 2020 forse sei stato costretto a navigare a vista, ma per il nuovo anno ci sono tutti i presupposti per fare progetti precisi e oculati e per occuparti adeguatamente dei nuovi temi più importanti per il pubblico. 

In un rapporto settoriale compilato da Merkle, azienda di customer experience management, scopriamo che il 56% degli intervistati dichiara di non avere alcun tipo di rispetto nei confronti delle aziende che non si pronunciano sui temi importanti dell’attualità.  

Lavora con gli uffici marketing e vendite per progettare un piano d’azione.

Pianifica con il tuo ufficio marketing una comunicazione su misura, che tocchi tutti i punti di maggiore interesse in maniera chiara e ben informata. 

Creare contenuti rilevanti, con valenza educativa, ti permetterà tra le altre cose di essere in posesso di materiale informativo con più alte probabilità di generare engagement e di essere condiviso dagli utenti sulle proprie bacheche, pagine e piattaforme, e magari, perché no, di diventare virale.

Con il tuo team di vendite invece, organizza una strategia in grado di offrire al cliente i prodotti e/o i servizi del caso secondo le modalità di consegna e fruizione adatte al momento. 

Utilizza i social media per rendere il tuo pubblico partecipe, in tempo reale, del tuo impegno su entrambi i fronti e sulle innovazioni che la tua azienda sta apportando e apporterà nel corso del 2021. 

Otterrai un triplice effetto: 

  1. Guadagnerai la fiducia del pubblico grazie ad un approccio umano, chiaro ed empatico 
  2. Promuoverai il tuo brand e le novità apportate, dimostrando le capacità di cura, attenzione e innovazione della tua azienda 
  3. Batterai la concorrenza sul tempo 

Hai paura di non riuscire a produrre contenuti informativi ed educativi accattivanti? 

Affidati a piattaforme come Canva e Over e rendi semplicissimo il processo. 

Inserisci i tuoi contenuti e seleziona uno fra i tanti design disponibili per vestire le tue informazioni e renderle piacevoli per il pubblico. 

 

New call-to-action

Torna all'indice

 

Social media e SEO: proponi contenuti pertinenti e facilmente accessibili

Curare la SEO (search engine optimisation) è un’attività che non passa mai di moda. 

Se è ovvio ormai da tempo che sia fondamentale per il tuo sito web, eCommerce e per i tuoi contenuti indipendenti, come per esempio articoli di un blog, nel 2021 preparati ad utilizzare le tue conoscenze in merito alla SEO anche per i nuovi social media: per esempio, Instagram. 

Nel 2020 il social network ha annunciato che avrebbe migliorato le sue caratteristiche in termini di facilità di ricerca, e oggi l’utilizzo degli hashtag permette di trovare qualsiasi cosa: video, profili, post. 

Approfitta delle capacità di Instagram per elaborare contenuti che possano sperare a un’ampia copertura, o reach (ti consigliamo di approfondire questo articolo: Instagram Marketing: guida e strategia completa per il successo).

Proponi post, immagini e video sempre attinenti al tuo mercato di riferimento e sempre rilevanti rispetto alla tua offerta, per permettere alla piattaforma di categorizzare più facilmente il tuo profilo e renderlo prontamente accessibile agli utenti interessanti ad ogni determinato tema o argomento. 

Altri modi con cui puoi rendere il tuo profilo Instagram più performante? 

  • Utilizza una parola chiave anche nel nome del tuo profilo
  • Utilizza storie e reel regolarmente (approfondiremo l’argomento più avanti)
  • Aggiungi sempre un contenuto testuale ai tuoi video per aumentare il tempo di visualizzazione 
  • Inserisci in ogni video una didascalia che inciti all’azione: “salva” o “share” danno ottimi risultati

In ultimo, ma non per importanza, non abbandonare mai il tuo profilo. 

Ricorda che ogni profilo sui social network ha bisogno di essere curato e aggiornato costantemente, per risultare più interessante per gli utenti, e al fine di ottenere una migliore visibilità.

 

Blog-post-smtrend-serenaCitazione2

Torna all'indice

 

Utilizza le storie e i reel per comunicare sui social media in maniera interessante e variegata

Contenuti effimeri per eccellenza, abbiamo già citato le storie e i reel più volte in questo articolo, per il loro potere persuasivo in fatto di advertising. 

La fruizione dei contenuti è ormai radicalmente cambiata rispetto al passato, diventando un vero e proprio “consumo” di contenuti. 

Secondo un rapporto di Hootsuite, il 64% degli specialisti del marketing ha già iniziato a sfruttare il potere di storie e reel regolarmente nel 2020, e il trend è in netta crescita

Storie: contenuti veloci ed istantanei

Tutte i social media si sono impegnati per l’implementazione di una funzione “storia”, alcune ci sono arrivate prima di altre, ma nel 2021, difficilmente resteranno social media mancanti di questa caratteristica . 

Contenuti veloci, istantanei, brevi - e a tempo determinato, con scadenza in 24 ore. 

Sono oltre 500 milioni le persone che ogni giorno utilizzano le storie per comunicare il proprio messaggio - personale o pubblicitario - sui social media.

Nel nuovo anno devi provare a buttarti nella mischia. 

Hai paura di non avere abbastanza cose da dire per condividere contenuti su tutte queste diverse app e piattaforme? 

Non preoccuparti: lavora con il tuo team di marketing ed elabora metodi per riproporre uno stesso contenuto in varie forme. 

Testo scritto, immagine, video, storie. 

In questo modo la tua comunicazione rimarrà organica, rilevante e sempre interessante qualunque sia il canale di fruizione. 

Reel di Instagram: cattura l’attenzione dell’utente

Abbiamo visto quanto Instagram possa fare per la nostra social media strategy nel 2021. 

In particolare i reel di Instagram possono aiutarci a mandare alle stelle l’esposizione organica del nostro profilo. 

I reel possono durare 15 o 30 secondi, e anche per il secondo tipo la preview ha una durata di soli 15 secondi. 

Per questo motivo forse, test e analisi dimostrano che, in generale, i reel di 15 secondi sembrano offrire migliori risultati rispetto a quelli più lunghi. 

Un reel ha la capacità di catturare l’utente e di fermare la sua attività di scroll del feed, guadagnando la sua attenzione per molto più tempo rispetto a una semplice foto, e aumentando così le possibilità del tuo profilo di ottenere più visite e lead. 

A differenza delle storie, un reel può essere montato e contenere testo e musica posizionati proprio dove e come vuoi tu.

Puoi inserire testo e parole che vadano a tempo con la musica, per esempio, o inserire parti di video girate con “green screen effect”, strumento che già nel 2020 aveva riscosso un grande successo.

 

Consulenza gratuita

Torna all'indice

 

Social media e meme: servono anche contenuti “leggeri” ed ironici

Se è importante creare contenuti che abbiano davvero qualcosa da dire, il 2020 ci insegna anche che un po’ di leggerezza e di ironia servono sempre. 

Così anche per il 2021 i meme la faranno da padrone su tutti i social media - mentre perdono terreno le GIF e le care vecchie emoji.

Creare meme inerenti alla tua offerta e/o al tuo brand ti darà la possibilità di raggiungere un grandissimo numero di utenti, i quali se positivamente impressionati dal tuo meme potrebbero a loro volta condividerlo di nuovo.

Se il tuo meme è di qualità, questa catena potrebbe portarti ad essere presente sulle bacheche, i profili, le pagine, le storie e i reel di un pubblico davvero vasto e ancora una volta, magari, potrebbe valere al tuo brand un contenuto virale. 

Puoi sperimentare l’uso dei meme utilizzandoli nel tuo feed su tutti i tuoi social media. 

Studia quali meme sanno coinvolgere e divertire la comunità intorno a te, quali riescono ad influenzare il pubblico attraverso quali canali, e sfrutta i risultati per produrre contenuti sempre più efficaci.

Torna all'indice

 

Virtual reality (VR), augmented reality (AR) e gaming: nuovi modi per catturare l’attenzione dell’utente

Complici le situazioni di confinamento diffuse e prolungate dovute al COVID-19, nell’ultimo anno, gli utenti dei social media che si identificano come gamer sono aumentati del 32%.

La combinazione social media e industria del gaming, nel suo senso più vasto sembra volersi protrarre con forza anche nel nuovo anno. 

Molte grandi aziende hanno già sviluppato e stanno utilizzando, sui social media, metodi promozionali legati al gaming e sfruttando le nuove tecnologie della realtà virtuale (VR) e della realtà aumentata (AR). 

Con le tecnologie dell’AR e della VR, elementi digitali vengono aggiunti alla realtà, alla quale si mescolano, creando nuovi ambienti e spazi simulati, pieni di nuove possibilità, opzioni e possibilità di scelta. 

L’utilizzo di queste tecnologie è sempre più diffuso e di uso quotidiano per molti utenti online.

Un esempio molto semplice?

Le applicazioni fotografiche che permettono di applicare trucco, di modificare l’acconciatura o i caratteri del volto e del corpo utilizzano la realtà aumentata. 

In particolare se utilizzate con finalità di advertising, queste modalità comunicative permettono di attrarre e creare connessioni forti, catturare l’attenzione dell’utente per lunghi periodi e di generare sensazioni intense.

Molte delle maggiori piattaforme sociali, incluso Facebook, stanno lavorando per rendere questi processi sempre più accessibili tramite la creazione di interi ambienti in realtà aumentata, forse presto disponibili anche per le industrie più piccole. 

Se la tua è un’impresa di piccole o medie dimensioni, forse questa opportunità promozionale ti sembra ancora lontana. 

Allora in attesa che la possibilità di unirti ai giochi arrivi anche per te, perché non prendere spunto su temi, tattiche e idee, lasciandoti ispirare dai grandi sul mercato?

 

Blog-post-socialmedia-trend2021-quote4_FIX

Torna all'indice

 

Clubhouse app: la nuova frontiera delle esperienze social live

Un evento sociale, informativo, virtuale, inclusivo, a cui puoi partecipare in qualunque momento della giornata, anche in multitasking, senza doverti vestire per l’occasione?

C’è: è l’app Clubhouse. 

Una conferma dell’inizio dell’epoca live in cui stanno entrando tutti i social media, Clubhouse è una comunità che conta attualmente circa 1 milione di utenti iscritti, ed è una fucina di eventi virtuali solo audio da ascoltare sul momento, live. 

L’app non permette infatti la registrazione delle conversazioni che si svolgono all’interno delle stanze (ne parleremo fra poco) che compongono la morfologia della piattaforma. 

Cosa significa questo per gli specialisti del marketing che vi prendono parte ogni giorno?

Le conversazioni su Clubhouse diventano veri e propri eventi, composti da contenuti audio effimeri, spinti per questo dall’effetto FOMO, “fear of missing out”. 

Il fenomeno FOMO corrisponde al senso di urgenza che si viene a creare nel pubblico in presenza di contenuti effimeri potenzialmente di alto interesse e/o qualità. 

L’audience si trova a monitorare il social media in maniera regolare e/o costante per assicurarsi di non perdere nessun evento importante nel momento in cui viene trasmesso.. 

Gli eventi nell’app Clubhouse sono interattivi e permettono a tutti gli esperti e i professionisti del settore di partecipare attivamente alle conversazioni. 

È infatti possibile prendere la parola durante eventi organizzati da altri, o si può partecipare come pubblico passivo, per imparare dagli specialisti del mercato, dai grandi nomi, e per ascoltare quante più esperienze possibili, per sviluppare una visione generale su ogni argomento che possa interessarci. 

User generated content (UGC) autentico, immediato, e live: la fama di Clubhouse si basa su tutti i nuovi trend di marketing per il 2021. 

Il 93% degli esperti di marketing è d’accordo sull’affermare che gli utenti hanno maggiore fiducia nei contenuti creati da altri utenti come loro, da persone reali, rispetto ai contenuti creati dagli stessi brand produttori e distributori di beni e servizi. 

I contenuti generati dagli utenti apportano numerosi vantaggi per le aziende: 

  • Un valore nella CTR (click through rate) pari a 4 volte quello delle normali campagne pubblicitarie
  • Una riduzione del 50% del CPC (cost per click)
  • Un aumento dell’engagement pari al 28% riscontrato nella condivisione di user generated content, rispetto alla condivisione di post aziendali
  • Un incremento del 90% del tempo trascorso dagli utenti sulle piattaforme web dei brand

Non è quindi una sorpresa che Clubhouse stia diventando così velocemente uno strumento potente e davvero prezioso per una strategia di social media marketing 2021 sempre vincente. 

Brand awareness e maggiore traffico alle tue piattaforme online

Le opportunità derivanti dal sistema Clubhouse sono davvero tante, a iniziare dalla possibilità di dimostrare le proprie capacità e competenze davanti a centinaia di utenti proveniente da tutto il mondo, interessati a quello che abbiamo da dire, e non alle vanity metrics, o indicatori di vanità, che etichettano i nostri profili su tutti gli altri social media. 

Incrementare i livelli di brand awareness della nostra attività è più semplice con Clubhouse, se siamo pronti a metterci in gioco con le nostre conoscenze, apportando contenuti di qualità e di reale valore alle conversazioni che si svolgono su questa app. 

Utilizzando Clubhouse potrai dimostrare di che pasta è fatta la tua azienda, incrementare il traffico sulle tue piattaforme, farti pubblicità e accrescere la tua rete di contatti e perché no, il tuo portafoglio clienti. 

 

Blog-post-smtrend-serenaCitazione3

Torna all'indice

 

Come iniziare ad utilizzare Clubhouse

Stanze, conversazioni, pubblico e presentatori… a prima vista e in quanto un’app come nessun’altra prima di lei, Clubhouse può sembrare complessa e misteriosa

Vediamo insieme come iniziare ad utilizzare questo nuovo potente strumento di marketing e informazione. 

Iscriviti e trova utenti, stanze e club da seguire

Una volta scaricata l’app, al momento disponibile solo per iOS, l’attivazione del tuo account non sarà immediata. 

Il tuo username sarà salvato dall’app, e sarai inserito in una lista d’attesa, e solo a questo punto potrai ricevere un invito da qualcuno già sulla piattaforma. 

Ogni account attivato riceve subito 2 inviti da condividere, e Clubhouse continua ad elargire inviti agli utenti con il passare del tempo: questi sono quindi limitati, ma non impossibili da ottenere. 

L’utente che avrà permesso al tuo account di attivarsi sarà indicata in calce al tuo profilo, e sarà in qualche modo il primo indicatore della tua provenienza professionale. 

Al tuo primo ingresso ti troverai in una “sala d’attesa” piena di stanze, le cosiddette rooms, inerenti svariati temi. 

Seleziona con cura le stanze e gli utenti da iniziare a seguire, per ricevere solo notifiche per te davvero interessanti. 

Ricorda infatti che quello che accade in una stanza può essere seguito soltanto live, e una selezione strategica della tua rete di contatti è la chiave per assicurarti di non perderti niente di importante.

Per questo stesso motivo, non scegliere le stanze a seconda della loro dimensione. 

Sarà più facile partecipare, anche attivamente sul palco, in stanze di dimensioni ridotte - e sarà più facile essere notati dal resto del pubblico. 

Cosa sono le stanze di Clubhouse?

Le stanze di Clubhouse sono il fondamento dell’app, e i luoghi virtuali in cui si svolgono le conversazioni. 

Nel tuo feed troverai, proprio come fossero foto su Instagram, le stanze che segui e quelle seguite dai tuoi contatti. 

Ogni stanza è composta da tre sezioni:

  • Host, ovvero i relatori e i moderatori, nella sezione palco
  • Pubblico in prima fila, composto da utenti seguiti dai relatori
  • Pubblico generico

I relatori e il pubblico in prima fila sono gli utenti più influenti nel campo o relativamente all’argomento del caso, e potrebbero essere i prossimi profili che vale la pena di seguire. 

A seconda della dimensione della stanza, gli utenti nel pubblico possono “alzare la mano” e chiedere la parola, per essere eventualmente invitato dai relatori a parlare sul palco. 

Chiunque può creare una stanza, sia spontaneamente che previa pianificazione di un evento. 

La pianificazione permette a Clubhouse di inviare una notifica a tutti gli utenti che seguono il creatore della stanza, contenente l’argomento di conversazione, data e ora dell’evento. 

Le stanze a cui sei interessato possono essere aggiunte al tuo calendario, così da ricevere una notifica push prima dell’inizio dell’evento e non perderti tutto il meglio dell’azione. 

Ogni dibattito è gestito da uno o più moderatori, che hanno il compito di mantenere la conversazione inerente all’argomento centrale e di dare spazio solo a contenuti di valore, interessanti e informativi. 

I moderatori aggiorneranno lo stato della stanza regolarmente per controllare l’ingresso di nuovo pubblico, e ad ogni aggiornamento provvederanno a fornire un breve riassunto di quanto accaduto fino a quel punto. 

Cosa sono i club di Clubhouse? 

Il club è uno spazio virtuale che riunisce utenti con simili interessi personali e professionali, dove vengono creati eventi e stanze sulla base di dette preferenze

Stanze ed eventi condivisi nel club possono essere creati da uno qualunque degli amministratori del club, che possono essere uno, o appunto, più di uno.

 

New call-to-action

Torna all'indice

 

Clubhouse per la tua social media marketing strategy 2021

Sfrutta tutti i trend 2021 per il marketing e imposta una strategia di social media includendo Clubhouse e creando un profilo completo e attivo. 

Inizia subito e batti sul tempo ogni possibile modifica all’algoritmo, e inizia a scoprire tutte le possibilità della nuova app. 

Crea la tua stanza e i tuoi eventi su Clubhouse

Anche tu puoi creare una stanza e degli eventi, ed essere il relatore dell’argomento che più ti interessa. 

Come moderatore, sarai tu a gestire le presenze sul palco, gli utenti in sala, e potrai nominare moderatori altri utenti a tua scelta. 

Come relatore dovrai:

  • Fare attenzione all’andamento della conversazione e regolarne stile e contenuti
  • Mantenere la conversazione viva e interessante, piena di contenuti con cui il pubblico possa indentificarsi 
  • Accertarti che il pubblico sia interessato
  • Provvedere a creare piccole pause quando necessarie
  • Assicurarti che l’evento fornisca reale valore ai partecipanti 

Crea eventi che sfruttino le capacità e le competenze dei tuoi collaboratori, della tua forza lavoro e di professionisti del tuo campo, invita ospiti e analizza con loro l’argomento da te selezionato dividendolo per temi e approfondimenti. 

Non dimenticare di pubblicizzare ogni evento, conversazione e stanza da te creati sullo stesso Clubhouse, e su tutti i tuoi canali di marketing, così da attrarre sempre più pubblico. 

Oltre alla creazione di stanze in prima persona, partecipa agli eventi dei tuoi contatti e mettiti in gioco, crea una rete di collaborazione attiva, e se hai occasione, partecipa come ospite, relatore o moderatore nelle stanze degli utenti con cui hai stretto relazioni più profonde. 

Il tuo biglietto da visita su Clubhouse: cura la tua bio

I link diretti ad altre piattaforme non sono permessi Clubhouse. 

Per questo motivo, anche se è possibile inserire URL, impegnati a creare una biografia fruibile direttamente sull’app che sia completa, esaustiva e accattivante. 

Includi nome, professione, gli URL ai tuoi profili social, call to action (CTA) utili e perché no, qualche emoji che catturi l’attenzione degli altri utenti. 

La tua biografia su Clubhouse permetterà a tutti i tuoi contatti e agli utenti in generale di raccogliere immediatamente le informazioni più rilevanti su di te e sul tuo lavoro, di carpire qualche dettaglio sul tuo carattere e di raggiungere facilmente i tuoi altri profili social.

 

Blog-post-socialmedia-trend2021-quote6_FIX

Torna all'indice

 

Inizia il 2021 con il piede giusto: scegli Adv Media Lab e affidati agli specialisti del settore

Dal 2003 nel mondo del marketing digitale con entusiasmo e competenza, Adv Media Lab è un’azienda leader nel settore del social media marketing e delle strategie digitali.

Affidati al nostro team: oltre 40 professionisti al tuo servizio per ottimizzare la tua presenza sui social media in accordo con tutte le tendenze del momento e i trend più influenti sul tuo mercato di appartenenza. 

Progetta insieme a noi la tua strategia di social media marketing per il 2021.

Imposteremo un piano completo in cui gestiremo i tuoi profili dei social network, la creazione dei contenuti da condividere e di un calendario social efficace, la comunicazione e l’advertising digitale e i processi di approccio con pubblico, di supporto e cura del cliente.

Più brand awareness, maggiore visibilità, un incremento nel traffico al tuo sito web dalle tue piattaforme social e maggiori occasioni di vendita tramite i nuovi strumenti social, le nuove app e il social selling. 

Lasciati guidare da Adv Media Lab anche per la formazione del tuo staff e nell’analisi dei KPI più importanti per i tuoi obiettivi annuali. 

Integreremo per te i migliori strumenti di misurazione della performance delle tue piattaforme, e potremo migliorare in ogni momento la tua nuova strategia di social media marketing, per permettere alla tua azienda di ottenere i migliori risultati di sempre. 

Contattaci per una consulenza strategica, e preparati ad un nuovo anno di crescita, pieno di soddisfazioni e stimolanti novità.

 

Prenota un incontro

Torna all'indice

 

Considerazioni finali

I trend sembrano tantissimi, e poiché molti di questi non hanno fatto una “gavetta” per così dire, ma sono saliti alla ribalta durante lo scorso anno, il 2021 sembra pieno di incognite. 

Eppure è possibile riassumere in un consiglio molto semplice quello che il nuovo anno e il nostro pubblico si aspettano da noi in fatto di attenzione ai social media.

Il 2021 sarà l’anno in cui l’attenzione all’informazione, alla cultura e alla formazione della comunità sarà la protagonista assoluta. 

Gli utenti vogliono essere visti come più di un nickname e un profilo, vogliono essere visti come individui, vogliono essere ascoltati e desiderano poter fare domande, in quanto parte integrante dell’assetto sociale, non semplici fruitori di un’app. 

La pandemia da COVID-19 ci ha insegnato che anche lontani possiamo sentirci vicini, e le circostanze in cui ci siamo trovati coinvolti ci hanno regalato nuove tecnologie e nuovi modi per rimanere connessi e per comunicare qualsiasi cosa: dalla condivisione di un meme al link per un evento online su un importante tema sociale. 

Perché non farne tesoro per il nuovo anno?

Sono l’ascolto, la produzione e la condivisione di contenuti con un reale valore emotivo e culturale, la chiave per entrare nel 2021 già pronti per uscirne vincitori.

 

 


Cechi un partner affidabile per la tua strategia di
social media marketing nel 2021?

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA »

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Sei un imprenditore o un marketer in cerca di risultati?