L’inbound marketing per cosmesi e beauty: vantaggi e case study

Marina Di Vincenzo

Pubblicato da Marina Di Vincenzo

Inbound cosmesi Header

Indipendentemente dalla struttura o dalle dimensioni della tua azienda, l’inbound marketing è una metodologia che non può mancare nella tua attività. L’inbound marketing riguarda essenzialmente la creazione di esperienze di valore che hanno un impatto positivo sul tuo pubblico e sulla tua azienda. Si tratta di attrarre i tuoi prospect e clienti sul tuo website e sul tuo blog attraverso contenuti pertinenti ed utili. Una volta arrivati, li devi coinvolgere con strumenti di conversazione come ad esempio email e chat, proponendo loro ancora esperienze di valore. Infine, dovrai fidelizzare continuando a fornire informazioni e contenuti interessanti.

A differenza del marketing tradizionale, con l’inbound marketing non c’è bisogno di contendersi gli spazi migliori con una pubblicità interruttiva per ricevere sostanzialmente briciole di attenzione dai potenziali clienti: creando contenuti pensati appositamente per rispondere alle domande e trovare soluzioni alle esigenze dei tuoi clienti ideali, attirerai prospect qualificati e creerai fiducia e credibilità per la tua azienda.

Il settore beauty e cosmesi sta diventando sempre più definito dai social media e dall'uso che ne fanno gli utenti. Un recente studio di Google ha rilevato che il 50% di tutti gli acquirenti di beauty e cosmesi guardano attivamente video su makeup e bellezza su YouTube mentre acquistano prodotti di questo tipo. E allora, perché non iniziare o migliorare la tua strategia di inbound marketing?

Qui potrai scoprire:

Inbound marketing per i brand B2B e B2C

La strategia di inbound marketing è stata adottata inizialmente dai brand del settore B2B, offrendo ad esempio guide e tutorial esplicativi sui loro prodotti, per poi espandersi nel settore del B2C.

Ovviamente non si tratta della stessa tipologia e stesso stile di contenuti, ma la procedura della strategia di inbound marketing nel B2B e B2C è la stessa. I clienti sono sempre alla ricerca di consigli, opinioni, risposte alle loro domande e dubbi.

Fornisci loro il contenuto giusto che chiarisca le loro domande ed avrai la chiave per la conversione.

Invece di cercare di raggiungere il cliente con le tradizionali strategie di marketing, il principio fondamentale dell’inbound marketing è quello di fare in modo che sia il cliente a . E questo implica sicuramente che il tuo brand deve essere più efficiente nelle strategie di content marketing.

Esistono diversi modi per attrarre i potenziali clienti, ma in questo contesto il migliore sembra essere il contenuto.

Che si tratta di articoli, video, webinar, ebook, infografiche o guide l’arma principale dell’inbound marketing è creare contenuti altamente interessanti ed efficienti.

È importante che il tuo brand tenga ben a mente quali sono le esigenze dei tuoi potenziali clienti. Nella prima fase di attrazione, gli utenti non sono ancora pronti ad effettuare acquisti, ma possono conoscere il brand e valutarne la personalità, il valore e la professionalità. Un brand di skincare, ad esempio, dovrebbe creare contenuti sui principi attivi che agiscono contrastando occhiaie, macchie senili, pelle oleosa, offrire indicazioni sullo stile di vita, pillole di dietetica finalizzate alla cura della pelle, informative sui progressi della ricerca cosmetologica a riguardo, eccetera.

L’obiettivo per il tuo brand è sempre quello di mostrare di essere un esperto di settore sempre aggiornato, di avere le giuste competenze e dimostrare ai potenziali clienti che il tuo prodotto è proprio quello di cui hanno bisogno.

Inbound cosmesi trovare brand

Torna all'indice

8 Aspetti basilari per creare la tua strategia di inbound marketing

  1. Conosci il tuo potenziale cliente: usa la buyer persona per definire il profilo del tuo cliente ideale e approfondisci sulla sua vita, i suoi interessi, le sue abitudini, i suoi problemi, le sfide della vita quotidiana ecc.
  2. Metti il cliente al primo posto: questo è l’unico modo per fornire sempre contenuti interessanti al tuo pubblico. Pensa a tutte le domande più frequenti o alle domande riguardanti la tua azienda.
  3. Suddividi i tuoi contenuti in base alle diverse fasi (attract, engage, delight)
  4. Crea contenuti utili: non scrivere per te stesso, scrivi per il tuo pubblico. Guarda i dati analitici delle ricerche, scopri cosa cercano i tuoi potenziali clienti sul web e scrivi delle soluzioni per loro.
  5. Ottimizza i tuoi contenuti: ovviamente scrivere un buon contenuto non è abbastanza. Devi ottimizzare i tuoi contenuti e far sì che vengano trovati facilmente e velocemente dai tuoi potenziali clienti. La SEO è la tua migliore amica!
  6. Utilizza le landing page: le pagine dedicate ad un solo argomento come ad esempio scaricare una guida sono molto importanti per l’inbound marketing. Sono il modo in cui si raccolgono i nuovi contatti e gli indirizzi email.
  7. Marketing automation: è molto utile provare a trasformare la maggior parte delle tue comunicazioni di marketing in flussi automatici. Puoi gestire al meglio la customer journey e decidere quali contenuti inviare a chi, se gli utenti sono alla ricerca di informazioni correlate o se sono già alla ricerca di una soluzione concreta.
  8. Sii attraente: il design e l’identità visiva sono più che importanti al giorno d’oggi. È importante fare in modo che gli utenti siano propensi a continuare a leggere il tuo contenuto e rimanere sul tuo website.

I tuoi contenuti potranno indirizzare traffico al tuo website e alle pagine dei social media su cui il tuo brand è attivo.

Torna all'indice

Un essenziale Inbound Marketing Plan per il settore skincare, bellezza e cosmesi

Se rappresenti un marchio del settore bellezza e cosmesi ed è tua intenzione di adottare le strategie dell’inbound marketing, la prima domanda che ti starai ponendo è: "A quali strategie di inbound marketing dovrei dare la priorità per raggiungere al meglio i miei obiettivi di business?"

La trattazione che segue ti risponderà ampiamente, se sarai dotato dei giusti supporti tecnologici, attraverso le corrette metriche, ti sarà possibile apportare miglioramenti costanti ai contenuti, accompagnare il tuo cliente ideale attraverso il percorso di acquisto e stabilire il budget per rispondere ad aspettative interne ed esterne.

Ora pianifichiamo insieme un passo alla volta, identifichiamo 13 componenti essenziali nel tuo piano di inbound marketing, indipendentemente dalle dimensioni o dalla struttura della tua azienda che opera nei settori di bellezza, skincare o cosmesi in generale.

Cosa non dovrebbe mancare nel piano di inbound marketing orientato al settore skincare?

  1. Obiettivi e indicatori KPI
  2. Benchmarking competitivo
  3. Posizionamento
  4. Buyer persona
  5. Buyer's Journey
  6. Budget
  7. Website
  8. SEO e GDD
  9. Blog e content strategy
  10. Social media
  11. Email strategy
  12. Nurturing Plans
  13. Allineamento tra vendite e marketing

New call-to-action

1. Obiettivi e indicatori KPI

Quando ti avvicini per la prima volta al tuo piano di inbound marketing, è essenziale pensare agli obiettivi a livello macro. Si tratta di obiettivi organizzativi delineati dalla tua leadership, come l'aumento delle entrate totali del primo trimestre rispetto all'anno precedente o l'aumento delle vendite in uno dei mercati target. Una volta che questi obiettivi di business a livello macro sono stati comunicati ai team di vendita e marketing, entrambi i team e la leadership devono stabilire obiettivi SMART.

Valutare la situazione attuale del cliente e guardare avanti a potenziali opportunità aiuta a identificare gli obiettivi necessari per raggiungere l'obiettivo e assicura che marketing e vendite siano sincronizzati.

Analizzare i risultati dei tuoi inbound effort attraverso i corretti indicatori chiave di prestazione (KPI) è il passo migliore per impostare una strategia di successo:

  • Lead generati in un dato trimestre
  • Lead generati in un periodo di tempo specifico
  • Percentuale dei lead è nel mercato di riferimento
  • Distribuzione dei lead nelle canalizzazioni di vendita
  • Tasso di conversione da MQL (marketing qualified lead) a SQL (sales qualified lead)
  • Lifetime value dei clienti per particolare cliente o per buyer persona

Monitorare questi KPI aiuterà a rivelare aree specifiche che necessitano di cambiamento.

Indice del marketing plan

2. Benchmarking competitivo

Comprendere come si posiziona il tuo brand rispetto ai concorrenti offre all'azienda la visione su quali inbound activity (se ne parlerà ampiamente più avanti) è necessario intervenire per guadagnare terreno o mantenere alto il gap competitivo acquisito. Il settore skincare beauty e cosmesi permette ancora, se si è fra i primi ad adottare l'inbound marketing nel proprio mercato, di sviluppare rapidamente il marchio e attrarre i migliori prospect.

Il benchmarking competitivo è il processo di confronto della tua azienda con un numero di concorrenti utilizzando le metriche precedentemente esposte.

Puoi definire le best practices per metriche specifiche e confrontarle con il tuo approccio. Eseguire il benchmarking è utile per valutare la tua strategia individuando quando un concorrente sta performando bene o sta emergendo rapidamente.

Il benchmarking competitivo nel settore skincare, beauty e cosmesi lo puoi applicare a tutti i settori aziendali, senza un approccio prefissato in modo ampio o dettagliato.

Come si scelgono i benchmark competitivi nel settore skincare, bellezza e cosmesi?

  • I KPI preesistenti sono certamente un buon inizio
  • Nuovi KPI anche per risultati più grandi
  • Confrontati con i tuoi concorrenti più vicini più simili a te in termini di dimensioni e successo
  • Confrontati con i tuoi concorrenti più grandi e il migliori del tuo settore
  • Confrontati con i tuoi concorrenti più piccoli, guarda a chi sta andando bene e come lo sta facendo

Alcuni dati sono più facili da riperire rispetto ad altri. Ad esempio le metriche del marketing come il posizionamento SEO sono abbastanza facili da ottenere.

Esiste una vasta gamma di strumenti che possono illustrarti le prestazioni di un website. È possibile misurare anche i dati pubblici, le informazioni sulla condivisione della voce attraverso i canali online e le metriche dei social media.

Cerca rapporti sulle vendite, articoli e comunicati stampa per vedere quali informazioni vengono pubblicate dalle aziende (Brandwatch, Nielsen, Companies House).

Un'altra opzione è condurre la tua ricerca. Eseguendo sondaggi di benchmark puoi chiedere esattamente le domande che desideri alle persone che desideri. Può essere un processo costoso, ma se fatto bene i risultati ripagheranno l'investimento.

Il benchmark dovrebbe fornirti obiettivi da raggiungere, o superare, implementandoli nella tua strategia. Perché la tua comunicazione sia efficace deve poter essere basato sull'obiettività altrimenti rischi di perdere tutta la fiducia conquistata.

Ci sono un certo numero di cose da considerare quando si sceglie un prodotto di riferimento come benchmark ma le cose più importanti includono:

  1. Posizione di mercato - anche se la tua crema o il tuo fondotinta è la più venduta o la più desiderata dalla tua buyer persona o nel mercato di riferimento non è detto che il prodotto sia quello con le migliori prestazioni. È necessario assicurarsi che il prodotto sia valido quanto il prodotto più popolare. Dovresti sempre essere sicuro di confrontarti favorevolmente con il leader del mercato. Se non disponi dei market data per scoprire quale prodotto è il leader, recati presso i migliori negozi delle tue località di riferimento e prendi nota dei prodotti più disponibili.
  2. Performance - Il miglior benchmark, è quello che performa meglio e dovresti guardare al mercato per trovarlo. Prendi campioni di tutti i prodotti tuoi competitor, testali in laboratorio oppure alla cieca fra i tuoi clienti per capire qual è il migliore.
  3. Estetica - estetica e prestazioni non sono sempre la stessa cosa. Trova anche quale prodotto è il tuo benchmark di riferimento a livello estetico.
  4. Costo - nel confrontarti con il miglior prodotto sul mercato, trova sempre quello nella corretta fascia di prezzo. Se produci uno shampoo ad 1€ non devi confrontarti con il migliore fra quelli che costano 5€.
  5. Produzione - non scegliere di confrontarti con prodotti come benchmark che la tua azienda non possa produrre in serie perché chiaramente vincolati ad uno specifico sistema produttivo non a tua disposizione.
  6. Brevetti - scegli un prodotto di riferimento che non abbia formulazioni o brevetti che dovresti violare per starne al passo.

Una volta scelto il benchmark, è necessario elaborare una serie di test per quantificare il rendimento. Ciò dipenderà in larga misura dal tipo di prodotto, ma dovresti includere un mix di test di laboratorio e panel test alla cieca da ripetere più volte per vedere se ottieni risultati coerenti. Utilizza i punteggi di questi test per sapere cosa soddisfare o migliorare.

In definitiva, il benchmarking competitivo può richiedere del tempo ma i dati che ne derivano sono inestimabili.

scarica-ebook-kpi-content-marketing

Indice del marketing plan

3. Posizionamento

Il posizionamento guida tutti gli sforzi di inbound marketing, senza di esso non è possibile spiegare perché la propria azienda è importante per il pubblico di destinazione. Il posizionamento ti aiuta a definire chiaramente il tuo miglior potenziale, ciò che la tua azienda fornirà, rappresenterà o significa per i clienti e fornirà conferme a supporto.

L’inbound marketing ci insegna che puoi incuriosire con le caratteristiche e le funzionalità ma poi vendi con i vantaggi i benefici. Nel formulare il tuo posizionamento pensa che negli ultimi anni, il consumatore è diventato ancora meno sensibile alle caratteristiche di tipo funzionale e alle prestazioni dei prodotti, perché vuole essere sempre più coinvolto da esperienze ed emozioni.

Pensa alla nota azienda Dove che ha modificato il posizionamento qualche anno fa, ma ha scelto di non seguire gli indirizzi da sempre presenti nella categoria dei prodotti cosmetici alla quale appartiene. Si è rifiutata di promettere esplicitamente alla sua cliente tipo che con l'impiego dei suoi prodotti diventerà più bella, mostrando donne dalla bellezza ideale ma irraggiungibile, corpi di modelle giovani e magre. Dove ha intrapreso una strategia a lungo termine basata sulla valorizzazione della bellezza posseduta dalle donne normali, ma sorridenti e a loro agio con il proprio corpo. Basando tutta la sua comunicazione su questo, ha proposto test di utilizzo a qualunque cliente, mostrando una grande confidenza sul prodotto e sui benefici, pur non promettendo la luna.

Indice del marketing plan

4. Buyer persona

Le buyer persona dipingono un'immagine vivida dell'esatta "persona" a cui miri con le tue strategie di inbound marketing definendo chiaramente il loro background, i ruoli e le responsabilità, le motivazioni chiave, la personalità, gli obiettivi, i punti di difficoltà/dolore, ecc.

Precedentemente, solo le grandi aziende di cura della pelle avevano le risorse e il know-how per mappare chi erano i loro clienti e raggiungere un pubblico in grado di far crescere la propria attività. Oggi possiamo applicare diversi algoritmi per analizzare i dati dai consumatori. E l'informazione è a portata di mano.

La buyer persona è il gruppo di tuoi potenziali clienti ideali. Considera la loro età, reddito, interessi e, soprattutto, i loro punti dolenti. Affinché i clienti possano connettersi con il tuo prodotto per la cura della pelle, la comunicazione deve essere accattivante, informativa e specifica per la tua persona profilata. Devi essere colui che li capisce, che risolve i loro problemi come nessun altro, che si coinvolge personalmente, che li chiama in privato per dare suggerimenti su misura.

Il tuo prodotto soddisfa un'esigenza? Chi ha quel bisogno? Possono permettersi il prodotto? Cosa gli piace? Non inviare messaggi nel vuoto. Crea una persona con la quale puoi relazionarti.

Inizia con dati demografici e psicografici. La psicografia è un termine usato nella ricerca di mercato per la classificazione delle persone secondo i loro atteggiamenti, aspirazioni e altri fattori psicologici

Diamo un'occhiata ad alcuni identificatori importanti:

  • Età: i prodotti per la cura della pelle si concentrano soprattutto sulle fasce di età. La ricerca condotta da Pambianco nella primavera 2016 ha analizzato due cluster: le 25-34enni e le 35-50enni di classe sociale medio-alta, residenti nell’area milanese, zona selezionata in quanto simbolo del lifestyle e della moda. Molte aziende partono da queste due fasce d’età per elaborare i modelli di buyer persona. Tu elabora il tuo modello. Una crema antirughe sarà probabilmente per le donne sopra i 35 anni. Quale problema risolve il tuo prodotto?
  • Località - Luogo - Distribuzione: decidi come raggiungere i tuoi clienti, o decidi di considerare i soli clienti che puoi raggiungere.
  • Sesso: i prodotti per la cura della pelle sono prodotti in modo specifico per diversi generi.
  • Interessi: su Facebook, puoi identificare gruppi con interessi specifici. Salute? Bellezza? Moda? Un like su una pagina ti ha appena mostrato un lead.
  • Livello di istruzione: questo ti dirà quale dovrebbe essere il tono della tua messaggistica.
  • Livello di reddito: importante in base al prezzo del prodotto.
  • Situazione sentimentale: lo status influisce sul suo comportamento di acquisto.
  • Lingua: il tuo prodotto ha un valore sul mercato internazionale?
  • Website preferiti: come trascorrono il loro tempo online? Anche questo aspetto influenza il tuo tono nella pubblicità.
  • Comportamento d'acquisto: comprendere questo aspetto ti può aiutare, ad esempio, a capire se coupon e campioni funzionano per il tuo target.

Una volta determinata la buyer persona, scopri quando e dove raggiungerla. Tieni a mente le diverse piattaforme che stai utilizzando per raggiungere i tuoi prospect. Il comportamento degli utenti su una piattaforma di social media fornirà informazioni su dove raggiungerli, quando raggiungerli e su come modificare il tuo approccio. Un annuncio su Facebook non avrà lo stesso aspetto di un annuncio Instagram. Cambia il tono del tuo messaggio per allinearlo alla piattaforma. Guarda cosa stanno facendo i tuoi concorrenti per raggiungere il loro pubblico.

Iniziando, per lo più baserai le tue decisioni su un pubblico specifico su intuizioni e conoscenza del settore. Quando inizierai ad avere una base di dati solida, l'analisi che potrai fare, sarà molto più esaustiva. Scoprirai segmenti di mercato completamente nuovi che non hai nemmeno pensato e risparmi investendo il tuo pubblico.


Non smettere mai di ottimizzare la tua buyer persona. Più a lungo sei nel settore del beauty e cosmesi e più vendite realizzi, più dati riceverai nella tua base di clienti. Analizza questi dati e aggiorna le buyer persona di conseguenza. Incorpora i cambiamenti futuri del settore della cura della pelle e utilizzare i dati per rimanere agile e attuali.


Indice del marketing plan

5. Buyer's Journey

Mappare la buyer's journey, il percorso del tuo acquirente, aggiunge una dimensione alla tua buyer persona che ti aiuta ad allineare l'offerta con la mentalità, gli interessi e i comportamenti che un potenziale cliente esibisce nelle fasi di awareness, consideration, decision ed experience.

Conoscere il percorso del tuo acquirente ti aiuta a validare i tuoi sforzi di inbound marketing incentrati sulla buyer persona. L'inbound marketing ti dà la possibilità di creare e distribuire contenuti pertinenti al momento giusto:

  • Nella fase di awareness, ad esempio, le esigenze sono piuttosto elementari. Le buyer persona stanno definendo un problema ("Posso combattere con un solo prodotto brufoli, macchie scure e borse sotto gli occhi?", "Solo la mancanza di sonno è la causa delle occhiaie sotto gli occhi o ci sono anche altri fattori?") ed iniziano a vedere le varie soluzioni. Le informazioni più importanti per un potenziale cliente sono quelle che delineano il problema, non qualcosa progettato per fornire ogni fatto e figura relativa alla soluzione. Scegli elementi semplici e chiari che descrivono il problema.
  • Nella fase di consideration, il potenziale cliente sta valutando le potenziali soluzioni, spesso ponderando "soluzione ABC contro soluzione XYZ". In questa fase offri contenuti più approfonditi basati su problemi specifici e soluzioni allineate. Usa formati tipo report e dimostrazioni video.
  • Nella fase di decision, il prospect dovrà valutare e convalidare soluzioni su un livello più minuzioso, e le informazioni fornite dovrebbero aiutarlo. Mentre il prospect progredisce nel buyer's journey, esige soluzioni più specifiche("pro e contro della soluzione XYZ"). Scegli i formati che ti aiutano ad veicolare il valore del tuo prodotto. Casi studio e campioni gratuiti, sono strumenti efficienti in questo senso.
  • Nella fase experience, i formati "how-to" sono perfetti per aiutare il cliente ad utilizzare il tuo prodotto ma devono fornire informazioni che puntano ad aumentare il valore aggiunto.

Quale tipo di contenuto ha il maggior senso in ogni fase del buyer's journey?

Non pianificare un white paper per la fase di consapevolezza ed evita di offrire un semplice post di suggerimento per la fase decisionale. Le informazioni facilmente digeribili sono le più appropriate per le prime fasi del percorso dell'acquirente, mentre i dettagli che ti aiutano a convincere i prospect del tuo valore e della tua credibilità sono necessari fino alla fine.

Le parole chiave sono fondamentali se vuoi che il tuo sito appaia e si classifichi bene nei risultati di ricerca online, e sapere quali sono quelle di tendenza, aumenta le probabilità che il tuo potenziale cliente scelga il tuo website per informarsi. Le frasi di ricerca che iniziano con "come faccio", "cos'è" e "come posso" sono buoni esempi del tipo di ricerca che inizia un prospect. Successivamente, una volta che il problema è stato completamente definito, i potenziali clienti utilizzano termini come "il miglior prodotto per i borse sotto gli occhi", "il modo migliore per eliminare le macchie senili" e "soluzioni per rimuovere il makeup".

Indice del marketing plan

6. Budget

Il budget per le strategie di inbound marketing si basa su gli obiettivi di crescita e le relative tempistiche. Non c'è una risposta precisa alla domanda "Ma quanto costa una strategia di inbound?", ogni progetto è diverso perché le aziende non sono uguali. Per questo ogni budget sarà differente. 

Quando programmi il budget per l'inbound, devi tenere in considerazione tutti gli aspetti di marketing, dalle risorse del tuo team, fino all'hosting del tuo website e gli strumenti di marketing automatione e CRM.

Uno degli aspetti migliori delle strategie di inbound è che il ROI che ne deriva è facilmente calcolabile e quindi permette di adattare le risorse allocate a seconda delle esigenze che scaturiscono dai report.

Indice del marketing plan

7. Website

Con l’aumento dell’utilizzo di internet in tutto il mondo, la migliore strategia per raggiungere i potenziali clienti è avere un website. Molte aziende che pubblicizzano su carta stampata, supporti elettronici e cartelloni pubblicitari ora sottolineano gli indirizzi dei loro website per consentire ai clienti di accedervi per ottenere maggiori informazioni.

È importante prestare attenzione per quanto riguarda contenuti, immagini, video e altre informazioni che vengono inserite nel website di un’azienda. Descrizioni dei prodotti, immagini e video, i dettagli dei promoter, l’ubicazione degli impianti di produzione, il network di distribuzione, il lancio di nuovi prodotti, il forum per inviare feedback o reclami sui prodotti, ecc. sono tutte caratteristiche che facilitano l’attrazione di nuovi visitatori al website.

I visitatori del tuo website potrebbero essere persone che hanno sentito parlare della tua azienda da qualche parte e vogliono saperne di più o che hanno cercato su Google un determinato prodotto o servizio e sono andati a finire sulla tua pagina.

Per questi visitatori la rilevanza delle informazioni fornite, la loro importanza per il cliente, la brand image del prodotto, la credibilità delle informazioni, il design delle pagine, i tempi di caricamento sono aspetti che avranno un impatto su come il cliente percepisce l’azienda ed il brand.

Un semplice design, con una navigazione fluida tra le sezioni, permette ai visitatori di tornare al sito per maggiori informazioni, portando così a richieste di vendita e conversione.

Con la crescita dei social media, è importante che il tuo website sia promosso al meglio e collegato alle pagine di social media in cui sei attivo, che devono essere aggiornate regolarmente.

Indice del marketing plan

8. SEO e GDD

Come abbiamo detto, un sito Web è essenziale per il successo dell’inbound marketing. Tuttavia, senza sfruttare le opportunità di Search Engine Optimization (SEO) per indirizzare il traffico o l'utilizzo di Growth Driven Design (GDD) per migliorare continuamente il tuo sito, potresti perdere opportunità chiave.

La SEO aiuta il tuo sito ad essere più in vista nella ricerca organica. Dal momento che molti utenti non vanno oltre la prima pagina o addirittura le prime voci dei risultati, prima appari come una potenziale soluzione al loro problema, più è probabile che il tuo website generi traffico.

Il Growth-Driven Design (GDD) sui siti internet, d'altra parte, è un metodo più efficiente e produttivo per la creazione e la gestione di un website, poiché si traduce in un avvio più rapido di un sito iniziale e sfrutta i dati dell'utente per orientare i miglioramenti continui del sito. Aiuta a mantenere il tuo sito attuale, dinamico e user-friendly, fondamentale per guidare l'attrazione e la conversione.

SEO e GDD amplificano l'efficacia del tuo sito Web e gli sforzi di inbound marketing.

Indice del marketing plan

9. Blog e content strategy

Una content strategy ben sviluppata è il punto in cui prende forma il piano di inbound marketing.

Una strategia di contenuto dovrebbe identificare chiaramente:

  • il posizionamento della tua azienda
  • i tuoi obiettivi di business
  • i tuoi competitor
  • il tuo vantaggio competitivo
  • il motivo per cui i tuoi potenziali clienti dovrebbero ascoltare i tuoi consigli su internet
  • le buyer persona a cui miri

È fondamentale che i tuoi contenuti rimangano pertinenti e utili per dimostrare sempre come la tua azienda può avvantaggiare la tua buyer persona e aiutare a risolvere i suoi problemi.

Prima di creare un calendario editoriale, è necessario determinare la frequenza con cui si prevede di pubblicare il contenuto. Un buon punto di partenza è un blog post a settimana, poiché la pubblicazione di almeno quattro volte al mese si traduce generalmente in un aumento del traffico inbound verso il tuo website. La chiave è continuare a analizzare e valutare il traffico generale e i lead generati da ciascun argomento, che determinerà la direzione futura del tuo blog.

Un blog dei settori skincare, beauty & cosmetics deve intelligentemente fornire il contesto per questi prodotti, utilizzando articoli informativi per ispirare, educare e in definitiva dare ai consumatori un motivo per continuare la loro sottoscrizione.

Molti blog del beauty con video unboxing e gli articoli incentrati sui prodotti, risultano auto-promozionali senza risultare poco inclusivi escludendo i non abbonati. Per i consumatori fedeli, questo aspetto fornisce indubbiamente un valore aggiunto.

Con la sua straordinaria fotografia incentrata sul prodotto, Sephora Glossy mette in mostra il meglio del suo negozio. Invece di contenuti di lunga durata, pubblica brevi how-to e curation di prodotti, facendoli sembrare più un'estensione di Pinterest o Tumblr che una pubblicazione approfondita. Con il suo design user-friendly, è uno di quei siti che potresti ritrovarti a scrollare per anni.

Il blog di Clinique si concentra sui due verticali di bellezza e stile di vita. Utilizzando intelligentemente la cura della pelle come spin-off, copre anche argomenti come cibo e fitness, implementando video per coinvolgere ulteriormente i visitatori. Dimostra inoltre che lo stile minimal può funzionare.

Se vuoi attirare i vlogger più influenti della comunità del beauty online devi essere rumoroso e azzardare.

Indice del marketing plan

10. Social media

Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest, LinkedIn… Fino a pochi anni fa, i social media erano soltanto una strategia di marketing utilizzata per integrare le attività di marketing tradizionali delle aziende. Tuttavia, gli analisti hanno ora previsto che i social media stanno emergendo come un medium anche da soli, proprio come un website.

Avviare una pagina di social media è un’attività abbastanza semplice per un individuo o un’azienda. Tuttavia, si ottengono risultati migliori quando vengono utilizzati servizi a pagamento di queste piattaforme tecniche di inbound marketing per ampliare la copertura e l’esposizione dei potenziali clienti.

I Social consentono alle aziende e ai dipendenti di raccontare una storia visiva del marchio.

I contenuti generati dai dipendenti ricevono un coinvolgimento otto volte maggiore rispetto ai contenuti condivisi dalla società stessa. Inoltre, i contenuti dei dipendenti aumentano il brand messaging di oltre il 500%. La tua azienda deve subito coinvolgere i dipendenti nella creazione di contenuti. È risaputo che le aziende con dipendenti coinvolti superano i loro concorrenti; coinvolgere i dipendenti nella creazione di contenuti può aiutare a creare un senso di scopo comune.

I social media sono anche utili per creare post di eventi, condividere appuntamenti di eventi importanti all’interno dell’azienda, per il lancio di nuovi prodotti, per ottenere feedback dai clienti e così via. Maggiore sarà il numero di “Mi piace” e attività di condivisione sulla pagina social del tuo brand, migliore sarà la brand awareness creata e, di conseguenza, le conversioni di vendita.

Instagram

Instagram sta facendo ottime implementazioni per agevolare la presenza dei marchi già notevolmente favorita rispetto ad altre piattaforme più “familiari”. Fra i marchi in particolare trovano il loro posto ideale su instagram quelli del settore di bellezza e cosmesi.

Marchi di tutte le dimensioni hanno adottato la piattaforma come strumento efficace per fare dimostrazioni di prodotto creative e coinvolgenti e costruire relazioni con i potenziali clienti.

La loro presenza supera i 200 milioni di appassionati di bellezza, e rappresentano oltre il 25% degli utenti. La loro attenzione oltre al feed è stata pionieristica su tutte le implementazioni della piattaforma e sono i settori più avanzati a ricevere da Instagram la possibilità di utilizzare a numero chiuso alcune feature. Le storie di Instagram, i formati video verticali anche per l'hub IGTV, la realtà aumentata, tutto impone ai marchi di bellezza e cosmesi di coinvolgersi in maniera empatica ed inclusiva.

L’obiettivo è far crescere, fidelizzare ma soprattutto coinvolgere i follower. Questo si ottiene con il valore, più informazioni dai, più valore stai fornendo. Quando si tratta di bellezza, ogni dettaglio conta. Implementare ogni dettaglio di uno dei tuoi prodotti in una storia di Instagram oppure trasforma l’apprendimento in qualcosa di divertente nel contesto giusto. Instagram offre molti modi creativi per raccontare una storia e fornire dettagli che creino valore sia per il marchio che per il consumatore.

Ecco alcuni suggerimenti:

  1. Video tutorial
    I video dimostrativi sono l’ideale per i marchi di bellezza su Instagram. A differenza di YouTube qui i marchi possono conquistarsi il loro spazio sempre che siano disposti a farlo producendo valore per il cliente e con un tono meno autoreferenziale. Mostrare come utilizzare correttamente i tuoi prodotti riduce la barriera all'acquisto e crea un legame con i tuoi potenziali clienti. Oggi che YouTube ha accettato e migliorato la presentazione di video verticali, la produzione di contenuti di valore può essere maggiormente giustificata.
  2. Guide di prodotto
    Instagram Stories è il luogo d’elezione utilizzato dai marchi di bellezza per condividere informazioni sui loro prodotti. Si impegnano a fornire conoscenze sui loro prodotti mostrando vari look su modelli di etnie differenti, aggiungendo un link e CTA per consentire ai consumatori di acquistare facilmente l'articolo online e creando storie e video istruttivi e ricchi di informazioni preziose.
  3. Contenuto generato dall'utente
    Uno dei modi migliori in cui i marchi di bellezza possono promuovere i propri prodotti è mostrare i clienti reali che li utilizzano. Instagram Stories offre il luogo ideale per mostrare i contenuti generati dagli utenti. Ci sono marchi di bellezza che offrono spesso ai clienti, sorta di micro influencer, con un seguito ridotto ma molto coinvolto, l'utilizzo dei suoi prodotti. Altri marchi re-postano contenuti degli utenti in cui il marchio è taggato per creare delle classifiche settimanali. In questo si stimolano gli utenti a generare ulteriori contenuti e si mostrano anche i prodotti in modo autentico. Se i marchi di bellezza hanno dei sostenitori del brand che pubblicano i loro prodotti su Instagram, metterli sotto i riflettori nelle loro Storie è molto importante per creare connessioni umane, aumentare la credibilità e spingere i loro prodotti con testimonianze di persone reali.

New call-to-action

Pinterest

Quando potenziali clienti vogliono sfogliare tantissime immagini per trovare ispirazione nel settore bellezza e cosmesi, scelgono Pinterest. Questo permette di salvare un bouquet di scelte in una board che andrà a conservare un “mood” fino alla decisione di acquisto. La piattaforma, che funge da mood board virtuale e condivisibile, sta ora attirando gli investimenti da marchi di tutte le dimensioni.

Le persone scelgono Pinterest per trovare idee per cambiare il loro aspetto. Il 51% afferma di aver usato Pinterest per prendere una decisione di acquisto legata alla bellezza sugli oltre 1,1 miliardi di idee salvate da 30 milioni di utenti Pinterest.

L'Inbound Marketing vede Pinterest collocarsi più in alto di tutti gli altri social network nel percorso di acquisto della buyer persona. Questo è intuitivamente un vantaggio competitivo enorme per acquisire lead in un ambiente, sempre affollato, ma meno concorrenziale. Pinterest in ottica Inbound Marketing presenta il vantaggio, rispetto agli altri social network, di contribuire meglio all'indicizzazione dei contenuti di approfondimento che si celano dietro un’immagine cliccabile e un reindirizzamento, cosa che non avviene nel feed su Instagram.

Pinterest sinora è stata usata come la piattaforma per generare più vendite a budget limitato dai marchi che le hanno dato fiducia. Il segreto è stato:

  • Attingere alla ricerca visiva, il modo in cui gli utenti navigano su Pinterest
  • Posizionarsi come autorità nella nicchia.

Le persone su Pinterest vogliono vedere come i prodotti di bellezza appaiono sulle persone reali prima dell'acquisto. I Pin di bellezza che mostrano i prodotti nelle impostazioni di vita reale hanno in media tassi di click-through del 50% più alti e i Pin incentrati sulle persone vedono percentuali di click-through più alte del 21%.

Come fare Inbound Marketing nel settore beauty su Pinterest?

La regola aurea è sempre una: contenuto. Aggiungi un tutorial per rendere il tuo Pin ancora più utile e coinvolgente. I pin di bellezza con istruzioni dettagliate step by step hanno ottenuto tassi di salvataggio maggiori del 78%.

Includi il tuo marchio nel Pin rende più facile per le persone ricordare il tuo prodotto e aggiunge credibilità all'idea che stai condividendo con il pubblico. Inoltre, i beauty Pin con un product placement di marca hanno visto salvataggi del 21% più alti.

Su Pinterest, la bellezza è una delle quattro migliori nicchie quando si tratta di coinvolgimento degli utenti e potenziale di marketing.

La ragione principale di ciò è l'attenzione visiva della piattaforma, offrendo opportunità di ispirazione e contenuti di valore, quindi educativi, sui prodotti.

Per i marchi di bellezza, un obiettivo chiave per lo sviluppo di una presenza attiva su Pinterest include:

  • L'indirizzamento di traffico mirato usando le funzioni di ricerca della piattaforma - grazie alla funzione di ricerca specifica per la bellezza che consente agli utenti di cercare contenuti e prodotti in base al tono della pelle con la società di realtà aumentata Modiface (datata aprile 2018)
  • L'utilizzo delle statistiche native di Pinterest nelle ricerche di mercato - per creare prodotti in linea con le tendenze più attuali grazie allo strumento Audience Insights (datato giugno 2018)
  • L'aumento della funzionalità degli annunci che attira più attenzione - grazie all'ampliamento dei formati video del 400%(datata agosto 2018)
  • L'accelerazione delle vendite di eCommerce - grazie alla funzione "Acquista il look", consentendo agli utenti di cercare e acquistare i diversi prodotti all'interno di un'immagine (datata ottobre 2018)

Per i marchi di bellezza, questo segna un cambiamento significativo al valore della piattaforma. Non è più solo un portfolio di immagini, ma può essere utilizzato come mezzo per aumentare le vendite di prodotti.

Devi considerare Pinterest fondamentalmente diverso dalle piattaforme social come Facebook e Instagram, ancora senza vincoli di algoritmo puoi attingere a un mercato che esiste già attivamente sulla piattaforma. Le persone sono qui alla ricerca di contenuti, ispirazione e prodotti. Anche senza l'acquisto di pubblicità a pagamento, puoi attirare attenzione sullo sviluppo del tuo account Pinterest, aumentare il traffico sul website del tuo marchio e ottenere conversioni.

I vantaggi di Pinterest per i marchi di bellezza sembrano essere più evidenti quando si opera in ottica di inbound marketing dove i contenuti di valore la fanno da padrone.

Mostra ai tuoi potenziali clienti come i tuoi prodotti possono aiutarli, condividi la ricerca dietro lo sviluppo del prodotto.

YouTube

YouTube è la fonte di traffico di riferimento per le principali marche di cosmetici. Sembrano passati decenni da quando i marketer di cosmesi e beauty si affidavano ai modelli photoshoppati nei cartelloni pubblicitari e alle riviste di lifestyle per assicurarsi quote di mercato. I contenuti incentrati sulla bellezza proliferano su YouTube da anni, con letteralmente miliardi di video caricati. Entrare nella mischia affollata di YouTube può sembrare impegnativo ma è obbligatorio per il marketing.

Siamo ad oltre 100 miliardi di visualizzazioni video relative alla bellezza su YouTube, in crescita dai "soli" 55 miliardi nel 2016. I tuoi futuri clienti sono su YouTube sicuramente e li hanno in mano i vlogger (97%) e non i grandi marchi (3%).

Anche se si profilano strategie di influencer marketing su YouTube, quello che i potenziali clienti di cosmetici stanno cercando non sono stili di vita altrui. Vogliono contenuti di formato più lungo che trattino e discutano delle novità e delle tendenze. Vogliono sapere come ottenere look diversi, coordinare gli outfit in modo creativo e avere un bell'aspetto sul lavoro e nel tempo libero. Si tratta di inbound marketing con contenuti user generated.

La propensione è acquistare i prodotti presentati da vlogger indipendenti quindi non contare su ciò che pubblichi direttamente, devi utilizzare la loro autorevolezza ed affidabilità. Per entrare in contatto con i clienti, offri ai vlogger le nuove linee di prodotto e lascia che menzionino i tuoi cosmetici mentre discutono di tutto ciò che è bellezza.

È bene sottolineare che avere tanti follower non significa nulla se non c’è una strategia su come interagire con loro.

È molto più importante avere un seguito altamente coinvolto che un’enorme portata di follower disinteressati. Il tuo brand deve scegliere le piattaforme che funzionano meglio per rappresentarlo e, soprattutto, quello che il tuo pubblico utilizza regolarmente.

Per i brand di beauty e cosmesi, Instagram e Pinterest sono forse le piattaforme social più efficaci grazie anche all'aspetto visivo dei loro contenuti, mentre Twitter è efficace per mantenere l’esposizione del brand, Facebook per il targeting di un pubblico specifico.


Vuoi approfondire l'argomento? Segui questi link per dei contenuti altamente informativi!


Indice del marketing plan

11. Email strategy

Raggiungere potenziali clienti sempre e ovunque è importante per qualsiasi azienda di qualunque settore e quindi anche per quello di bellezza e cosmesi. I social media hanno rubato spazio alle navigazioni sui website ma non sono l'unica risorsa che puoi utilizzare per attirare gli utenti sul tuo sito. Un utente medio controlla la posta in arrivo circa 15 volte al giorno. Anche se un lead non aprisse mai, durante il giorno il tuo website è comunque possibile connettersi con lui soprattutto da quando l’apertura della propria email avviene principalmente da mobile. Questo è un vantaggio estremamente importante.

Troppo spesso però, le aziende di bellezza e cosmesi si avvicinano all'email marketing con ancora una mentalità outbound. L'outbound email marketing può essere efficace se usato correttamente ma l'approccio all'email marketing con una mentalità inbound sarà molto più vantaggioso per la fidelizzazione dei clienti, l'engagement e le conversioni di vendita. Nell'ottica inbound marketing, anche se l'email può svolgere diversi ruoli, tutti implicano l'engagement del destinatario. Ecco alcuni modi in cui puoi sfruttare l'email come parte della tua strategia di inbound marketing nel settore bellezza e cosmesi:

Engagement

L'email è perfetta per raggiungere l'obiettivo dell'engagement:

  • Arriva direttamente al potenziale cliente con le sue parti doverosamente testate
  • Fornisce uno spazio adeguato per trasmettere il tuo messaggio
  • Permette di utilizzare immagini e video e altri contenuti coinvolgenti
  • Offre l'opportunità al tuo potenziale cliente di rispondere

Molti marketer del settore bellezza e cosmesi investono in questo tipo di coinvolgimento prima del lancio di un nuovo prodotto. Mandano numerose email a liste scrupolosamente segmentate sulla buyer persona e forniscono consigli utili su un problema che il loro nuovo prodotto risolverà. Chiederanno anche ai destinatari di rispondere con qualche loro esempio di utilizzo o di fare domande specifiche che il contenuto suscita.

Come abbiamo accennato in precedenza, il contenuto è un pilastro importante dell'inbound marketing. L'ottimizzazione e altre tattiche SEO sono importanti per attirare nuovo traffico, ma una sola email può guidare gli abbonati fidelizzati al tuo contenuto in pochi minuti, assicurando una buona copertura iniziale e un effetto ingannatore per gli algoritmi penalizzanti di alcune piattaforme.

Spingere i contenuti può anche significare darli in anticipo al tuo pubblico fedele prima della loro pubblicazione ufficiale nei canali. Questo tipo di accortezza farà sentire il tuo pubblico favorito e la loro una pubblicazione quasi user generated.

Call to action

Tutti sanno che è necessario terminare un’email di marketing con una buona CTA. Un'intera email può funzionare anche come una unica call to action. Le CTA sono utilissime nel lancio di nuovi prodotti. Un altro esempio comune di inbound marketing email, è incoraggiare gli iscritti alla tua mailing list a partecipare a un evento di settore. Qualunque sia l'azione che vuoi fare, una semplice email può farcela.

3 Metodi per implementare la posta elettronica nella tua strategia di inbound marketing

Ora che hai una migliore comprensione di come puoi utilizzare le email per ottenere i risultati desiderati dalla tua strategia di inbound marketing, diamo un'occhiata a come implementare questo canale con successo. Ecco tre modi per utilizzare una strategia di email inbound marketing per far crescere la tua attività.

1. Raccogli gli indirizzi email

Non puoi avere una strategia di email inbound marketing senza indirizzi email. Elabora strategie di lead generation che includano la consegna di questo dato fondamentale:

  • Includi moduli di iscrizione su tutte o almeno la maggior parte delle pagine del sito
  • Offri un incentivo (scaricare una guida all'uso di cosmetici oppure un tutorial di makeup)
  • Usa le landing page, spinte dalla SEO e dagli annunci PPC
  • Esegui frequentemente campagne di raccolta email sui social media

2. Segmenta il tuo pubblico

Una volta che inizi a raccogliere indirizzi email, è importante considerare i diversi segmenti nell'elenco. Soprattutto nel mondo della bellezza e della cosmesi è bene individuare le buyer persona, individualità archetipe con fasce d’età differenti e tonalità di pelle difformi. Descrivi scrupolosamente le buyer persona con demografiche e psicografiche precise, usa gli insight dei social media e le analytics. Segmenta anche per i comportamenti utilizzati nei riguardi dei messaggi. Rispetta il GDPR.

Utilizza ciò che sai sui tuoi segmenti per creare post di blog specifici per ciascun gruppo.

3. Crea canalizzazioni di vendita senza pareti rigide

Infine, una strategia di email di inbound marketing implica la cura dei lead fino a quando non diventano clienti. Crea una canalizzazione lead-nurturing con campagne di email marketing come già fatto con il content marketing. Utilizza le email per coinvolgere continuamente il tuo pubblico, con domande che possano determinare i bisogni e lo stato del contatto.

Indice del marketing plan

12. Nurturing Plans

Sebbene nel mondo B2C del settore bellezza un lead può passare abbastanza velocemente a prospect e poi a cliente, la realtà è che la maggior parte dei tuoi contatti necessita di informazioni e guida. L’inbound marketing ha nel feeding o nurturing la strategia principe di operatività.

Raggiungi regolarmente i lead nella tua canalizzazione con più informazioni e contenuti che rispondono alle loro domande. L'obiettivo è diventare una risorsa preziosa ed esperta e guidare il potenziale cliente attraverso tutti gli step del buyer's journey. Monitorare ogni punto di contatto con l'utente in maniera sistematica ed organizzata ti permette di mantenere una relazione efficace con i tuoi prospect.

Se hai stabilito obiettivi mensili per i lead e gli step necessari per raggiungerli, il lead nurturing diventerà un processo più naturale ed efficace.

Indice del marketing plan

 

13. Allineamento tra vendite e marketing

Con canalizzazioni sempre più veloci, automatizzate e clienti che saltano da una fase all’altra del buyer’s journey la dicotomia fra marketing e vendite si assottiglia sempre di più. Oggi si parla sempre più di smarketing, il processo di integrazione dei processi di vendita e marketing di un'azienda.

Anche in aziende con customer journey più lunghi come nel B2B, l'obiettivo è attrarre l’interesse delle buyer persona sul prodotto e allo stesso tempo integrare questo processo con le attività del reparto vendite. Lo sviluppo di un accordo a livello di servizio (service level agreement, SLA) che delinea ruoli, impegni e responsabilità tra i due dipartimenti, consente ai team di lavorare insieme con chiare aspettative su come raggiungere i loro obiettivi. Il service level agreement facilita lo smarketing, descrive le attività e le metriche quantificabili, mantenendo le vendite e il marketing integrati. In definitiva, uno SLA rendeentrambi i team responsabili l'uno dell'altro, tanto che si parla di inbound sales come di un processo di continuità dell’inbound marketing.

Inbound cosmesi strategie quote

Torna all'indice principale

Come far funzionare il digital marketing per i brand di beauty e cosmesi

Ogni azienda del settore skincare, bellezza e cosmesi ha il suo approccio unico e la tua non fa differenza. Questo DNA aziendale guida le decisioni su come le risorse di un'azienda che opera con l’inbound marketing siano le più adatte a soddisfare e superare gli obiettivi di business . Il successo del tuo piano di marketing inbound è uno sforzo di squadra. Non commettere l'errore di pensare che un unico dipartimento possa soddisfare con successo tutti i requisiti necessari per lo skillset richiesto dall'inbound. 

La tecnologia è cambiata talmente tanto negli ultimi 5 anni e con un cambiamento così rapido le imprese sono costrette a stare al passo coi tempi e con le evoluzioni tecnologiche.

Il marketing in questa era digitale riguarda essenzialmente comprendere come i clienti sono cambiati e si sono adattati al digitale. I contenuti dei canali digitali possono essere più profondi e lunghi, fornendo quindi un punto di contatto per continuare a raccontare la storia della campagna oltre un tradizionale formato pubblicitario.

Tuttavia, qualunque sia la campagna creata, le piattaforme digitali sono solo un canale tra gli altri (che si tratti di pubblicità tradizionale, in negozio o PR) e quindi i contenuti devono essere creati e personalizzati per tutti i punti di contatto rilevanti.

Torna all'indice

Case study

Home Salon

Home Salon Spa consente al cliente di concedersi le migliori terapie di beauty e benessere senza rinunciare al comfort di casa sua: sono un team di professionisti altamente qualificati che offrono servizi di parrucchiere direttamente a casa del cliente.

Home Salon svolge le attività di inbound marketing per aumentare di 4 volte i loro lead. In che modo?

Innanzitutto Home Salon mira a far crescere e nutrire i suoi lead qualificati riducendo al contempo il costo per conversione.

L’inbound marketing, come già spiegato, inizia con l’identificazione della buyer persona, quindi occorre innanzitutto capire chi sono i tuoi potenziali clienti e quali informazioni vogliono ricevere mentre sono alla ricerca di soluzioni ai loro problemi.

Con questa identificazione, le aziende possono procedere a creare e condividere contenuti di valore che attraggono gli utenti giusti sul loro website. Questi preziosi contenuti includono spesso articoli, video, infografiche e webinar. Nel caso di Home Salon sono stati sfruttati i contenuti sul blog e la SEO.

Per ricevere informazioni su Home Salon, i visitatori del website devono fornire i propri dati di contatto compilando dei form. In questo modo gli stessi visitatori si convertiranno in potenziali lead.

Una volta identificato il lead, sono state progettate le strategie di lead nurturing per attrarre i potenziali acquirenti. E questo non solo nella fase di ricerca delle informazioni, ma nelle varie fasi del buyer journey, dalla “coltivazione” dei contatti attraverso il funnel di vendita fino all’acquisizione del team di vendita.

Il team ha implementato le attività di inbound marketing generando lead organici e garantendo conversioni, contenuti ottimizzati per la SEO, esecuzioni di campagne pay per click su Google e Facebook. Inoltre, sono state ottimizzate le landing page in modo che la user experience non venga interrotta e si raggiunga l’obiettivo di awareness.

Il loro website, che rappresenta la prima impressione del visitatore sul brand, presenta un design minimalista, con una giusta scelta di parole, il pulsante “prenota l’appuntamento” in una posizione strategica per attirare subito l’attenzione dell’utente, una CTA che incoraggia il visitatore a scaricare l’app e altre relative ai social network in cui il brand è attivo.

Il blog di Home Salon è caratterizzato da contenuti interessanti ed accattivanti che ruotano intorno ai servizi di salone e di bellezza, con pubblicazioni di nuovi post almeno una o due volte a settimana e presenza di numerose foto e immagini.

Il brand è attivo anche su Facebook, in cui condivide regolarmente gli articoli del blog, per conversare con i suoi clienti attuali e potenziali, lavorare sul loro feedback e informarli su offerte, sconti e novità.

Per quanto riguarda l’email marketing, si tratta di monitorare la campagna email in relazione al click through rate. Il brand deve avere una chiara idea di dove è stato diretto il traffico. Gli strumenti di applicazione del marketing automation aiutano ad identificare da dove proviene il lead e a gestire il relativo ROI.

La campagna pubblicitaria pay per click, invece, viene eseguita per generare lead ed il display marketing per diffondere brand awareness, incanalare le attività verso una buyer persona e, allo stesso tempo, mantenere bassi i costi di acquisizione.

Nel caso di Home Salon, le attività di inbound marketing hanno comportato un aumento del traffico online fino al 120%, con un incremento del 5% del numero di lead ed un conversion rate del 2%.

Glossy

L’industria della bellezza, pur essendo ancora soggetta a ondate di trend, deve affrontare cambiamenti molto più permanenti, poiché le definizioni di modelli, makeup artist e persino di “prodotto di bellezza” stanno estendendo la loro portata a 445 miliardi di dollari di vendite globali.

Instagram ha spinto l’innovazione e la democratizzazione in un modo che mette a confronto le startup indie online contro i sostenitori del passato e consente ai brand più disparati come Kylie Cosmetics e Glossier di prosperare per i giovani fan ancora impegnati che stanno costruendo un potenziale di guadagno.

Il più grande cambiamento dell’industria della bellezza, in realtà, è che il beauty non riguarda più soltanto il makeup, ma anche tutto ciò che c’è dietro. C’è più attenzione agli ingredienti “green”, una nuova percezione del lusso, che si presenta ora sotto forma di conoscenza e trasparenza dei brand di beauty.

La ricerca condotta da Glossy ha trovato che la diversità e l’inclusione dovrebbero essere gli obiettivi più importanti per il prossimo anno, riflettendo un cambiamento culturale che abbraccia le varie industrie, dalla moda, al beauty e alla cosmesi fino alla tecnologia.

Tra gli intervistati della ricerca di Glossy, è emerso che l’inclusività può estendersi alla rappresentazione di genere, tonalità della pelle, età, dimensioni ed estetica, ed è stata scelta da oltre il 50% degli intervistati come la tendenza principale per il futuro nel regno del beauty e cosmesi.

Così, in un’industria intrinsecamente visiva come quella del beauty e della cosmesi, la ricerca della bellezza è pervasiva, ma l’ispirazione potrebbe provenire proprio dall’interno.


Anche il tuo brand di beauty e cosmesi può (e deve) trarre vantaggio dalle potenzialità dell’inbound marketing. Con una buona attività di content marketing la tua strategia di inbound porterà il tuo brand a raggiungere risultati inaspettati. contattaci e richiedi la tua consulenza gratuita!

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA »

Ora è il tuo turno: lascia un commento

 

 

ombrina.jpg

Sei un imprenditore o un marketer in cerca di risultati?