Email marketing 2019: trend, nuove strategie e best practices

Daniel Casarin

Pubblicato da Daniel Casarin

Email marketing 2019: trend, nuove strategie e best practices
Se pensi che l'email marketing sia ormai morto, stai sbagliando seriamente. Questa, come molte altre tendenze in ambito "martech", non è destinata a scomparire, ma piuttosto ad evolvere. I tassi di apertura delle email sono gli stessi degli anni ‘90? Assolutamente no. Le email sono ancora rilevanti? Assolutamente si.

Le tendenze più importanti dell'email marketing, qui trattate, sono possibili grazie all'innovazione apportata dal marketing automation.

Sebbene in prospettiva osserviamo come l'umanizzazione dei processi sarà "il tema cogente", il marketing automation è la grande sfida da raccogliere prima che il digitale cambi i paradigmi del tuo settore tagliando fuori chi non aderisce al processo di digital trasformation.

Per dimostrarti quanto l’email marketing sia uno strumento utile per la tua impresa, analizzeremo diversi aspetti del tema:

 

New call-to-action

 

L’email marketing funziona?

Da quando social media e piattaforme digitali hanno preso piede, avrai sentito dire che l’email marketing è ormai una tendenza passata.

Niente di più falso.

Oggi l'email marketing ottiene risultati estremamente rilevanti e continua a prosperare più di quello che immagini.

Se non ti basta quello che ti abbiamo appena detto, ecco alcuni dati che ti faranno capire quali risultati è possibile ottenere con l’email marketing:

  • Nel 2017 sono stati inviati e ricevuti in media 225,3 miliardi di email al giorno. Si prevede che questa cifra continui a crescere il 5% l'anno.
  • L'89% degli operatori di marketing utilizza l'email come canale principale per generare lead.
  • Si prevede che la spesa per il marketing via email negli Stati Uniti aumenti da 2,67 miliardi di dollari nel 2016 a oltre 3 miliardi di dollari nel 2019. Per ogni euro speso per l'email marketing, puoi aspettarti un rendimento medio di 38€.
  • In media, il 66% degli utenti effettua un acquisto dopo aver ricevuto un'email, contro il 20% per Facebook e il 6% per Twitter. L'email è 40 volte più efficace nell'acquisire nuovi clienti rispetto a Facebook o Twitter.
  • L'86% dei professionisti dà priorità alla connessione email, mentre il 52% ha dichiarato che l'email è il loro principale strumento di comunicazione. L'80% dei professionisti del commercio al dettaglio indica che l'email marketing è il principale fattore di fidelizzazione dei clienti. 

L’email marketing, quindi, è ancora un metodo efficace per far crescere la tua attività. Infatti, può generare lead di qualità, aumentare i profitti e aumentare la consapevolezza del marchio.

Tuttavia, per ottenere il massimo dall'email marketing, è necessario seguire le tendenze recenti (molto legate al mondo dell'insight-driven), applicare le migliori pratiche e aggiungere creatività al processo.

Cosa funziona

  • Le email di benvenuto portano, in media, il 320% in più di entrate rispetto ad altre email promozionali
  • In linea generale, il mobile rappresenta il 55% di tutte le email aperte, il desktop il 17%, la webmail il 36%. Questo dato va però misurato e analizzato in base ai singoli casi a seconda delle abitudini del target
  • Le email in testo semplice ottengono performance più elevate
  • Il martedì è il giorno migliore per inviare un'email poiché mostra i più alti tassi di apertura tra tutti i giorni della settimana
  • La maggior parte delle persone in genere legge le email al mattino, il momento migliore per le aperture è tra le 10:00 e le 11:00
  • Le email che hanno 50-124 parole hanno il miglior tasso di risposta al 50%
  • In uno studio, email senza oggetto sono state così intriganti che hanno prodotto un tasso aperto superiore dell'8% (Omnicore)
  • Tasso di apertura per numero di parole nella riga dell'oggetto: 6-10 parole (21%), 0-5 parole (16%), 11-15 parole (14%), 16-20 parole (12%) (Business2Community)
  • Le email con "fw:" nella riga dell'oggetto hanno il 17% di probabilità in meno di essere aperte (Business2Community)
  • Le email contenenti la personalizzazione nella riga dell'oggetto hanno il 22% in più di probabilità di essere aperte (Business2Community)
  • Le email con codici sconto attivi hanno una probabilità 8 volte superiore di effettuare una vendita rispetto a quelle senza sconti (Media)
  • Il 19% degli abbonati risponde ai messaggi di 200-250 parole, il 17% a meno di 50 parole, il 15% a 150-500 parole (Reply.io)
  • L'iPhone taglia fuori le righe del soggetto oltre i 32 caratteri (My Emma).
  • Le email con la firme dotata di una foto ricevono il 32% di risposte in più delle email senza di essa (WiseStamp)
  • 7 linee è la dimensione perfetta per una firma email (il 75% dei mittenti include informazioni di contatto, il 60% aggiunge il numero di telefono, Twitter (7%), Facebook (3%) o LinkedIn (2%) (EmailMonks, Marketing Land)
  • Il 17% degli adulti utilizza uno stile formale per le comunicazioni via email, il 33% preferisce lo stile informale, il 49% dice che dipende (Huff Post)
  • "Grazie" è la firma meno fastidiosa (3%) (Huff Post)
  • Il 40% delle persone ha chiesto che le email ricevute siano più informative che promozionali (Esplora)

I dati sopra riportati si basano su delle statistiche mondiali sia su target B2B che B2C.

In linea di massima, questi dati dovrebbero essere allineati con le abitudini del tuo target per questo è molto importante analizzare correttamente gli invii.

Sembra che l'email marketing sia più potente di quanto non sia mai stata.

I progressi della tecnologia, infatti, hanno introdotto importanti cambiamenti nel modo in cui i clienti interagiscono con le imprese.

Questo significa anche che i marketer devono migliorare le loro strategie per stare al passo con le tendenze in continua evoluzione.

Torna all'indice

 

New call-to-action

 

10 Modi per ottenere il massimo dalle campagne di email marketing

Nonostante i cambiamenti che la tecnologia continua ad apportare, l’email marketing rimane e rimarrà uno strumento a cui fare riferimento per sviluppare campagne di marketing profittevoli.

Nonostante le tecniche di email marketing sono molteplici, ci sono alcuni elementi da tenere presenti.

Ecco 10 consigli che ti permetteranno di ottenere ottimi risultati nelle tue campagne di email marketing:

1. GDPR e dati personali

Il regolamento generale sulla protezione dei dati è entrato in vigore il 25 maggio 2018.

In sostanza, qualsiasi azienda che intrattiene rapporti commerciali con quelli dell'Unione europea deve cambiare la propria politica in merito a ciò che fa con i dati personali dei clienti.

Se i tuoi contatti non danno il permesso di condividere i loro dati, allora potrebbe essere necessario rimuoverli dal tuo elenco email o da altri elenchi.

Se non sei già in regola, il 2019 sarà sicuramente l'anno in cui farlo.

Dopo tutto, potresti essere multato e affrontare altri problemi legali che potrebbero distruggere la tua attività se non rispetti il regolamento.

Aggiornare in automatico i protocolli privacy degli applicativi che il tuo sito e il tuo marketing utilizzano, è l’adempimento del GDPR più laborioso, continuo e delicato da compiere. Online trovi ottime soluzioni che se ne occupano, a prezzi ragionevoli e scalabili.

Sull'argomento puoi anche approfondire la guida: GDPR ed email marketing: conformità e guida passo dopo passo.

2. Dai ai tuoi contatti il controllo

Nel 2019, fornisci ai clienti e potenziali clienti meccanismi per selezionare i tipi di email che desiderano ricevere. Invece del solo pulsante di annullamento dell'iscrizione offri la scelta di optare per determinati tipi di email.

Questa opzione assicurerà che le email che il tuo contatto riceve siano focalizzate sugli argomenti a cui è interessato. 

Man mano che i tuoi utenti acquisiscono maggiore controllo su ciò che arriva nella loro casella di posta, i loro livelli di coinvolgimento aumenteranno, l'annullamento dell'iscrizione diminuirà e i reclami dello spam si ridurranno drasticamente.

3. Raccogli e gestisci i dati di qualità

La tua capacità di creare campagne email "intelligenti" e pertinenti che catturino l'attenzione del tuo pubblico di destinazione dipende dalla qualità e dall'ampiezza dei dati con cui ti ritrovi a lavorare.

Per essere più dettagliati nella segmentazione e offrire contenuti maggiormente personalizzati ai potenziali clienti, è innanzitutto necessario acquisire la giusta informazione sui lead e mantenere l'accuratezza dei dati raccolti.

La tua strategia di forma dovrebbe acquisire informazioni chiave e di alto livello che ti consentano di iniziare a identificare il gruppo di persone e la fase di canalizzazione di un contatto.

A questo, però, è importante che segua un lavoro attento del tuo team di vendita. Quello che abbiamo appena descritto è soltanto il primo step nella raccolta delle informazioni necessarie per segmentare i tuoi lead.

A questo punto è fondamentale l’intervento del team di vendita, il quale, ogni volta che intende connettersi con un contatto, dovrebbe porre domande mirate e specifiche per colmare eventuali lacune di dati.

Se il team di marketing si affida al team di vendita per inserire dati precisi al fine di creare campagne di elenchi segmentati, è fondamentale che chiunque possieda un contatto in un dato momento si assuma la responsabilità di registrare nuovi dati e aggiornare le informazioni quando si verificano cambiamenti, in quanto ciò influenzerà direttamente le prestazioni di una campagna di email marketing.

4. Utilizza flussi di lavoro smart

Una volta che hai a portata di mano una grande quantità di dati, il vero divertimento può iniziare.

I flussi di lavoro di posta elettronica possono assumere forme diverse a seconda degli obiettivi della campagna e degli strumenti utilizzati.

I flussi di lavoro intelligenti si dividono in due tipi:

  • I workflow “If / then”
    Offrono un modo per personalizzare le campagne in tempo reale in base all'interazione che raccolgono, consentendo di offrire ulteriori opportunità ai lead in base al loro impegno con le email precedenti. Questi tipi di flussi di lavoro vantano spesso tariffe più elevate perché riducono la probabilità che la tua email non sia stata riconosciuta semplicemente a causa di tempi scadenti.
  • I flussi di lavoro specifici per obiettivi
    Un altro esempio di flussi di lavoro intelligenti sono i flussi di lavoro specifici per obiettivi. All'interno delle impostazioni del flusso di lavoro della posta elettronica, è possibile scegliere di impostare un obiettivo o un’aspettativa per una determinata campagna. Questa azione farà sì che i potenziali clienti non vengano registrati dal flusso di lavoro una volta raggiunto tale obiettivo, impedendo ai destinatari di essere sommersi da email aggiuntive e irrilevanti una volta che hanno già intrapreso l'azione desiderata.

    Supponiamo che tu abbia una campagna email in cui l'obiettivo finale è la registrazione al webinar. L'impostazione della registrazione come obiettivo per quel flusso di lavoro rimuove efficacemente i potenziali clienti dal flusso di lavoro in qualunque punto si registrino per il webinar.

5. Crea una banca dati smart

Le liste di email intelligenti ti consentono di mostrare diverse offerte all'interno di un singolo elenco email segmentato su criteri di definizione specifici.

In altri termini, ti consentono di offrire contenuti intelligenti al tuo pubblico.

Ad esempio, se si dispone di tre profili target, ciascuna email intelligente in un singolo flusso di lavoro della campagna sarà composta da tre varianti distinte specifiche del proprio messaggio.

La creazione di liste intelligenti comprende anche la possibilità di creare elenchi intelligenti.

Con lo strumento smart list HubSpot, è possibile utilizzare diverse società e proprietà di contatto per creare elenchi altamente specifici per campagne email mirate.

Queste liste possono essere segmentate per persona, fase del ciclo di vita, industria, azienda o livello di coinvolgimento per ridurre effettivamente il pubblico a quei contatti che hanno maggiori probabilità di rispondere ad un'offerta.

Quindi cosa rende queste liste "intelligenti"?

Le liste intelligenti continueranno ad aggiungere nuovi lead a un flusso di lavoro stabilito che si adatta ai criteri dell'elenco stipulato, pertanto i nuovi lead introdurranno automaticamente campagne di lead nurturing pertinenti.

6. Stabilisci tempistiche appropriate

Il tempismo è un fattore fondamentale che influisce in modo importante sul rendimento di qualsiasi campagna di posta elettronica.

La funzione "Pianifica in base al fuso orario" in HubSpot segmenta automaticamente un elenco in base al fuso orario locale di un contatto, consentendo di inviare un'email in un momento in cui è più probabile che un contatto venga coinvolto.

Avviare i flussi di lavoro con una delle funzioni di invio intelligente è un buon modo per garantire che la prima email della campagna raggiunga il pubblico desiderato.

Stabilire tempi appropriati include considerare anche quanto sia tempestiva e pertinente l'offerta che stai promuovendo.

È altrettanto importante controllare che il contenuto della tua email fornisca il contesto necessario per l'offerta.

Ad esempio, se invii una campagna email che chiede ai destinatari di registrarsi a un webinar in diretta, sarebbe importante personalizzare il messaggio per includere soluzioni alternative per i potenziali clienti in fusi orari alternativi, includendo anche informazioni come:

  • Dove e quando registrarsi
  • Possibilità di vedere successivamente il webinar

Fornire un contesto differenziale basato su fattori distintivi aumenterà i livelli di coinvolgimento soddisfacendo le esigenze specifiche del tuo pubblico.

7. Volume di consegna

Il volume di consegna della posta elettronica è definito dalla consistenza numerica delle email in uscita.

I vari provider di posta elettronica del tuo pubblico (Gmail, Hotmail, ecc.) controlleranno la cronologia delle email, l'indirizzo IP di consegna e la relazione tra i due. Quando non ci sono dati storici su queste metriche, le tue email in arrivo saranno considerate sospette e potrebbero finire nella cartella spam o promozione.

Per evitare questo, è una buona idea iniziare lentamente con un volume basso e aumentare del 50% l'intensità di ogni campagna. Questo tipo di aumento consistente del volume di consegna garantirà che le tue email non attivino i filtri antispam negli account di posta elettronica dei clienti.

Quando aggiungi un nuovo indirizzo IP dedicato al tuo account, devi "riscaldarlo", in gergo tecnico "warming up your IP address".

Devi anche scaldare il tuo IP se non lo  per più di 30 giorni. Riscaldare il tuo IP ti consente di inviare più email in modo graduale sul tuo nuovo IP per stabilire una buona sender reputation.

Mentre questo approccio significa che ci vorrà più tempo per raggiungere un volume di consegna elevato, tenete presente che questo porterà a un successo a lungo termine.

8. Urgenza e scarsità

"Gli esseri umani procrastinano a meno che non si dia una ragione per non farlo".

Con la possibilità di rimandare, nove volte su dieci lo faranno.

Lo shopping online ha reso l'acquisto incredibilmente conveniente ma anche facile da rimandare, a differenza dello shopping nel mondo fisico, dove devi uscire di casa, spostarti ed entrare in un negozio. Quando l’acquisto è rimandato, il cliente può perdere l’interesse.

Per ovviare a questo fatto devi creare un senso di urgenza o scarsità.

Invia email con titoli che informano i destinatari che si tratta di un'offerta allettante, valida solo per un giorno. Questo è uno dei modi più efficaci per far sì che aprano l'email e controllino il tuo sito.

Puoi anche usare la molla della scarsità in abbinamento con la riprova sociale.

Crea interesse con un’offerta in rapida conclusione per via del successo sul vasto pubblico.

9. Coinvolgimento e interazione

Concentrati su argomenti interessanti o rilevanti per la base di clienti, destinatari delle tue email, altrimenti, come le persone nel mondo fisico, abbandonano la conversazione.

Mantieni il contenuto della tua campagna di email marketing rilevante e il tuo pubblico seguirà i link e otterrai conversioni.

Ogni volta che invii una campagna di email marketing pertinente, il tuo punteggio di reputazione e il tasso di deliverability della posta elettronica saliranno.

Le interazioni positive consistono in azioni come:

  • Apertura dell’email
  • Lettura
  • Click su collegamenti
  • Archiviazione dopo la lettura
  • Risposta alla email

Le interazioni negative consistono in:

  • Archiviazione dell’email senza apertura
  • Cancellazione senza apertura
  • Contrassegno di spam
  • Annullamento dell’iscrizione

Il tuo obiettivo principale dovrebbe essere quello di eseguire una campagna che attiri l'attenzione dei destinatari e li incoraggia ad aprire le email.

Il coinvolgimento e l’interazione nel 2019 si raggiungono con l’umanizzazione delle email.

Non commettere l'errore di inviare da indirizzi come noreply@, info@, sales@, supporto@, e così via.

Assicurati che i tuoi clienti sappiano che il tuo ufficio vuole ascoltarli e che c’è una persona dietro ad un'email. Se necessario usa un indirizzo email personale del mittente, o che sia percepito come tale, per incoraggiare i destinatari a rispondere.

Ricevere una risposta indica che l'indirizzo di posta elettronica della tua azienda viene aggiunto automaticamente alla lista di contatti del potenziale cliente, assicurando che le email successive arrivino direttamente nella sua casella di posta.

Costruire un rapporto personale con il tuo pubblico di contatti ti avvantaggerà sui concorrenti ed è certamente il modo più semplice e veloce per costruire una base di clienti fedele e coinvolta.

10. Valuta e rivaluta

Quando si tratta di campagne email, non esiste una formula magica o un livello di perfezione che sia possibile raggiungere e quindi applicare universalmente. Niente è statico quando parliamo di buyer’s journey: solo perché una strategia ha funzionato per un pubblico target non significa che funzionerà su tutta la linea.

Detto questo, ci sono ancora modi per migliorare i tassi di successo generali e imparare dagli errori del passato.

  • Prima di creare una nuova campagna email, valuta cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato nella tua ultima campagna.
  • Esamina le metriche come tasso di apertura, percentuale di click e contatti persi nel tempo e cerca di tracciare connessioni tra i risultati ottenuti nei livelli di coinvolgimento e fattori discriminanti chiave. Perché una campagna ha prestazioni significativamente migliori di un'altra? Osserva le differenze nel contenuto, i tempi, le linee tematiche, il numero di email e altre potenziali caratteristiche distintive in correlazione con le metriche esaminate.
  • Prima di creare una nuova campagna email, dovresti anche considerare la consegna. Se desideri vedere una maggiore velocità di consegna nella tua prossima campagna, potrebbe essere intelligente escludere dall'elenco i potenziali clienti che hanno dimostrato tassi di coinvolgimento costantemente bassi.
  • Monitora le campagne in corso su base mensile per valutare le loro prestazioni e apportare piccole modifiche o effettuare A/B test. Come sempre, tieni a mente l’obiettivo finale quando personalizzi il tuo messaggio e determini la strategia più adatta da utilizzare per andare avanti.

Torna all'indice↑ 

I più importanti trend dell’email marketing

Per assicurarti di ottenere il massimo dalle tue attività di email marketing è importante stare al passo con le ultime tendenze e i cambiamenti dell’anno.

Per questo, ti proponiamo la lista dei 9 trend dell’email marketing che stanno avendo più successo.

Trend #1 - Iscrizione Single Opt-In e Double Opt-In

Uno degli argomenti più importanti ma sottovalutati nel mondo dell'email marketing è l'argomento dei metodi di iscrizione alla tua mailing list conosciuti come single-double opt-in.

I metodi di opt-in single e double sono due opzioni per consentire agli utenti di iscriversi alla tua mailing list:

  • Un singolo opt-in consente al visitatore del sito di iscriversi inserendo il proprio indirizzo email senza altre informazioni.
  • Il doppio opt-in, richiede che gli utenti confermino la loro email, dopodiché viene attivato il loro abbonamento.

E' vero che il doppio opt-in causa il calo dei tassi di iscrizione.

Pertanto, si potrebbe pensare che sia meglio avere un modulo di iscrizione alla mailing list sul proprio sito web che accetti nuovi dati di sottoscrizione senza verifica.

Un doppio metodo di opt-in ti offre un ulteriore livello di sicurezza assicurando che tutti i tuoi iscritti siano persone reali e interessate, non bot o hacker.

Con un unico approccio di opt-in, avrai pure più sottoscrittori ma di minore qualità e meno sicurezza per l’incolumità del sistema.

Un singolo opt-in lascia il tuo sito vulnerabile a concorrenti o hacker che possono riempire la tua lista di abbonati con spam trap e indirizzi di posta elettronica non validi, rendendo la tua campagna email con alti tassi di rimbalzo.

Una spam trap è un indirizzo email utilizzato per individuare mittenti illegittimi che aggiungono indirizzi email ai propri elenchi senza autorizzazione e venditori di email list con inappropriate autorizzazioni e pratiche di gestione delle liste.

L'invio a una trappola di spam può essere molto dannoso per la tua reputazione e causare problemi di deliverability (deliverability o inbox placement è la cartella di posta in arrivo, cartella spam o altra cartella, nella quale il messaggio finisce quando viene accettato dall'intestatario).

Trend #2 - Personalizzazione e umanizzazione

Nel 2019, dobbiamo umanizzare le nostre email spersonificate dall'evoluzione costante della posta elettronica. 

Prendi ad esempio come il giusto tono di conversazione, possa far sentire gli utenti come se stessero interagendo in modo genuino con la tua azienda.

Diventa sempre più difficile convincere le persone a iscriversi alla tua newsletter?

Quando lo fanno, hanno bisogno di ricevere contenuti personalizzati o decideranno di disiscriversi piuttosto rapidamente. Fortunatamente, la personalizzazione è abbastanza facile da attuare in quanto fa parte dell'automation. Anche alcune versioni free delle principali piattaforme di email marketing mettono a tua disposizione servizi automatici che ti aiutano a personificare le tue missive.

Un metodo rapido e semplice per personalizzare le tue email è includere il nome (non direttamente in alto ma in conversazione) e informazioni sugli acquisti passati o sugli articoli preferiti. Puoi essere creativo quanto vuoi per rendere ogni email unica per i tuoi lettori.

La personalizzazione inizia col tener conto del nome del destinatario, delle informazioni univoche sull'account o sulla persona del compratore segmentato. Rivolgendosi al destinatario con suo nome, è possibile aumentare il tasso di apertura e conversione fino al 35% (SuperOffice). Il 62% delle email viene aperto grazie alla riga dell'oggetto personalizzata (Campaign Monitor)

Passa per le informazioni sugli acquisti passati o sugli articoli preferiti. Per l'attività rilevata sul sito, come il carrello abbandonato senza acquisti. Va anche oltre con invio di un'email per la semplice visualizzazione di un prodotto sul sito.

Arriva alle aziende che raggruppano i contatti per personalità o per comportamento e fanno agire i meccanismi di marketing automation col massimo di personalizzazione permessa.

  • L'88% degli utenti concorda sul fatto che è più probabile che risponda ad una email favorevolmente se sembra che sia stata creata appositamente per loro (Dynamic Yield).
  • Il 10% degli intervistati è infastidito da una personalizzazione troppo piccola o nulla (Adobe).
  • Secondo gli intervistati, le cose più frustranti della personalizzazione sono: raccomandare articoli che non corrispondono ai loro interessi (34%), offerte scadute (24%), nome errato (15%), offerta inappropriata di stagione o posizione (14%) , promozioni già acquistate (13%) (Adobe).

Contenuti personalizzati inviati a ciascun gruppo pertinenti alle loro azioni o persone.

In questo 2019 devi rendere il materiale inviato, più presonalizzato e ritagliato su misura per ogni esperienza.

I dati di Econsultancy attestano l'importanza dell'umanizzazione nell'automazione.

I dati hanno esaminato oltre 1.100 operatori di marketing nei settori dell'ecommerce e del marketing digitale. Tra gli intervistati, la maggior parte (74%) ha concordato sul fatto che l'utilizzo della personalizzazione è stata la chiave per aumentare il coinvolgimento dei propri clienti.

Facciamo un esempio.

Immagina di vendere una varietà di prodotti dal tuo eCommerce e al momento stai offrendo uno sconto su uno di questi prodotti: un cappello rigido isolante per lavori in climi freddi. Potresti adottare due approcci per comunicarlo al tuo pubblico:

  • Si potrebbe direttamente utilizzare una email annunciando lo sconto a tutti i contatti presenti nella tua lista email. Tuttavia, sarebbe rilevante solo per quelli nel settore delle costruzioni. Tutti gli altri vedranno l'email come irrilevante e alcuni potrebbero disiscriversi.
  • Puoi segmentare i tuoi contatti in base ai loro attributi per produrre un elenco mirato di destinatari.

Con le giuste tecnologie di CRM e marketing automation, è facile creare un elenco di contatti che lavorano nel settore edile e vivono in Canada o negli Stati nordici più freddi degli Stati Uniti come North Dakota, Montana e Maine. Quindi invii l'email solo a quei contatti perché sai che l'offerta sarà rilevante per loro.

Quale approccio produrrà risultati migliori?

Questa è una domanda retorica! E’ chiaro che il secondo approccio avrà più successo. Questo tipo di personalizzazione mirata aumenterà l'impegno e la soddisfazione del cliente, perché le persone che non lavorano in edilizia non dovranno gettare quella email nel cestino.

Trend #3 - Informalità dei contenuti

I Millennials sono pronti a sorpassare i Baby Boomer come la più grande demografia dei clienti negli Stati Uniti nei prossimi anni. I clienti e i responsabili delle decisioni della generazione millenaria sono più rilassati e meno formali dei loro predecessori.

In passato, gli addetti al marketing ponevano un forte accento sull'uso di un tono più formale e rigido nella loro copia di email. Questa tendenza sta cambiando e continuerà a farlo.

Man mano che i Millennials diventano i CEO delle aziende e il più grande gruppo di clienti sul mercato, i marketer dovranno adattare il modo in cui "parlano" al loro pubblico tramite email di marketing.

L'umorismo diventerà più comune.

I marketer diventeranno più informali con le loro email al punto che cambierà anche il tono usato. Se hai dei dubbi su questa tendenza, prova ad utilizzare un A/B test verificando alcune email per vedere quali producono risultati migliori.

Scaric

Trend #4 - Segmentazione e targeting

Il lavoro dei marketers è in costante aumento e non sarà destinato a diminuire, pertanto è fondamentale utilizzare gli strumenti di automation a nostra disposizione perché non possiamo fare tutto.

Sistemi come IBM Watson ma anche HubSpot, Marketo o Pardot, ci permettono di segmentare meglio i nostri contatti e di elaborare strategie più intelligenti al fine di aumentare i profitti grazie ai dati messi a nostra disposizione.

Non c'è dubbio che con il potenziamento della tecnologia stiamo affinando le nostre competenze su come e quando utilizzare l'email marketing. Ciò dimostra solo che l'email marketing non riguarda la quantità dei contatti nella lista ma la qualità.

Trend #5 - Email interattive o email "text-only"?

Uno dei cambiamenti che si sta già riscontrando riguarda il modo in cui il contenuto viene presentato. In passato, i mailer html consistevano in un'immagine statica principale, pulsanti CTA e contenuto scritto con collegamenti testuali.

Ora, i marketer stanno combinando le modalità di presentazione, usando il testo semplice e le email interattive.

I motivi principali di questo cambiamento sono i filtri antispam e le preferenze dei clienti.

Per alcuni, le email di solo testo possono sembrare noiose ma in realtà, tenendo presente quante email di marketing riceviamo, tendono a trasmettere un approccio molto più personale e stanno quindi diventando più popolari.

Un'altra tendenza è la gamification che incoraggia l'iscrtitto a interagire con il contenuto rivelando incentivi o messaggi specifici.

Le immagini animate vengono utilizzate più spesso anche con il rischio che alcune caselle di posta in arrivo come Outlook possano bloccarle.

Trend #6 - Il contenuto è tutto

Inviare un'email con un semplice messaggio di vendita o impegnarsi ad aggiungere e integrare un messaggio che contenga una storia con notizie interessanti, storia dell’azienda, concept e filosofia non ti porterà ad ottenere gli stessi risultati.

Lo storytelling ben realizzato può avere un impatto molto positivo sul ROI di quell'email.

Questa non è una tendenza nuova, ma il contenuto sta influendo sempre di più in modo considerevole sul ROI.

Trend #7 - Responsive è d'obbligo

Sempre più persone stanno controllando la posta elettronica sul proprio dispositivo mobile.

Le statistiche riferiscono che il numero di utenti di smartphone in tutto il mondo supererà i 2,8 miliardi entro il 2020.

Statistiche relative ad email su dispositivi mobili suggeriscono che un'email viene di solito visualizzata per la prima volta su un dispositivo mobile invece che su un computer, con il 53% delle email aperte tramite dispositivi mobili.

Di queste email, il 23% verrà riaperto in seguito.

Dei 900 milioni di utenti GMail, il 75% di loro utilizza i propri account su dispositivi mobili. L'81% controlla la posta elettronica su smartphone, il 74% su desktop / laptop, il 21% su tablet, il 2% su smartwatch (Adobe)

Quasi 1 su 5 campagne email non sono state ottimizzate per i dispositivi mobili (Super Office).

Il 50% dei messaggi che non vengono visualizzati correttamente sullo schermo dello smartphone vengono eliminati, il 25% di tali messaggi di posta elettronica vengono salvati fino a quando non possono essere letti su un desktop (reply.io).

Nel 70% dei casi, se il messaggio non viene visualizzato correttamente, è probabile che venga eliminato entro 3 secondi (Adestra).

Il 52% delle email e dei siti web dei marchi B2C non sono entrambi ottimizzati per i dispositivi mobili (Litmus). Nel mese di giugno 2018, il 46% delle email è stato aperto su smartphone, mentre il desktop è stato utilizzato solo per il 18% (Litmus).

L'88% degli utenti di smartphone controlla regolarmente le email sui propri dispositivi mobili (Pew Research Center)

Le statistiche rendono essenziale l'ottimizzazione dei dispositivi mobili per le email, in quanto più visualizzazioni di email avvengono tramite dispositivi mobili che su schermi di computer.

Una volta che sai che la tua email è pertinente per il tuo pubblico, devi assicurarti che sia anche mobile-friendly, significa facile da leggere e da interagire con essa. Se l’email richiede lo zoom per visualizzare le immagini o fare click sui pulsanti, il cliente è perso.

Ogni applicazione e servizio di posta elettronica ha i propri standard di visualizzazione. Gmail rende le email HTML molto diverse da quelle di Hotmail e visualizzate in modo diverso su Android.

Il servizio di email marketing che utilizzi dovrebbe fornirti un generatore di email facile da usare che ti permetta di creare contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili.

Utilizza strumenti di test di terze parti per assicurarti che la tua email sia visualizzata correttamente su oltre 40 applicazioni di posta elettronica e simili servizi per i test della posta in arrivo.

Ma la reattività del mobile non si ferma agli smartphone.

Più clienti utilizzano i tablet per visualizzare le email. E gli schermi di smartphone e tablet sono disponibili in diverse dimensioni. È importante che le tue email rispondano a schermi di tutte le dimensioni e vengano visualizzati correttamente su tutti i dispositivi. In caso contrario, vedrai il tuo tasso di disiscrizione salire.

Trend #8 - L’Inbound marketing continua a migliorare

L’inbound marketing indica una modalità di centrata sulla capacità di essere trovati dai potenziali clienti evitando una palese strategia pubblicitaria di tipo push.

L'obiettivo è quello di generare fiducia nel tuo marchio poiché non stai proponendo delle semplici offerte commerciali ma stai condividendo contenuti che risolvono problemi comuni e educano il tuo pubblico.

Le persone inizieranno a seguirti quando avranno bisogno di consigli su un determinato argomento.

Se da una parte l’outbound marketing gonfia i vantaggi e i pregi del tuo prodotto offrendo un messaggio unidirezionale, dall'altra l’inbound marketing mira a creare fiducia e interazione nel marchio in modo che i clienti siano attirati in modo volontario. Assisteremo ad un continuo aumento dell’uso delle email tramite inbound marketing per coinvolgere i lead.

Il risultato è che l’inbound marketing attrae persone che hanno una probabilità maggiore di diventare clienti.

Mentre l’outbound marketing si rivolge a tutto il pubblico nella speranza di attirare qualche lead, l’inbound marketing si impone in maniera autorevole con lo scopo di attirare i clienti.

Man mano che i clienti diventano sempre più stanchi delle email di vendita non richieste, ci si impegnerà maggiormente con le email che forniscono approfondimenti didattici. Incorporare contenuti in entrata nella tua strategia di email marketing è uno dei trend più importanti del prossimo futuro: stai al passo!

Trend #9 - L'acquisto di email inizia a diventare obsoleto

L'acquisto di elenchi di email sul mercato sta diventando obsoleto poiché risulta costoso e non ti darà mai la certezza dei risultati che otterrai.

Potresti ricevere un elenco completo di indirizzi email vecchi o non attivi oppure l'elenco che acquisti potrebbe essere pieno di contatti che non comprerebbero mai il tuo prodotto.

E’ come lanciare una grossa rete nel mare e incrociare le dita, nella speranza che alcuni di quei contatti acquistati si impegneranno con te.

Qual è l'alternativa?

I marketer si concentreranno sempre più sulla creazione di meccanismi che inducono i lead a scegliere la tua mailing list.

Il fatto che un contatto scelga volontariamente, fa sì che tu sappia con certezza che tale contatto è interessato al tuo prodotto e voglia saperne di più.

Ciò ti consente di commercializzare lead che hanno indicato interessi, piuttosto che lead che non conoscono il tuo marchio e che probabilmente contrassegneranno la tua email come spam.

Il 53% degli utenti dichiara di ricevere troppe email irrilevanti di cui non ha bisogno o che non vuole vedere. La creazione di un processo di opt-in garantisce (in parte) che il tuo pubblico riceva solo quelle email a cui è davvero interessato.

L’email marketing basato sul single opt-in prevede un’iscrizione ad una lista, dunque l’autorizzazione esplicita del destinatario a ricevere comunicazioni via email o newsletter e questa modalità si contrappone all’opt-out in cui il destinatario riceve le newsletter fino a quando non dichiara in modo esplicito di non voler ricevere più messaggi dalla lista.

Il metodo opt-In aumenterà le percentuali di click e di apertura e ridurrà drasticamente i tassi di annullamento dell'iscrizione e i rapporti di spam.

Inoltre, con l'arrivo del GDPR e altri regolamenti sulla protezione dei dati, alla fine sarai costretto ad allontanarti dalle liste acquistate o ad affrontare multe salate.

Se sei in fase di lancio e non possiedi un elenco di potenziali clienti a cui rivolgerti, è ora di aggiungere un modulo di iscrizione alla mailing list sul tuo sito web e offrire incentivi in cambio degli indirizzi email dei visitatori del tuo sito. Non avere fretta di vedere il numero crescere a dismisura, è meglio optare per la qualità sulla quantità.

Un elenco molto attivo di 100 iscritti è molto meglio di un elenco passivo di 1.000.

Nel 2019, la sola opzione possibile in ambito email marketing è quella di avere un seguito di utenti attivo che apra le email, segua i contenuti che invii e magari risponda o dia un feedback.

Devi avere informazioni sui tuoi contatti per meglio fornire prodotti e servizi su misura e condurre campagne di email marketing di successo.

Se la tua mailing list ha diversi anni, potrebbe essere il momento giusto per un aggiornamento.

Assicurati che gli indirizzi email siano aggiornati.

Nel tempo, gli account email vengono disattivati e gli account inattivi diventano trappole spam. Anche un piccolo gruppo di indirizzi email o spam non validi può causare danni alla reputazione della consegna. 

Sono disponibili diversi servizi di verifica email, come Kickbox e QuickEmailVerification.

Trend #10 - Non dimenticare di essere “umano”

L’automation nel mondo dell’email marketing rende il lavoro dei marketers molto più veloce e semplice.

Non dobbiamo più essere legati ai nostri computer, aspettando il momento perfetto per inviare un'email quando la ricettività è più alta ma possiamo lasciare che i software di automation programmino le nostre email. Inoltre, non c'è più bisogno di sedersi e selezionare ogni vantaggio, studiando i loro dati demografici per categorizzarli.

Il software fa anche questo lavoro per noi.

In tutti i processi che vengono automatizzati, a volte si dimentica il fatto che siamo esseri umani e non macchine.

 Se alcune attività possono essere gestite dal marketing automation, altre richiedono necessariamente il tocco della mano umana. Ciò è fondamentale quando si vogliono aumentare interesse e coinvolgimento degli utenti.

I dati di Econsultancy, che sono stati condivisi su Marketsource, attestano l'importanza dell'umanità nell'automation. I dati hanno esaminato oltre 1.100 operatori di marketing nei settori dell'eCommerce e del marketing digitale.

Tra gli intervistati, la maggior parte (74%) ha concordato sul fatto che l'utilizzo di una personalizzazione più umana è stata la chiave per aumentare il coinvolgimento dei propri clienti.

Trend #11 - Il Conversion Rate Optimization (CRO)

Si tratta della percentuale da tenere sotto controllo per comprendere come aumentare il tasso di visitatori al tuo sito web che acquistano o si convertono in lead.

Certamente potrai utilizzare il marketing automation per guidare il tuo CRO, poiché una buona campagna email porterà a più conversioni.

Secondo la risorsa di marketing MarTech Advisor, il CRO è una strategia che ogni marketer dovrebbe conoscere e utilizzare.

E’ stato predisposto il piano CRO 2020 per prepararsi ai prossimi due anni di processi automattizati e questa comprende anche l'automation della posta elettronica.

Nel frattempo, tieni a mente i seguenti punti:

  • L'interattività è importante, così come l'esperienza complessiva del tuo sito web. Si tratta di qualcosa di più che semplici pagine di destinazione o pagine di vendita. Si parla dell'aspetto del tuo sito nel suo insieme.
  • Gli strumenti CRO continueranno a diventare più avanzati per rendere più facile l'implementazione di efficaci campagne di marketing.
  • Anche la realtà virtuale e la realtà aumentata hanno un posto nel CRO, specialmente perché le tecnologie continuano ad evolversi e diventano più diffuse.

Trend #12 - L'espansione dei chatbot

I chatbot sono uno strumento che attesta una crescita piuttosto interessante.

Oggi sono sempre di più le persone che si affidano a sistemi che utilizzano tecnologie simili ad un chatbot come Google Home e Amazon Alexa.

Negli ultimi due anni, infatti, l’utilizzo di chatbot in ambito aziendale è notevolmente aumentato e questa crescita siamo sicuri non sia destinata a fermarsi.

Ma che cosa hanno a che fare i chatbot con il processo di automation dell'email marketing?

Semplice!

Se usati come parte delle campagne di email marketing, i chatbot possono incoraggiare i lead a iscriversi alla tua mailing list.

Trend #13 - Marketing automation per i tuoi contenuti

Una tendenza che si riconferma anno dopo anno è la pubblicazione di contenuti di valore.

I blog sono ancora incredibilmente rilevanti. I dati del 2017 del Content Marketing Institute riportano che il 77% delle persone su Internet li legge.

Piccole aziende che curano i propri blog, vedranno un picco di crescita del 126%.

Il 2019 non ha alcuna intenzione di eliminare l’utilizzo del blog aziendale, ma come è possibile coniugare questo strumento con l’automation? 

Il marketing automation ti permette di inserire i contenuti appena pubblicati nelle email automatizzate, questo ti permette di fornire una proposta di maggiore valore ai tuoi i clienti.

Trend #14 - Le liste di prodotti correlati

Non hai mai sentito parlare prima d’ora di liste di prodotti correlati? Si tratta di una tendenza già presente nel 2018, ma nel 2019 siamo sicuri assisteremo ad una grande diffusione di questa tipologia.

Cosa sono le liste intelligenti di prodotti correlati? 

Si tratta di liste di prodotti che entrano nelle email che prevedono acquisti futuri in base al comportamento di acquisto passato. 

Un tipico esempio?

Quando navighi su Amazon, ti appare spesso il blocco "i clienti che acquistano questo articolo hanno comprato anche...".

Trend #15 - Far tornare utenti e clienti sul tuo sito web

Lead e clienti possono disinteressarsi per una varietà di motivi che spesso non è possibile comprendere, tuttavia, puoi concentrarti invece sul tentativo di riportare i clienti. 

L'automation rende più semplice la riconnessione con i clienti che hanno abbandonato il tuo funnel poiché ti permette di risparmiare molto tempo dal punto di vista dell’esecuzione dell’azione.

Questo significa che anche se i clienti che hanno abbandonato il funnel restano disinteressati, almeno non avrai perso tempo o denaro. 

Per quanto riguarda le email, è possibile inviare email automatizzate quando alcuni utenti che lasciano il funnel sono ancora nella pagina del carrello. In queste email di solito è inserita una call to action che mira a riportare il cliente sul sito.

Un esempio?

Potresti inviare delle email automatizzate per il rifornimento del tuo prodotto. Supponiamo che tu sia un marchio di prodotti per la cura della pelle.

Il tuo cliente ha un abbonamento a un siero anti-rughe. Ogni mese invii un'email attraverso lo strumento di marketing automation per ricordargli che è ora di riordinare.

Se il cliente si è disinteressato nel tempo, ma ricorda di aver comprato il tuo siero, allora un'email di rifornimento potrebbe essere ciò che serve per indurlo a comprare di nuovo.

Trend #16 - Marketing automation ed email transazionali

Con email transazionali si intendono mail come l’avviso di reimpostazione della password, la mail di ricevuta digitale dopo che un cliente ha acquistato un prodotto, le mail di conferme di acquisto, gli avvisi di spedizione e le conferme di consegna. 

Essenzialmente, sono tutte quelle email che un cliente si aspetterebbe di ricevere quando effettua un acquisto online. 

Molti utenti, per esempio, vogliono sapere che il loro ordine è andato a buon fine o essere informati sui tempi di consegna e desiderano avere la possibilità di tracciare il loro ordine.

Altri, vogliono avere conferma dopo aver apportato modifiche al proprio account.

Secondo Fulcrum Tech, un'agenzia di email marketing, le email transazionali come quelle sopra hanno un tasso di apertura molto alto anzi è circa 8 volte più alto di altre email di marketing.

Se inserisci alcuni annunci di vendita, un elenco di prodotti correlati o sconti, allora stai indirizzando queste email verso i tuoi obiettivi di marketing. E’ una buona opportunità da sfruttare!

Trend #17 - L’intelligenza artificiale continua ad evolvere (anche in questo campo)

Un'altra tendenza degna di nota per l'automation nell'email marketing è l'intelligenza artificiale.

Sì, abbiamo già parlato di chatbot in questo articolo, ma l'intelligenza artificiale è molto più di un semplice chatbot.

L’intelligenza artificiale è decollata nel 2017 e da allora non ha mai smesso di crescere. Secondo MarTech Today, l'intelligenza artificiale può essere utilizzata per incrementare collaborazioni, personalizzazione extra del cliente, acquisizione di informazioni personali e comandi vocali. 

Il 2018 è stato l'anno dell’intelligenza artificiale nel marketing e il 2019 sarà l'anno in cui l'intelligenza artificiale aumenterà l'automazione e diventerà sempre più rilevante in area marketing.

Trend #18 - Testare, testare, testare sempre

L’A/B test e altre forme di test della tua posta elettronica e del marketing automation non smetteranno mai di essere utilizzate. Il test deve far parte delle tue attività di routine.

L'automation per quanto sia essa sorprendente troverà enorme diffusione nei prossimi anni, ma purtroppo non è perfetta.

Essa infatti può essere soggetta a errori umani nel momento in cui si progetta.

Per questo chi fa marketing automation è estremamente abituato a essere in "beta" continua e testare costantemente i diversi workflow.

Inoltre, prova diverse versioni delle tue email per vedere quale ottiene le conversioni più alte.

A volte le conversioni possono ottenere maggiori risultati semplicemente riscrivendo poche righe, omettendo un paragrafo o spostando un'immagine più in alto nell'email.

Il pubblico si stanca molto velocemente.

Per questo motivo è importante che continui a cambiare non solo i contenuti, ma anche il modo in cui li presenti. 

Ciò significa che se nel 2018 hai utilizzato alcune tipologie di format, nel 2019 potresti rivedere questi contenuti e modificare il modo in cui li proponi.

In questo modo sicuramente attirerai l’attenzione degli utenti e riuscirai a mantenerli interessati.

Gli utenti preferiscono che gli venga offerto qualcosa di nuovo anche se sbagliato o imperfetto, piuttosto che rimanere statici o aver paura. 

Torna all'indice ↑ 

 

email marketing trend

 

Perché utilizzare il marketing automation?

Con il termine marketing automation si intendono tutte quelle attività che permettono di inviare, programmare e gestire i messaggi di email verso una lista di contatti attraverso automatismi (sempre più orientati dal machine learning).

Questo regole impostate negli applicativi suggeriscono di fare azioni specifiche (nella fattispecie invio di contenuti via email) nel caso in cui si verifichino determinate condizioni.

L’automation nell’email marketing non può essere rimandato oltre per l'efficacia nelle conversioni e l'uso di tempo e denaro che se ne ottiene.

  • In media il 51% delle aziende utilizza attualmente l'automation (Emailmonday)
  • Il 47% dei marketer è sicuro che l'automation valga il prezzo (VB Insight)
  • Il 68,5% degli intervistati ritiene che l'automation abbia migliorato il targeting dei messaggi (LianaTech)
  • Il 30% crede che l'automation faccia risparmiare tempo, aiuti a generare lead (22%) e aumenti le entrate (17%) (GetResponse)
  • Le email attivate dall'automation generano un numero di aperture 8 volte superiore e guadagni maggiori rispetto alle tipiche email in blocco (Experian)
  • Il tasso medio di apertura delle campagne di email attivate dall'automation è del 46%, CTR - 11% e tasso di click-to-open - 24%. (GetResponse)
  • I tassi medi di cancellazione e di spam delle email attivate dall'automation sono rispettivamente dello 0,58% e 0,06% (GetResponse)
  • Le migliori tattiche per l'automation sono la mappatura dell'esperienza del cliente (53%) e l'uso di messaggi personalizzati (51%) (Ascend2)

I motivi che giustificano una strategia di email marketing automation sono semplici: puoi inviare il contenuto giusto alla persona giusta.

E se ci pensi bene questa è la sintesi del concetto di inbound marketing: non devi essere una fonte di disturbo con il tuo messaggio, ma devi farti trovare nel momento in cui gli individui hanno bisogno di te.

E’ questo il metodo attraverso il quale si passa dall’interruption al permission marketing.

L’uso e i benefici del marketing automation nell’email marketing rendono possibile tutto questo: puoi fare un’attività di lead nurturing e inviare dei messaggi a un pubblico specifico, accorciando le distanze tra chi manda il contenuto e chi lo riceve.

Questo avviene grazie alla definizione di un trigger: un evento che diventa grilletto e fa scattare la sequenza che hai pianificato.

Cosa puoi fare con il marketing automation?

L’automation applicata all’email marketing ti consente di mettere in pratica diverse tipologie di attività.

Tra le più semplici e comuni:

  • Mandare un’email informativa o educazionale con consigli e idee dopo che l'utente ha determinato uno specifico comportamento o azieond
  • Contattare, dopo qualche giorno, gli utenti che hanno abbandonato il carrello
  • Mandare contenuti che seguono una sequenza temporale specifica

Il concetto base è questo: dietro un contatto c’è un potenziale acquirente che deve essere seguito e alimentato.

Basta dare uno sguardo alla lista dei workflow disponibili su Mailchimp, uno dei migliori software di email marketing, per capire che questo lavoro può coccolare e guidare i contatti nel modo migliore e senza forzature.

 

New call-to-action

 

Email marketing: uno sguardo al futuro

Da questo articolo hai capito come l’email marketing, nonostante i cambiamenti e le continue evoluzioni digitali in corso, rimanga uno degli strumenti in grado di generare un successo rilevante.

Data la velocità con cui avvengono i cambiamenti tecnologici in ambito digitale, è piuttosto complesso riuscire a predire gli sviluppi sul lungo termine.

Ci sono alcune tendenze, però, che stanno sbocciando in questi anni e sicuramente avranno un grande rilievo nel prossimo futuro:

1. I client di posta elettronica

Il più grande cambiamento a cui assisteremo nel 2020 riguarda la crescita e la diffusione dei client di posta elettronica.

La posta in arrivo oggi è ancora per la maggior parte disorganizzata, soprattutto se confrontata alla capacità dei motori di ricerca di fornire informazioni rilevanti ai clienti.

I lettori di posta elettronica possono conoscere gli abbonati e le loro preferenze a un livello più profondo dei motori di ricerca.

Quindi i lettori di email miglioreranno sempre di più e aiuteranno i destinatari a gestire
la loro email ordinandole secondo informazioni per loro importanti e non più in ordine temporale. Sulla base dei dati comportamentali, della geolocalizzazione e di fattori simili, il lettore di email userà questi elementi per fornire informazioni basate sui bisogni di quel momento (ora, è veramente possibile parlare di email reattiva!). Oltre al riconoscimento passivo basato sulle azioni dei sottoscrittori, questa migliore esperienza incoraggerà i clienti a fidarsi dei lettori di email e incentiverà a fornire informazioni in modo volontario.

2. La crescita delle automazioni

Si prevede che l'apprendimento automatico giochi un ruolo importante nella creazione e nell’invio di contenuti email in futuro. Molti si aspettano che questa tendenza continui al punto in cui gran parte dell'email siano automatizzate e il contenuto venga redatto da macchine.

3. I messaggi di posta elettronica si trasformeranno in notifiche push

Gli utenti di posta elettronica mobili ora dominano l'elenco delle migliori piattaforme per la lettura delle email, con il 55% delle email totali aperte sui dispositivi mobili nel mese di marzo.

Questo spostamento pluriennale delle email che vengono principalmente lette su laptop e di enormi monitor da leggere su schermi da 4-6 pollici ha avuto un profondo effetto sulla progettazione di email.

L’email è diventata molto più breve ed ha ridotto l'attenzione a un singolo invito all'azione.

Ora immagina cosa accadrà alle email quando il principale mezzo di lettura saranno i wearable come Apple Watch o i dispositivi di interfaccia vocale come Amazon Echo.

Esatto!

Le email brevi diventeranno ancora più brevi.

Entro il 2020 ci aspettiamo che la maggior parte dell’email marketing sia simile all'esperienza delle azioni rapide di Gmail.

L'intero messaggio sarà la lunghezza di una riga dell'oggetto corrente con un invito all'azione.

4. Le email si trasformeranno in micrositi postali

A questo punto potresti essere un po' confuso: le email diventeranno notifiche push o micrositi?

La risposta giusta è: entrambi!

Proprio così!

La funzionalità della casella di posta viene tirata in due direzioni.  

A un'estremità c'è l'Apple Watch, che non può visualizzare immagini o link di supporto, dal momento che Watch non ha un browser web, all'estremo opposto troviamo Apple Mail, GMail e altre caselle di posta con tecnologia di webmail, che supportano video e altri codici che consentono agli esperti di marketing di creare menù, caroselli e altro ancora.

Presto le caselle di posta più sofisticate consentiranno il Santo Graal delle interazioni.

"Gli utenti iscritti ad una mailing list potranno fare acquisti direttamente all'interno di una campagna di email marketing, senza mai lasciare le loro caselle di posta. Le campagne offriranno anche un'esperienza di tipo app con video incorporati e altre interattività ". Questo è quanto afferma Tom Klein di MailChimp.

"Le prime analisi hanno mostrato un'interazione molto maggiore da parte degli utenti che ricevono messaggi interattivi", afferma Mark Robbins, Email Developer di Rebelmail, pioniere delle esperienze di email interattive.

Il canale dell'email marketing è saldamente radicato nella nostra vita quotidiana e continuerà a generare rendimenti eccezionali per i marchi. Mentre continua ad evolversi negli anni a venire, richiederà ai professionisti del marketing di rimanere flessibili e aperti alla sperimentazione.

E tu, quale pensi sia il futuro dell’email marketing?

 


Vuoi iniziare ad implementare una strategia di email marketing professionale nella tua organizzazione?

New call-to-action

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Sei un imprenditore o un marketer in cerca di risultati?